La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PERCORSO DAPPRENDIMENTO di Christian Baldelli. GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE E DI RELAZIONE – Disciplina Educazione Fisica Disciplina: Educazione Fisica hi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PERCORSO DAPPRENDIMENTO di Christian Baldelli. GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE E DI RELAZIONE – Disciplina Educazione Fisica Disciplina: Educazione Fisica hi."— Transcript della presentazione:

1 PERCORSO DAPPRENDIMENTO di Christian Baldelli

2 GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE E DI RELAZIONE – Disciplina Educazione Fisica Disciplina: Educazione Fisica hi di socializzazione e di relazione

3 Il contesto socio-culturale dell Istituzione accogliente desunto dallanalisi del POF La scuola primaria è situata nella prima periferia di Perugia. Il contesto socio-economico-culturale del Circolo risulta variegato e complesso per la diversità dei territori compresi. Dallanalisi di tale contesto emergono diverse realtà riconducibili a denominatori comuni: Rilevante occupazione: nel settore dellartigianato, della piccola e media impresa e del terziario Aumento demografico: dovuto a immigrazioni di origine interna, comunitaria ed extracomunitaria con prevalenza dallEuropa dellEst: Romania, Polonia, Albania.

4 Il contesto socio-culturale dell Istituzione accogliente desunto dallanalisi del POF Presenza di realtà formative extrascolastiche: Gruppi sportivi e scuole di danza - Gruppi parrocchiali - Gruppi musicali - gruppi canori - scuole di musica Presenza di strutture per lo svolgimento di attività culturali e per il tempo libero Presenza di strutture per lo svolgimento di attività culturali e per il tempo libero: Campi sportivi – Palestre polivalenti – Parchi - Piscina - Biblioteca Comunale Manifestazioni culturali: Sagre - Concerti - Rievocazioni storiche. Presenza di Associazioni territoriali: Pro loco - Associazioni dei genitori - Associazioni sportive - Associazioni di volontariato - U.S.L. - Circoli ricreativi e culturali - Ufficio di Cittadinanza

5 Destinatari Classe I di una scuola primaria 18 alunni (8 femmine e 10 maschi) 7 di cittadinanza non italiana 1 bambino con certificazione 104/92 per un disturbo specifico del linguaggio104/92 Si specifica che i bambini provengono da diverse scuole dellInfanzia del territorio

6 Legge 104/92: La Legge 104 è la "Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate", non riguarda solo la scuola ma tutti gli ambiti della vita. LArt. 3. Comma 1 della legge 104 descrive la persona handicappata. handicappato è un termine sostituito oggi dal termine disabile. Secondo lArt. 4. della Legge 104 comma 1, laccertamento dellhandicap riguarda qualsiasi motivazione per cui si chiede laccertamento dellhandicap: vale per tutte le categorie di soggetti che richiedono una prestazione straordinaria. Può fare domanda per beneficiare della legge 104/92 il cittadino che pensa di avere una condizione temporanea o definitiva di svantaggio personale e/o sociale derivante da sostanziali limitazioni sul piano fisico, psichico o sensoriale. Tutte le persone senza limiti di età, cittadini italiani e stranieri con permesso di soggiorno. Per laccertamento dellhandicap occorre presentare una domanda allInps, corredata di certificato medico rilasciato dal Servizio Sanitario Nazionale (medico curante, medico specialista nella patologia o anche medico di patronato) territorialmente competente che certifica le eventuali patologie invalidanti.

7 Descrizione del contesto classe Dalle osservazioni fin qui condotte si rileva che nei momenti liberi nella classe il livello di scambio relazionale è buono. I bambini nei momenti liberi, pur mostrando di saper gestire il gioco nel rispetto delle regole, tendono tuttavia a formare raggruppamenti di genere ; in particolare le bambine si risuddividono in base a rapporti di amicizia pregressi sviluppati nella precedente frequenza scolastica. A livello comunicativo emergono un paio di bambini che assumono atteggiamenti da leader, appaiono molto propositivi e tendono a far prevalere le proprie idee. Gli scambi linguistici con i bambini di cittadinanza non italiana sembrano non precludere la possibilità di un confronto tuttavia alcune difficoltà lessicali inficiano a volte linterazione spontanea da parte di questi ultimi. Il bambino certificato interagisce positivamente con i compagni i quali mostrano disponibilità e apertura nei suoi confronti

