La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INDICAZIONI ALLA CHIRURGIA TIROIDEA PER CANCRO 24° CONGRESSO NAZIONALE A.C.O.I. Tiroidectomia per cancro Montecatini Terme, 25-28 maggio 2005 lettura di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INDICAZIONI ALLA CHIRURGIA TIROIDEA PER CANCRO 24° CONGRESSO NAZIONALE A.C.O.I. Tiroidectomia per cancro Montecatini Terme, 25-28 maggio 2005 lettura di."— Transcript della presentazione:

1 INDICAZIONI ALLA CHIRURGIA TIROIDEA PER CANCRO 24° CONGRESSO NAZIONALE A.C.O.I. Tiroidectomia per cancro Montecatini Terme, maggio 2005 lettura di Lodovico Rosato

2 Carcinoma tiroideo: incidenza nella popolazione generale 1-2% di tutta la patologia neoplastica 0,5-10 casi/ abitanti/anno Rapporto maschi: femmine = 1:2-4 Tonacchera M, Pinchera A. Epidemiologia della patologia tiroidea. In: Rosato L. La patologia Chirurgica della tiroide e delle paratiroidi. Ed. CLUB delle U.E.C., giugno 2000

3 Carcinoma differenziato 90% di tutti i carcinomi della tiroide: Papillari 80 – 90 % Follicolari 10 – 20 % WHO classification of tumors, 2004

4 Carcinoma differenziato della tiroide Negli USA lincidenza del carcinoma papillifero è raddoppiata dal 1980 ad oggi (da a casi circa), con un rapporto F/M di 4/1 SEER Cancer Statistic 2004

5 Cancro della tiroide incidenza e mortalità totale migliaia donne uomini mortalità SEER Cancer Statistic 2004

6 Carcinoma differenziato della tiroide Distribuzione per età

7 TOTALE CASI Rosato L, Avenia N, Bernante P, De Palma M, Gulino G, Nasi PG, Pelizzo MR, Pezzullo L. World J. Surg. 2004; 28:

8 Rosato L, Avenia N, Bernante P, De Palma M, Gulino G, Nasi PG, Pelizzo MR, Pezzullo L. World J. Surg Tumori tiroidei: istotipo Rosato L, Avenia N, Bernante P, De Palma M, Gulino G, Nasi PG, Pelizzo MR, Pezzullo L. World J. Surg. 2004

9 Rosato L, Avenia N, Bernante P, De Palma M, Gulino G, Nasi PG, Pelizzo MR, Pezzullo L. World J. Surg Incidenza dei tipi istologici di tumore su 1911 tumori tiroidei operati Rosato L, Avenia N, Bernante P, De Palma M, Gulino G, Nasi PG, Pelizzo MR, Pezzullo L. World J. Surg (1.731) (95) (85)

10 CDT: fattori prognostici E.O.R.T.C E.O.R.T.C (età, istotipo, TNM, sesso) A.G.E.S A.G.E.S (Age, Grade, Extent, Size) T.N.M T.N.M (Tumor, Node, Metastases) A.M.E.S A.M.E.S (Age, Metastases, Extent, Size) D.A.M.E.S D.A.M.E.S (DNA ploidy + AMES) S.A.G S.A.G (Sex, Age, Grade) M.A.C.I.S M.A.C.I.S (Mts, Age, Completenes of resection, Size)

11 Di tutti questi fattori prognostici solo letà, la dimensione del tumore e le MTS a distanza e le MTS a distanza sono riconosciuti come fattori prognostici in relazione alla sopravvivenza e alla recidiva di malattia Morris DM et al. Ann Surg Oncol, 1998; 5: McHenry CR et al. Am J Surg, 1991; 162: 353-6

12 Carcinoma differenziato della tiroide Valutazione fattori prognostici (TNM 6° edizione –2002) Età 45 anni StadioTNMTNM IQualsiasi TQualsiasi NM0T1N0Mo IIQualsiasi TQualsiasi NM1T2N0M0 III T3N0M0 T1-T3N1aM0 IVA T4aN0M0 T4aN1aM0 T1-T4aN1bM0 IVBT4bQualsiasi NM0 IVCQualsiasi TQualsiasi NM1

