La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONFRONTI GIOVANI Specializzandi a tu per tu: confronti senza il professore Trieste, Sessione contemporanea di sabato 3 dicembre dei XVIII Confronti in.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONFRONTI GIOVANI Specializzandi a tu per tu: confronti senza il professore Trieste, Sessione contemporanea di sabato 3 dicembre dei XVIII Confronti in."— Transcript della presentazione:

1 CONFRONTI GIOVANI Specializzandi a tu per tu: confronti senza il professore Trieste, Sessione contemporanea di sabato 3 dicembre dei XVIII Confronti in Pediatria SEGRETERIA SCIENTIFICA Tania Gerarduzzi Laura Travan Alessandro Lenhardt Chiara Oretti Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria

2 1° Incontro Nazionale degli Specializzandi di Pediatria 1 ottobre 2001 Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria

3 2° Incontro Nazionale degli Specializzandi di Pediatria 2 ottobre 2002 Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria

4 1° Direttivo Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria Michele Salata - Angelo Di Giorgio - Sabrina Buonuomo - Luigi Titomanlio - Alessandro Manganaro - Giangiacomo Garrone

5 Giornate Giovani di Prospettive in Pediatria Assemblea Nazionale ONSP Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria

6 Conclusioni e stesura di una proposta di requisiti per una Scuola di Specializzazione in Pediatria sempre migliore CONFRONTI GIOVANI Specializzandi a tu per tu: confronti senza il professore Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria

7 Decreto Legislativo 8 agosto 1991, n. 257 Attuazione della direttiva n. 82/76/CEE Decreto Ministeriale 11 maggio 1995 Modificazioni allordinamento didattico universitario relativamente alle scuole di specializzazione del settore medico Decreto Legislativo 17 agosto 1999, n.368 Attuazione della direttiva 93/16/CEE Decreto in G. U. n.258 del 5 novembre 2005 Riassetto delle Scuole di Specializzazione di area sanitaria

8 Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria Conclusioni e stesura di una proposta di requisiti per una Scuola di Specializzazione in Pediatria… sempre migliore! CONFRONTI GIOVANI Specializzandi a tu per tu: confronti senza il professore

9

10 Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria Scheda di Valutazione dei Percorsi Formativi della Scuola di Specializzazione in Pediatria Rotazione e Docenti REGOLAMENTO di SCUOLA CONFRONTI GIOVANI Specializzandi a tu per tu: confronti senza il professore

11 Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria FORMAZIONE DEL MEDICO SPECIALIZZANDO E ORGANIZZAZIONE DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN PEDIATRIA RIFLESSIONI DELLONSP INTRODUZIONE LOsservatorio Nazionale Specializzandi in Pediatria (ONSP), associazione nata spontaneamente dalla volontà di alcuni specializzandi in pediatria, ha tra i suoi scopi il favorire una sempre migliore formazione del Medico Specializzando in Pediatria in Italia. LONSP ha promosso numerosi appuntamenti e iniziative volti sia a fare formazione, sia a riflettere sulle modalità con cui viene fatta formazione agli Specializzandi in Pediatria. Questo documento propone una serie di riflessioni e vuole essere un contributo positivo degli specializzandi alla costruzione di una scuola di specialità migliore.

12 Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria ALCUNE CONSIDERAZIONI La considerazione più generale è che vi è un netto iato tra come dovrebbe essere per norma di legge la scuola di Specialità in Pediatria e la situazione attuale che gli specializzandi vivono. Leggendo il documento Classe delle Specializzazioni in MEDICINA CLINICA DELLETA EVOLUTIVA la non corrispondenza tre quanto prescritto e realtà è evidente. Il problema sostanziale, non è quindi il disegnare sulla carta la Scuola di Specialità perfetta, ma il realizzare concretamente una Scuola di Specialità in Pediatria possibile e verificarne leffettiva realizzazione in ogni singola sede. Di seguito abbiamo evidenziato alcuni punti chiave che riteniamo critici. 1.La formazione presenta sul territorio italiano una varietà di forme e modi. Alcuni esempi di tale disomogeneità, e di conseguenza di diversa qualità delle singole scuole sono: il grado di autonomizzazione degli specializzandi, la possibilità di esporre gli specializzandi a casistiche sufficientemente ampie e varie, le modalità di rotazione e partecipazione ai servizi, le possibilità di esperienze allestero o al di fuori della propria sede universitaria, le opportunità di ricerca e laccesso ai fondi

13 Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria 2.Scarsa conoscenza della situazione nazionale e locale: attualmente non esistono dati e strumenti ufficiali che permettano un reale confronto sulle modalità della formazione nelle diverse sedi. 3.Scarso confronto sulla formazione tra docenti e discenti: non sono presenti organismi ufficiali o ufficiosi in cui Rappresentanti dei Medici Specializzandi e Direttori delle Scuole di Pediatria si confrontino sullofferta formativa. 4.Mancanza di un piano di programmazione delle esperienze formative allestero o in realtà extrauniversitarie: quella che sulla carta è unoccasione a cui dovrebbero poter accedere tutti i Medici Specializzandi in realtà si esprime attraverso iniziative dei singoli specializzandi o professori e resta per lo più unesperienza isolata o comunque di portata limitata rispetto alle sue potenzialità. 5.Scarso ruolo della ricerca nelle formazione degli specializzandi.

14 OOBIETTIVI Alla luce di tali considerazioni lONSP auspica che gli organi preposti alla formazione dei futuri pediatri (Collegio dei Direttori di Specialità, Collegio dei Professori universitari, Commissione Cultura della SIP) si rendano garanti che in ogni Scuola di Specialità: 11) Siano presenti i requisiti minimi, sia quantitativi sia qualitativi, necessari ad una Scuola di Specializzazione in Pediatria e strutture convenzionate 22) Gli specializzandi abbiano un ruolo attivo, basato sul concetto di imparare lavorando, dove il curriculum studiorum è centrato, non sulla semplice acquisizione di informazioni, ma su una reale formazione teorico-pratica, definendone i compiti, le responsabilità e le autonomie. Con acquisizione graduale e progressiva 33) Le modalità di valutazione siano esplicite e coerenti. 44) Siano possibili esperienze di ricerca clinica avanzata e competitiva sia nellambito delle diverse Scuole di Specialità, sia tra le diverse Scuole di Specialità, ricordando come questa sia il presupposto di unassistenza di qualità. Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria European Academy of Paediatrics

15 Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria CONCLUSIONI Lobiettivo dellONSP è quello di porsi come componente attiva, sia facendosi esso stesso promotore di iniziative formative e culturali sia portando energia ed entusiasmo a coloro che hanno il ruolo istituzionale di organizzare la formazione degli specializzandi in Pediatria. Ci piace concludere sottolineando che crediamo che la medicina, ed in particolar modo la pediatria, sia una scienza che per essere imparata ha bisogno di buoni maestri, questo documento vuole essere unoccasione per proseguire un incontro iniziato a Sciacca lo scorso maggio. Documento redatto da: Roberta Petrucci Marco Marinoni 1 2

16 VIII Giornate Giovani di Prospettive in Pediatria Napoli, Febbraio 2006 Dipartimento di Pediatria Federico II Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria

17 3° Congresso Nazionale ONSP Sciacca, Maggio 2006 Osservatorio Nazionale Specializzandi Pediatria


Scaricare ppt "CONFRONTI GIOVANI Specializzandi a tu per tu: confronti senza il professore Trieste, Sessione contemporanea di sabato 3 dicembre dei XVIII Confronti in."

Presentazioni simili


Annunci Google