8 Descrizione del contesto classe Dalle osservazioni fin qui condotte si rileva che nei momenti di lavoro organizzato e strutturato dagli insegnanti i bambini rispondono positivamente agli stimoli offerti, risultano attivi e partecipativi Alcuni alunni tendono a primeggiare volendo intervenire continuamente nelle discussioni e conversazioni di classe Altri alunni aderiscono passivamente alle posizioni e idee espresse dai compagni In alcune situazioni di apprendimento emergono rivalità e competizione che i bambini manifestano dal confronto delle prestazioni e dei tempi di svolgimento dellattività stessa

9 Il bambino certificato, in base alle osservazioni redatte nel primo periodo scolastico, finalizzate alla stesura di un primo profilo e alla strutturazione del PEI, mostra secondo i domini dellICF il seguente funzionamento: Dal punto di vista dellespressione verbale, il bambino spesso non riesce fonologicamente a pronunciare tutte le parti della frase; soventemente tralascia il soggetto per iniziare quello che vuol dire direttamente con il verbo, a volte il verbo o il nome sono lunica parte di frase che è solito usare, un po come i bambini che iniziano a parlare con lolofrase o la frase telegrafica. Accompagnando però in maniera estremamente partecipativa con gli altri codici non verbali la comunicazione, il bambino riesce a comunicare ed interagire liberamente con tutti. In alcune occasioni ha usato appropriatamente espressioni dialettali mostrando di essere influenzato dal contesto familiare e sociale. Si rilevano anche problematiche nella produzione fonetica di alcuni suoni; per tutto quello che concerne la decodifica del linguaggio altrui, o al contrario della decodifica del suo linguaggio, non si segnalano incomprensioni o barriere che limitino o lo escludano. Il Funzionamento del bambino

10 Partecipazione sociale Il bambino interagisce con le persone in modo contestualmente e socialmente adeguato. Egli reagisce e risponde in modo appropriato agli scambi sociali e allinterazioni con gli altri, non ha timore del contatto fisico e appare in grado di formare e sostenere relazioni significative, sia quando si tratta di altri bambini, sia quando si fa riferimento agli adulti. Questo è favorito dal suo modo rispettoso di porsi nei confronti di tutti. Non si rilevano atteggiamenti aggressivi né verbali, né tanto meno fisici, nelladerire alle convenzioni sociali del gruppo classe. Il bambino è solito imitare nelle attività ludiche e non quello che fanno i compagni.

11 Il percorso dapprendimento nasce dalla motivazione di … essere occasione per lo sviluppo di abilità sociali e comunicative attraverso la partecipazione ad attività motorie Partecipare alle attività motorie e sportive significa condividere con le altre persone, esperienze di gruppo, promuovendo linserimento anche di alunni con varie forme di diversità ed esaltando il valore della cooperazione e del lavoro di squadra. Il gioco e lo sport sono infatti, mediatori e facilitatori di relazioni e incontri.Lattività sportiva promuove il valore del rispetto di regole concordate e condivise e i valori etici che sono alla base della convivenza civile. I docenti sono impegnati a trasmettere e a far vivere ai ragazzi i principi di una cultura sportiva portatrice di rispetto per sé e per lavversario, di lealtà, di senso di appartenenza e di responsabilità, di controllo dellaggressività, di negoziazione di qualunque forma di violenza. Lesperienza motoria deve connotarsi come vissuto positivo, mettendo in risalto la capacità di fare dellalunno, rendendolo costantemente protagonista e progressivamente consapevole delle competenze motorie via via acquisite. ( tratto dalle Indicazioni nazionali per il Curricolo della scuola dellInfanzia e del primo ciclo dIstruzione –MIUR 2013) In coerenza con le scelte educative e culturali espresse nel POF dellIstituzione scolastica

12 Perché lEDUCAZIONE MOTORIA nel primo ciclo - promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità nella costante relazione con lambiente, gli altri, gli oggetti. Contribuisce alla formazione della personalità dellalunno attraverso la conoscenza e la consapevolezza della propria identità corporea, nonché del continuo bisogno di movimento come cura costante della propria persona e del proprio benessere consolida stili di vita corretti e salutari per imparare a star bene con se stessi Permette la riflessione sui cambiamenti del proprio corpo, per accettarli e viverli serenamente come espressione della crescita e del processo di maturazione di ogni persona Offre loccasione per riflettere sulle valenze che limmagine di sé assume nel confronto con gruppo dei pari Rappresenta loccasione per promuovere esperienze cognitive, sociali, culturali e affettive Offre la possibilità di sperimentare il successo delle proprie azioni sono fonte di gratificazione che incentivano lautostima dellalunno Consente di sperimentare la vittoria e la sconfitta contribuisce allapprendimento della capacità di modulare e controllare le proprie emozioni