13 Una casistica della Mayo Clinic ha valutato la sopravvivenza in base al T, rilevando che per i CTD è inversamente proporzionale alle dimensioni del Tumore, passando da un 98% al di sotto dei 2 cm al 50% per quelli oltre i 7 cm Hay ID et al. Surgery 1987; 102:

14 Carcinoma differenziato della tiroide Valutazione fattori prognostici SOPRAVVIVENZA10 anni20 anni Età < 45 aa97%96% Età > 45 aa82%71% M87%79% F92%86% T < 4 cm95%91% T > 4 cm68%57%

15 Carcinoma differenziato della tiroide Valutazione fattori prognostici SOPRAVVIVENZA10 anni20 anni Papillifero91%87% Follicolare83%76% T unifocale95%93% T multifocale92%88% N088%86% N+84%82% M090%86% M+50%43%

16 Altri fattori predittivi di rischio di recidiva o persistenza di tumore l incompleta asportazione del tumore primitivo l alto grado di aggressività del tumore: – istotipo di alto grado – componente poco differenziata – estensione extracapsulare – invasione vascolare l tumori non captanti 131 I

17 Carcinoma della Tiroide: prognosi Papillifero Follicolare Variante: a cellule alte (tall cells) a cellule cilindriche sclerosante Anaplastico buona meno buonapessima Variante: insulare oncocitaria invasiva

18 La prognosi dei pazienti affetti da CDT è eccellente con un tasso complessivo di mortalità che è riportato fra 1.2% e 17% Noguchi S et al. Surg Clin North Am 1987; 67: Tubiana M, Schlumberger M et al. Cancer 1985; 55:

19 QualechirurgianeiCDT? Peter Paul Rubens: Unione di Terra e Mare Ermitage – San Pietroburgo

20 LAmerican Thyroid Association (ATA) e lAmerican Association of Clinical Endocrinologist raccomandano la Near Total o la Tiroidectomia totale per il trattamento chirurgico dei CDT Singer PA et al. Arch Intern Med, 1996; 156: Hay ID et al. Endocr Pract, 1997; 3: 60-71

21 CLUB delle U.E.C. Associazione delle Unità di Endocrinochirurgia Italiane eS.I.E.C. Società Italiana di Endocrinochirurgia raccomandano la Tiroidectomia totale per il trattamento chirurgico dei CDT La patologia Chirurgica della tiroide e delle paratiroidi. A cura di Rosato L. Ed. CLUB delle U.E.C., giugno 2000

22 Cosa si deve intendere per tiroidectomia totale? Evidenziazione dei NLR Rispetto dellintegrità anatomica e vascolare delle paratiroidi Rispetto dellintegrità anatomica della branca esterna dei NLS Asportazione della tiroide in toto + la piramide

23 Argomenti per la tiroidectomia totale (1) l non tutti gli elementi prognostici sono noti prima dellintervento l la Total Body con I 131 permette di diagnosticare le metastasi la misurazione nel siero dei livelli di HTG facilita il follow-up post-operatoriola misurazione nel siero dei livelli di HTG facilita il follow-up post-operatorio l va contro ogni principio oncologico inseguire le metastasi, aspettandone la manifestazione clinica, piuttosto che prevenirle

24 Argomenti per la tiroidectomia totale (2) l le mts di CDT si possono presentare a distanza anche di molti anni, non sempre captano il radioiodio, si possono localizzare in organi o apparati (ossa, cervello) dove determinano una grave compromissione della qualità della vita e una effettiva riduzione della sopravvivenza.

