La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Litaliano e le altre lingue nella scuola Monica Barni Università per Stranieri di Siena Convegno IO PARLO STRANIERO Firenze, 16 ottobre 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Litaliano e le altre lingue nella scuola Monica Barni Università per Stranieri di Siena Convegno IO PARLO STRANIERO Firenze, 16 ottobre 2012."— Transcript della presentazione:

1 Litaliano e le altre lingue nella scuola Monica Barni Università per Stranieri di Siena Convegno IO PARLO STRANIERO Firenze, 16 ottobre 2012

2 Situazione linguistica nei Paesi del mondo Crisi del monolitismo linguistico (De Mauro, 2006) Rappresentazione della realtà linguistica dei singoli Stati Ideologia politica monolingue Le teorie linguistiche: lidea che un parlante debba aderire ad una lingua come un monolite ha cominciato a cedere il passo a una più realistica visione di parlanti che vivono, o quanto meno, se vogliono, possono vivere assai liberamente facendo ricorso ai mezzi che le lingue a loro note offrono per esprimersi (ibid., 2006) Blommaert (2010), Pennycook (2005), Jacquemet (2005), Gal (2006)

3 In Italia La presenza delle lingue immigrate nei territori, nella comunicazione di ambito sociale (insegne, manifesti, pubblicità ecc.), nella scuola sta immettendo nel tradizionale spazio linguistico italiano un polo di neoplurilinguismo che ancora di più sottolinea il carattere dinamico della identità linguistica nazionale, e il carattere di ultra-lingua dell'italiano (nella terminologia di La Fauci, 2010), e di superdiversità linguistica (nella terminologia di Vertovec (2006, 2007; Barni, Vedovelli, 2009)

4 succedersi delle generazioni di immigrati (Dossier Caritas, 2011: stranieri, 7,5% della popolazione non ancora regolarizzati non regolari) e, anche a scuola, presenza di fasce consistenti di giovani e giovanissimi arrivati da piccoli in Italia o nati qui (MIUR, 25 ottobre 2011: nel 2010/11, 7,9% sul totale degli alunni; il 42,1% è nato in Italia) la cui identità è (ancora) plurilingue In Italia

5 hanno messo in luce alcuni tratti dellidentità linguistica delle giovani e giovanissime generazioni di immigrati di origine straniera: uno spazio linguistico a disposizione di tali scolari più ampio di quello dei coetanei italiani; la pressione del contesto idiomatico locale (non necessariamente centrato sullitaliano standard); un territorio idiomatico segnato dal contatto fra più lingue e rispetto al quale essi non manifestano alcuna paura di gestione in termini di miscuglio o di sovrapposizione (soprattutto alle scuole primarie) e in grado di suscitare la curiosità e linteresse dei compagni monolingui. Le ricerche senesi

6 A livello di politiche linguistiche ed educative Si riconosce linnegabile compresenza di lingue diverse e loro potenziale permeabilità la diversità linguistica come risorsa, strumento di crescita individuale e collettiva, sia sul piano culturale, sia su quello economico UNESCO, 2003; High Level Group on Multilingualism, 2007; Council of the EU, 2008; Group of Intellectuals for Intercultural Dialogue, 2008; European Parliament, 2009; Beacco et al. 2010; CILT, 2006

7 Multilinguismo presente,the availability of language skills, come chiave del successo di Londra come città per il business

8 a tale potenziale risorsa di plurilinguismo, importantissima per un Paese la cui economia ha possibilità di vita solo se capace di internazionalizzazione, non corrisponde una politica linguistica, soprattutto nel sistema scolastico, adeguata a valorizzarla e a inserirla in un più ampio progetto di crescita linguistica (plurilinguistica) dell'intera società: While the multilingual classroom presents ample and creative openings for effective language learning and intercultural understanding these opportunities are frequently lost (Hélot, Ó Laoire, 2011: xi). La questione delle lingue in Italia: uno dei Paesi europei in cui si conoscono meno le lingue! Ma

9 EUROBAROMETER 2012

10

11 Le lingue a scuola Lofferta didattica, la sua organizzazione e la formazione e laggiornamento degli insegnanti nel settore delle lingue, a partire dalla scuola dellinfanzia a quella secondaria di secondo grado, possano essere migliorati Attenzione prevalente per la lingua inglese fra le lingue straniere: è la lingua che viene maggiormente insegnata e promossa a tutti i livelli scolastici

12 Le lingue a scuola Inglese e altre lingue straniere Primaria Secondaria di I grado Secondaria di II grado ItaliaMedia europea

13 Insegnanti: opportunità di formazione & mobilità Primaria: formazione ItaliaMedia europea Primaria: mobilità Secondaria: formazione Secondaria: mobilità