13 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria Ed. Fisica Lalunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo Utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed esprimere i propri stati danimo anche attraverso lesperienze ritmico-musicali Agisce rispettando i criteri base di sicurezza per sé e per gli altri sia nel movimento che nelluso degli attrezzi e trasferisce tale competenza nellambiente scolastico ed extrascolastico Riconosce alcuni essenziali principi relativi al proprio benessere psicofisico legati alla cura del proprio corpo. Comprende, allinterno delle varie occasioni di gioco e sport, il valore delle regole e limportanza di rispettarle

14 Italiano Lallievo partecipa a scambi comunicativi ( conversazioni di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando messaggi chiari e pertinenti, in un registro il più possibile adeguato alla situazione Matematica Lallievo raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi, ne identifica alcune proprietà, confronta e valuta quantità, esegue misurazioni usando strumenti alla sua portata Arte e immagine Lalunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi ( espressivi, narrativi, rappresentativi e comunicativi) Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

15 Strategie per linclusione Lattività dovrebbe consentire a ciascun bambino di esprimere il proprio potenziale contando sulla mediazione dellinsegnante e sulla collaborazione dei pari. Per questo tipo di attività, presumo, non occorrano particolari adattamenti e facilitazioni per garantire la partecipazione di tutti i bambini, presuppongo che le modalità metodologiche poste in essere garantiscano linclusione. Linsegnante si porrà comunque come mediatore e facilitatore dellattività ed interverrà per garantire il rispetto della partecipazione di tutti gli alunni. Il docente si esprimerà con un linguaggio semplice, strutturato con frasi brevi e chiare rinforzate da indicazioni gestuali ed accompagnati, se necessario, da esemplificazioni che saranno funzionali per la partecipazione dei bambini di cittadinanza non italiana. Gli obiettivi del presente percorso dapprendimento appaiono congrui a legittimare la partecipazione di tutti anche del bambino certificato in considerazione delle osservazioni iniziali redatte dalle insegnanti ( funzionali alla redazione del PEI) e dellanalisi del PDF agli atti della scuola. In particolare la dimensione motoria appare facilitare nellalunno lespressione di istanze comunicative e disagi di varia natura che non sempre riesce a comunicare con il linguaggio verbale.PEIPDF

16 PEI Art.5 – Atto di Indirizzo Il piano educativo individualizzato ( indicato in seguito con il termine PEI) è il documento nel quale vengono descritti gli interventi integrati ed equilibrati tra di loro, predisposti per lalunno in situazione di handicap, in un determinato periodo di tempo, ai fini della realizzazione del diritto alleducazione e allistruzione, di cui ai primi quattro commi dellart. 12 della legge n° 104/1992. Il PEI è redatto, ai sensi del comma 5 del predetto art. 12, congiuntamente dagli operatori sanitari individuati dalla USL e/o USSL e dal personale insegnante curricolare e di sostegno della scuola e, ove presente, con la partecipazione dellinsegnante operatore psicopedagigico in collaborazione con i genitori o gli esercenti la potestà parentale dellalunno. Il PEI tiene presente i progetti educativi riabilitativi e di socializzazione individualizzati nonché le forme di integrazione tra attività scolastiche ed extra-scoalstiche di cui alla lettera A del comma 1 dellart. 13 della legge n° 104/92. Nella definizione del PEI i soggetti di cui al precedente comma 2, propongono, ciascuno in base alla propria esperienza pedagogica, medico-scientifica e di contatto, e sulla base dei dati derivati alla diagnosi funzionale e al profilo dinamico funzionale, di cui ai precedenti art.3 e 4, gli interventi finalizzati alla piena realizzazione del diritto alleducazione, allistruzione e integrazione scolastica dellalunno in situazione di handicap. Detti interventi propositivi vengono successivamente integrati tra loro in modo da giungere alla redazione conclusiva in un piano educativo che sia correlato alle disabilità dellalunno stesso, alle conseguenti difficoltà e alle potenzialità dellalunno comunque disponibili. IL PEI VERRA REDATTO SECONDO IL MODELLO CONDIVISO DALLISTITUZIONE SCOLASTICA DI RIFERIMENTO, IN RACCORDO ALLA PROGETTAZIONE DI CLASSE E AL POF