25 E proponibile una chirurgia conservativa nel CDT in contrapposizione alla T.T. ? Peter Paul Rubens: Venere allo specchio Collezione privata del principe di Lieechtenstein

26 La Society of Surgical Oncology propone la lobectomia nei T1, almeno come procedura iniziale Shaha AR et al. Oncology, 1997; 11: 1228

27 Argomenti per una chirurgia conservativa (1) l eventuali foci neoplastici nel tessuto residuo non hanno significato clinico e non modificano la prognosi l le recidive hanno una maggiore incidenza dopo LIT, ma non modificano la prognosi l con la LIT si dimezzano i rischi di lesioni laringee e non esiste lipoparatiroidismo

28 Argomenti per una chirurgia conservativa (2) l non potere eseguire la Total Body con I 131 non comporta alcun rischio aggiuntivo in quanto leventuale comparsa di mts può essere trattata per tempo senza ulteriori rischi per la sopravvivenza l la T.T. non è giustificata nel cancro di piccola taglia (< a 1.5 cm) in quanto si asporterebbe un lobo controlaterale indenne

29 QUALE CHIRURGIA ? Ca occulto con mts linfonodali microcarcinoma Ca incidentale o incidentaloma

30 CARCINOMA OCCULTO riscontro di metastasi linfonodali o a distanza di un carcinoma (papillifero) tiroideo misconosciuto

31 MICROCARCINOMA Tutti i carcinomi differenziati (papilliferi) della tiroide < di 1 cm secondo la WHO Hedinger C et Al. Histologic typing of thyroid tumors. In WHO International Histological classification of toumors. Vol II, 2nd edition. London Springer 1988

32 INCIDENTALOMA riscontro occasionale di carcinoma tiroideo < 1 cm nel contesto di una tiroide asportata chirurgicamente o per valutazione autoptica

33 TNM della tiroide T1 < 2cm

34 INCIDENTALOMA prevalenza su autopsie 6,5% 5,7% Lang W et Al. Am J Clin Pathol 1988

35 INCIDENTALOMA riscontri autoptici Lang W, Borrusch H, Bauer L. Occult carcinomas of the thyroid. Evaluation of 1,020 sequenzial autopsies. Am J Clin Pathol 1988; 90: 72-6

36 INCIDENTALOMA riscontri autoptici Lang W, Borrusch H, Bauer L. Occult carcinomas of the thyroid. Evaluation of 1,020 sequenzial autopsies. Am J Clin Pathol 1988; 90: 72-6

37 Incidentaloma: trattamento chirurgico Se trattato inconsapevolmente con Loboistmectomia, in presenza di fattori di rischio (età, T <1,5 cm, istologia) favorevoli e in assenza di multicentricità, non è necessario radicalizzare con tiroidectomia totale Baudin E, Travagli JP, Ropers J et Al. Cancer 1998; 83-3: 553-9

38 Microcarcinoma: trattamento chirurgico Il trattamento di scelta è la tiroidectomia totale la tiroidectomia totale di principio di principio Pelizzo MR, Bernante P, Piotto A. In: La patologia Chirurgica della tiroide e delle paratiroidi – Protocollo di trattamento diagnostico e terapeutico. A cura di Rosato L. Ed. CLUB delle U.E.C., giugno 2000 In: La patologia Chirurgica della tiroide e delle paratiroidi – Protocollo di trattamento diagnostico e terapeutico. A cura di Rosato L. Ed. CLUB delle U.E.C., giugno 2000

39 Microcarcinoma La sproporzione tra gli incidentalomi autoptici e le manifestazioni cliniche ha indotto alcuni Autori addirittura a non proporre alcun trattamento chirurgico Ito Y et Al. Thyroid 2003

40 Quando alla tiroidectomia si associa la linfoadenectomia? Piero della Francesca: Resurrezione (Particolare – Autoritratto)

41 In nessun sistema viene adottato lo stato LINFONODALE come fattore prognostico Metastasi linfonodale da carcinoma papillifero

42 Alcune scuole chirurgiche (ad es. quella Giapponese) hanno proposto per i T1 la Loboistmectomia unita alla dissezione modificata del collo omolaterale e del comparto centrale Noguchi M et al. Jpn J Surg 1984; 13: 110-7