14 Le lingue a scuola Uso del CLIL Primaria Secondaria ItaliaMedia

15 Le lingue a scuola Lingue immigrate Primaria Secondaria ItaliaMedia

16 Le lingue a scuola Italiano Infanzia Primaria Secondaria ItaliaMedia europea

17 Il destino linguistico della nostra civiltà: Babele Le ragioni di Babele: Il plurilinguismo è punizione divina, intrinseca alla condizione umana È il timore del non capire e non farsi capire: è il timore del conflitto

18 Il destino linguistico della nostra civiltà: la Pentecoste Le ragioni della Pentecoste: Il plurilinguismo è un dono divino, segno di una ricomposizione, cioè di una conquista Il plurilinguismo è segno e condizione dellattenzione alle ragioni degli altri

19 se obiettivo dellEuropa e in generale delleducazione linguistica è far sì che gli allunni siano abituati al plurilinguismo attraverso lapprendimento di almeno due lingue straniere e lo sviluppo di una educazione bilingue (v. ad. Programmi e campagne per linsegnamento precoce delle lingue promosse dalla Comissione Europea, come Piccolingo, o lintroduzione del CLIL) allora molti studenti nelle nostre classi sono già bi- o pluri- lingui, ma la loro condizione è ignorata, o addirittura considerata come una fonte di problemi (soprattutto nel caso di alunni di famiglie immigrate) di conseguenza molti di questi studenti vengono riabituati al monolinguismo attraverso la scuola Paradossi (Hélot, 2008)

20 Studi sulla consapevolezza metalinguistica (Jessner, 2006; Kemp, 2007; Sorace) dimostrano che è sottostimata la capacità dei bilingui Eppure lingue diverse sono tenute sotto silenzio nelle classi, o addirittura considerate un impedimento per il successo scolastico e lapprendimento in generale È possibile trasformarle da peso a risorsa? È possibile considerare le cross-linguistic learning strategies e la consapevolezza metalinguistica degli apprendenti come risorsa fra le lingue e le discipline? Apprendere attraverso le lingue e non attraverso la lingua della scuola, sfidando il suo ruolo egemonico nelleducazione Che cosa ci dice la ricerca scientifica?

21 riconoscere la diversità e le diverse identità prodotte nei contesti di migrazione; allontanarsi da una ideologia linguistica che si focalizza solo sullutilità delle lingue (Le Nevez, 2006; Makoni & Pennycook, 2007); discostarsi dai unabitudine al monolinguismo nelle nostre scuole (Gogolin, 1994); riconoscere il potenziale dellecologia multilingue della classe nelleducazione linguistica; superare le tradizionali barriere sociolinguistiche nellimplementazione di un curriculum plurilingue; Immaginare una classe multilingue significa

22 riconoscere che il multilinguismo come il bilinguismo sono più della somma delle lingue che li compongono (Cenoz and Genesse, 1998; Council of Europe, 2001) sfruttare la consapevolezza metalinguistica degli studenti; difendere le politiche e le pratiche linguistiche degli insegnanti. « When linguistic diversity is the norm, it is no longer acceptable for mainstream teachers to believe that supporting second language learners is not an essential part of their responsibility » (Bourne, 2003 : 29) Immaginare una classe multilingue significa

23 Qual è la sfida per gli educatori? Attribuire uno status uguale a tutte le lingue e le culture presenti a scuola: quali lingue sono utili oggi? Lo saranno anche domani? (classifica di Bloomberg, 2011) abituare i ragazzi alla diversità, combattendo il razzismo e lintolleranza incontrare lalterità non imparare molte lingue, ma imparare sulle lingue Perregaux (2003): « Children learn to be explorers in the world of language and languages »

24 Questo non significa dover imparare molte lingue, ma solo gestire una educazione centrata sulle lingue e sui linguaggi complementare alla educazione nella L1 e nelle lingue straniere, fondamentale per incrementare la consapevolezza metalinguistica un bridging subject (Hawkins, 1984) basato su tutte le lingue, a prescindere dal loro status, che opera sugli atteggiamenti degli alunni e degli insegnanti per aiutarli a comprendere la realtà odierna, multilingue e multiculturale, andando oltre le considerazioni sulle lingue e che apre alleducazione alla cittadinanza, al rispetto per gli altri, alla solidarietà ecc. Azione per tutti gli insegnanti, non solo quelli di italiano odi lingue

25 «Bilingual education is the only way to educate children in the 21st century» (Garcia, 2009: 5) Plurilingualismo: educazione linguistica adeguata alla società europea; un principio fondamentale delle politiche linguistiche nel contesto educativo parte dellidentità europea: circa 220 varietà linguistiche sono presenti in Europa; scopo delleducazione linguistica, legata alla nozione di cittadinanza democratica perché apprendere le lingue degli altri è il primo e fondametale strumento per sviluppare una cultura del plurilinguismo


Scaricare ppt "Litaliano e le altre lingue nella scuola Monica Barni Università per Stranieri di Siena Convegno IO PARLO STRANIERO Firenze, 16 ottobre 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google