17 Profilo Dinamico Funzionale Art.4 – Atto di Indirizzo Ai sensi dellart. 12 comma 5 della legge n° 104/92, il profilo dinamico funzionale è atto successivo alla diagnosi funzionale e indica in via prioritaria dopo un primo periodo di inserimento scolastico il prevedibile livello di sviluppo che lalunno in situazione di handicap dimostra di possedere nei tempi brevi ( 6 mesi) e nei tempi medi ( 2 anni). Il profilo dinamico funzionale viene redatto dallunità multidisciplinare di cui allart. 3, dai docenti curriculari e dagli insegnanti specializzati della scuola che riferiscono sulla base della diretta osservazione ovvero in base allesperienza maturata in situazioni analoghe, con la collaborazione dei familiari dellalunno. Il profilo dinamico funzionale, sulla base dei dati riportati della diagnosi funzionale, di cui allarticolo precedente descrive in modo analitico i possibili livelli di risposta dellalunno in situazione di handicap riferiti alle relazioni in atto e a quelle programmabili. Il profilo dinamico funzionale comprende necessariamente: la descrizione funzionale dellalunno in relazione alle difficoltà che lalunno dimostra di incontrare nei settori di attività; lanalisi dello sviluppo potenziale dellalunno a breve e a medio termine, desunto dallesame dei seguenti parametri: cognitivo, affettivo- relazionale, comunicazionale, linguistico, sensoriale, motorio- prussico, neuropsicologico, autonomia, apprendimento, esaminato in riferimento alle potenzialità esprimibili in relazione alletà prescolare, scolare…

18 Tempi Lattività progettata si svolgerà ipoteticamente nella seconda metà di ottobre, sarà strutturata in due unità di lavoro di due ore ciascuna. Le attività si avvieranno e si concluderanno con le medesime attività ( n° A-B-C- ) Le attività n° … si svolgeranno nella prima giornata Le attività 3 – 4 si svolgeranno nella seconda giornata SEQUENZE ATTIVITAPRIMA GIORNATA: A,1,2,B,C SEQUENZE ATTIVITA SECONDA GIORNATA: A,3,4,B,C

19 Risorse umane Un insegnante di classeMateriale NON STRUTTURATO: palloncini, materiale cartaceo, matite, cere, gessi, pennarelli, tempere, scatole di scarpe, filo elastico, ecc …Spazi Palestra e aula

20

21 Lambiente di apprendimento Linsegnante faciliterà la partecipazione di tutti gli alunni, garantendo lo svolgimento delle attività in modo reciprocamente rispettoso. Predisporrà il setting ed il materiale necessario a garantire una attiva partecipazione di tutti i bambini; privilegerà lesplorazione e la scoperta di giochi nuovi creando un clima di classe facilitante la partecipazione, favorirà lo sviluppo graduale di unindipendenza emotiva. Questo stile di insegnamento dovrebbe produrre il desiderio di partecipare e cooperare, e sviluppare un sentimento di responsabilità e di abitudine allautocontrollo, nonché incoraggiare la cooperazione tra gli alunni.

22 Lambiente di apprendimento Linsegnante osserverà i processi cognitivi, di integrazione tra funzioni e di adattamento motorio individuale che, a loro volta, dipendono dalla maturazione del soggetto nel suo complesso. Inoltre osserverà latteggiamento di ciascun bambino nei confronti dellattività e stimolerà la consapevolezza del suo modo di apprendere dallesperienza in particolare rispetto alle difficoltà incontrate per rendersi conto degli esiti delle proprie azioni e trarne considerazioni per migliorare

23 PRIMA GIORNATA- attività A: Scopriamo chi siamo Obiettivo di apprendimento : Coordinare e utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro Riconoscere e valutare traiettorie, distanze, ritmi esecutivi e successioni temporali delle azioni motorie, sapendo organizzare il proprio movimento nello spazio Sviluppo dellattività Setting fisico: i bambini vengono invitati a disporsi in cerchio seduti a terra Consegna: lanciate la palla al compagno declinando contemporaneamente il suo nome Lalunno: - Rispetta la consegna -memorizza i nomi dei compagni - lancia la palla coordinando lo schema motorio - riconosce le varie traiettorie, distanze e ritmi esecutivi e successioni temporali -Sa attendere il suo turno Lalunno: - Rispetta la consegna -memorizza i nomi dei compagni - lancia la palla coordinando lo schema motorio - riconosce le varie traiettorie, distanze e ritmi esecutivi e successioni temporali -Sa attendere il suo turno Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le scelte operate da ciascuno - eventuale esclusione di alcuni - le abilità coordinative e motorie mostrate Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le scelte operate da ciascuno - eventuale esclusione di alcuni - le abilità coordinative e motorie mostrate