43 In occidente la T.T. unita alla Linfoadenectomia Radicale Modificata del collo è usuale soltanto con linfonodi metastatici laterocervicali clinicamente palpabili Attie JN. Eur J Cancer Clin Oncol 1988; 24: Tezelman S, Clark OH. Adv Surgery 1995; 28:

44 Linfoadenectomia: Tumori differenziati Si, se vi è evidenza ecografica e/o clinica di mts linfonodali (Linfoadenectomia funzionale: livelli 1-6) Nobuyuki W et al. Ann Surg, 2003; 237: I VI II III IV V Livelli linfonodali del collo

45 Linfoadenectomia: Tumori differenziati Se i linfonodi sono clinicamente indenni, può essere presa in considerazione la linfoadenectomia selettiva profilattica del comparto centrale o anteriore (VI livello) in caso di fattori prognostici negativi. VI LIVELLO: prelaringei, pretracheali, pretiroidei, latero.-tracheali o ricorrenziali, del mediastino antero-superiore

46 Le micrometastasi linfonodali hanno un significato biologico e prognostico? Antonello da Messina: Ritratto di ignoto - 36x25 Gemäldegalerie, Dresda

47 MICROMETASTASI pN1mi: micrometastasi delle dimensioni massime tra 0.2 e 2 mm. UICC – TNM Classificazione dei Tumori Maligni – sesta edizione

48 Se inferiori a 0.2 mm, si definiscono Cellule Tumorali Isolate. Non mostrano attività di tipo metastatico o di invasione vascolare e/o linfatica. Qualora presenti nei linfonodi o a distanza devono essere classificati come N0 o M0 rispettivamente Qualora presenti nei linfonodi o a distanza devono essere classificati come N0 o M0 rispettivamente Hermanek P. et al. Cancer, 1999; 86:

49 E dimostrato che lincremento della taglia del Tumore (T) è significativamente associato con un incremento dellincidenza delle micrometastasi Tumore <1cm: mMTS nel 26-56% Tumore >1.1 cm: mMTS nel 66-74% Qubain SW et al. Surgery, 2002; 131: Nobuyuki W et al. Ann Surg, 2003; 237:

50 E dimostrato che la taglia del Tumore (T) non influenza la recidiva locale e che non cè differenza fra coloro che hanno eseguito una linfoadenectomia profilattica e chi non lha eseguita in assenza di mts clinicamente evidenti Nobuyuki W et al. Ann Surg, 2003; 237:

51 Non è dimostrato che la T.T. + la linfoadenectomia del collo in presenza di micrometastasi linfatiche abbia un impatto favorevole sulla sopravvivenza Witte J et al. World J Surgery, 2002; 26:

52 Il significato clinico e biologico della Tecnica del Linfonodo Sentinella nei CDT rimane da valutare, per quanto alcuni autori (in Italia Pelizzo) ne vedano sviluppi promettenti come per il Ca mammario ed il melanoma Keleman PR, Van Herle AJ, Giuliano AE. Arch Surgery 1998; 133:

53 RECIDIVE TUMORALI: prognosi l MIGLIORE: recidive documentabili con la scintigrafia total body e, quindi, captanti radioiodio l PEGGIORE: recidive identificate con altri presidi diagnostici o clinicamente manifeste

54 RECIDIVE TUMORALI: prevenzione l TIROIDECTOMIA TOTALE: sempre l LINFOADENECTOMIA PROFILATTICA: no nei differenziati, si nei midollari per il comparto anteriore, dubbia negli anaplastici

55 Non sono stati osservati tassi di recidiva differenti tra carcinomi papillari e follicolari. A parità di trattamento chirurgico Frasoldati A.et al. Cancer, 2003; 97: 90-6 Amedeo Modigliani: La droghiera Collezione privata


Scaricare ppt "INDICAZIONI ALLA CHIRURGIA TIROIDEA PER CANCRO 24° CONGRESSO NAZIONALE A.C.O.I. Tiroidectomia per cancro Montecatini Terme, 25-28 maggio 2005 lettura di."

Presentazioni simili


Annunci Google