24 Marco! MamAR rco! Marco! MamAR rco!

25 1° attività: Facciamolo insieme Obiettivo di apprendimento relativi alla disciplina di educazione fisica: Coordinare e utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro Utilizzare in forma originale e creativa modalità espressive e corporee Elaborare ed eseguire semplici sequenze di movimento Obiettivo di apprendimento relativi alla disciplina di matematica: Saper seriare in ordine di grandezza crescente ( dal basso allalto) Sviluppo dellattività Consegna: i bambini si dispongono in riga in ordine di altezza dal più basso al più alto, poi si accoppiano con il compagno alla propria sx e vengono invitati a spostarsi insieme trasportando un palloncino gonfiato preventivamente. I bambini sperimenteranno diverse posture, prima terranno il palloncino tra le due fronti, poi schiena contro schiena e infine frontalmente pancia contro pancia. I bambini si muovono seguendo un sottofondo musicale che verrà variato dallinsegnante. Linsegnante valuterà se introdurre variazioni di ritmo Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario -E attento allaltro, ai suoi movimenti -Accetta esperienze nuove - condivide esperienze corporee con un compagno, accetta il contatto fisico Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario -E attento allaltro, ai suoi movimenti -Accetta esperienze nuove - condivide esperienze corporee con un compagno, accetta il contatto fisico Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le abilità coordinative e motorie mostrate -Laccettazione dellaltro Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le abilità coordinative e motorie mostrate -Laccettazione dellaltro

26 2° attività: La staffetta con le scatole Obiettivo di apprendimento : Coordinare e utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro Conoscere ed applicare correttamente modalità esecutive di diverse proposte di giocosport Partecipare attivamente alle varie forme di gioco, organizzate anche in forma di gara, collaborando con gli altri Rispettare le regole nella competizione sportiva, saper accettare la sconfitta con equilibrio e vivere la vittoria esprimendo rispetto nei confronti dei perdenti, accettando le diversità, manifestando senso di responsabilità Sviluppo dellattività Consegna: i bambini si dividono in due squadre e successivamente in coppie in base alle indicazioni dellinsegnante. Per giocare occorrono sei scatole di scarpe sufficientemente robuste. Si gioca preferibilmente su una pavimentazione liscia. I le coppie si dispongono dietro una linea di partenza e si stabilisce un punto di arrivo che può essere comune ad entrambe le squadre oppure possono essercene due, uno per squadra. I bambini della coppia si legano allaltezza della caviglia ponendo affiancate le gambe adiacenti e pattinando dentro le scatole di cui una in comune ( utilizzano tre scatole per coppia). Insieme arrivano al traguardo e tornano indietro dando il cambio alla coppia successiva. Vince chi arriva prima rispettando le regole. Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario -E attento allaltro, ai suoi movimenti -Accetta esperienze nuove - condivide esperienze corporee con un compagno, accetta il contatto fisico -accetta il ritmo dellaltro Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario -E attento allaltro, ai suoi movimenti -Accetta esperienze nuove - condivide esperienze corporee con un compagno, accetta il contatto fisico -accetta il ritmo dellaltro Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le abilità coordinative e motorie mostrate -Lacccettazione dellaltro -il fair-play tra le due squadre Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le abilità coordinative e motorie mostrate -Lacccettazione dellaltro -il fair-play tra le due squadre

27 Attività B: Metariflessione Obiettivo di apprendimento: Esprimere vissuti ed emozioni Rispettare il turno di parola Saper ascoltare laltro Rispettare i vissuti degli altri, senza esprimere giudizi in merito Sviluppo dellattività Consegna: i bambini si dispongono seduti in cerchio e condividono con linsegnante lesperienza vissuta esprimendo le emozioni provate e le difficoltà incontrate. I bambini si alzano in piedi e si muovono liberamente nello spazio palestra battendo il cinque con ogni compagno incontrato Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario ( saper stare seduti in cerchio) -E attento allaltro, ai suoi vissuti -Rispetta il turno -Ascolta quello che i compagni esprimono Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario ( saper stare seduti in cerchio) -E attento allaltro, ai suoi vissuti -Rispetta il turno -Ascolta quello che i compagni esprimono Linsegnante osserva : -la comprensione della consegna e il suo rispetto -La capacità del singolo di esprimere i propri vissuti -L accettazione dellaltro e dei suoi vissuti Linsegnante sollecita, pone domande stimolo, incoraggia e media la comunicazione Linsegnante osserva : -la comprensione della consegna e il suo rispetto -La capacità del singolo di esprimere i propri vissuti -L accettazione dellaltro e dei suoi vissuti Linsegnante sollecita, pone domande stimolo, incoraggia e media la comunicazione

28

29 Obiettivo di apprendimento: Elaborare creativamente produzioni personali ed autentiche per esprimere sensazioni ed emozioni rappresentare e comunicare la realtà percepita Sviluppo dellattività Consegna: i bambini si dispongono seduti nei banchi e rappresentano graficamente con la tecnica che preferiscono lattività che a loro è piaciuta di più. I bambini possono scegliere liberamente la tecnica Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa esprimere i vissuti emotivi - sa rappresentare graficamente i propri vissuti -Sa portare a termine il lavoro con cura Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa esprimere i vissuti emotivi - sa rappresentare graficamente i propri vissuti -Sa portare a termine il lavoro con cura Linsegnante osserva : -la comprensione della consegna e il suo rispetto -La capacità del singolo di esprimere i propri vissuti graficamente -La ricchezza espressiva del prodotto -L uso della tecnica Linsegnante osserva : -la comprensione della consegna e il suo rispetto -La capacità del singolo di esprimere i propri vissuti graficamente -La ricchezza espressiva del prodotto -L uso della tecnica Attività C: Racconta disegnando

30 SECONDA GIORNATA- Attività A: Scopriamo chi siamo Obiettivo di apprendimento : Coordinare e utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro Riconoscere e valutare traiettorie, distanze, ritmi esecutivi e successioni temporali delle azioni motorie, sapendo organizzare il proprio movimento nello spazio Sviluppo dellattività Setting fisico: i bambini vengono invitati a disporsi in cerchio seduti a terra Consegna: lanciate la palla al compagno declinando contemporaneamente il suo nome Lalunno: - Rispetta la consegna -memorizza i nomi dei compagni - lancia la palla coordinando lo schema motorio - riconosce le varie traiettorie, distanze e ritmi esecutivi e successioni temporali -Sa attendere il suo turno Lalunno: - Rispetta la consegna -memorizza i nomi dei compagni - lancia la palla coordinando lo schema motorio - riconosce le varie traiettorie, distanze e ritmi esecutivi e successioni temporali -Sa attendere il suo turno Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le scelte operate da ciascuno - eventuale esclusione di alcuni -Eventuali variazioni di scelte - le abilità coordinative e motorie mostrate Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le scelte operate da ciascuno - eventuale esclusione di alcuni -Eventuali variazioni di scelte - le abilità coordinative e motorie mostrate

31 3° attività: Staffetta con i palloni Obiettivo di apprendimento : Coordinare e utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro Conoscere ed applicare correttamente modalità esecutive di diverse proposte di gioco-sport Partecipare attivamente alle varie forme di gioco, organizzate anche in forma di gara, collaborando con gli altri Rispettare le regole nella competizione sportiva, saper accettare la sconfitta con equilibrio e vivere la vittoria esprimendo rispetto nei confronti dei perdenti, accettando le diversità, manifestando senso di responsabilità Sviluppo dellattività Consegna: i bambini si dividono in due squadre e successivamente in terne in base alle indicazioni dellinsegnante. Per giocare occorrono due palloni e due canestri. Le terne con un pallone ciascuna, si dispongono dietro una linea di partenza. I tre bambini, disposti separatamente, devono passarsi più volte la palla durante il tragitto che li porta verso il proprio canestro e una volta in prossimità di esso, ciascuno avrà a disposizione un tiro per fare canestro. Appena tutti e tre avranno tirato dovranno ripercorrere al contrario il tragitto sempre passandosi la palla e consegnarla poi a laltro trio della propria squadra. Vince la squadra che termina per prima quattro ripetizioni rispettando il giusto ordine e le regole, e non chi fa più canestri Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario -E attento allaltro, ai suoi movimenti -Accetta esperienze nuove - condivide esperienze corporee con un compagno, -Accetta la prestazione dellaltro Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario -E attento allaltro, ai suoi movimenti -Accetta esperienze nuove - condivide esperienze corporee con un compagno, -Accetta la prestazione dellaltro Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le abilità coordinative e motorie mostrate -Laccettazione dellaltro -il fair-play delle due squadre Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le abilità coordinative e motorie mostrate -Laccettazione dellaltro -il fair-play delle due squadre

32 4° attività: Su la testa Obiettivo di apprendimento : Coordinare e utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro Conoscere ed applicare correttamente modalità esecutive di diverse proposte di giocosport Partecipare attivamente alle varie forme di gioco, organizzate anche in forma di gara, collaborando con gli altri Rispettare le regole nella competizione sportiva, saper accettare la sconfitta con equilibrio e vivere la vittoria esprimendo rispetto nei confronti dei perdenti, accettando le diversità, manifestando senso di responsabilità Sviluppo dellattività Consegna: i bambini si dividono in due squadre e si dispongono su due file indiane. Per giocare occorrono due palloni e due canestri. Le file si disporranno con il volto rivolto verso il proprio canestro. I bambini dovranno passarsi uno dopo laltro la palla, facendola scorrere in avanti sopra la propria testa, finché questa non arriverà allultimo bambino della fila il quale andrà di corsa a tirare a canestro. Dopo aver tirato, raccoglierà la palla, andrà in fondo alla sua fila e consegnerà al penultimo membro della fila la palla e la squadra ricomincerà a passarsela rispettando la fila. Vince la squadra che termina per prima due ripetizioni rispettando il giusto ordine e le regole, e non chi fa più canestri. Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario -E attento allaltro, ai suoi movimenti -Accetta esperienze nuove - condivide esperienze corporee con un compagno -accetta la prestazione dellaltro Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario -E attento allaltro, ai suoi movimenti -Accetta esperienze nuove - condivide esperienze corporee con un compagno -accetta la prestazione dellaltro Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le abilità coordinative e motorie mostrate -Laccettazione delle prestazioni dellaltro -il fair-play tra le due squadre Linsegnante osserva : - la comprensione della consegna - il rispetto delle regole da parte di ogni alunno - le abilità coordinative e motorie mostrate -Laccettazione delle prestazioni dellaltro -il fair-play tra le due squadre

33 Attività B: Metariflessione Obiettivo di apprendimento: Esprimere vissuti ed emozioni Rispettare il turno di parola Saper ascoltare laltro Rispettare i vissuti degli altri, senza esprimere giudizi in merito Sviluppo dellattività Consegna: i bambini si dispongono seduti in cerchio e condividono con linsegnante lesperienza vissuta esprimendo le emozioni provate e le difficoltà incontrate. I bambini si alzano in piedi e si muovono liberamente nello spazio palestra battendo il cinque con ogni compagno incontrato Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario ( saper stare seduti in cerchio) -E attento allaltro, ai suoi vissuti -Rispetta il turno -Ascolta quello che i compagni esprimono Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa mantenere il controllo posturale necessario ( saper stare seduti in cerchio) -E attento allaltro, ai suoi vissuti -Rispetta il turno -Ascolta quello che i compagni esprimono Linsegnante osserva : -la comprensione della consegna e il suo rispetto -La capacità del singolo di esprimere i propri vissuti -L accettazione dellaltro e dei suoi vissuti Linsegnante sollecita, pone domande stimolo, incoraggia e media la comunicazione Linsegnante osserva : -la comprensione della consegna e il suo rispetto -La capacità del singolo di esprimere i propri vissuti -L accettazione dellaltro e dei suoi vissuti Linsegnante sollecita, pone domande stimolo, incoraggia e media la comunicazione

34 Obiettivo di apprendimento: Elaborare creativamente produzioni personali ed autentiche per esprimere sensazioni ed emozioni rappresentare e comunicare la realtà percepita Sviluppo dellattività Consegna: i bambini si dispongono seduti nei banchi e rappresentano graficamente con la tecnica che preferiscono lattività che a loro è piaciuta di più. I bambini possono scegliere liberamente la tecnica Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa esprimere i vissuti emotivi - sa rappresentare graficamente i propri vissuti -Sa portare a termine il lavoro con cura Lalunno: - Rispetta la consegna -Sa esprimere i vissuti emotivi - sa rappresentare graficamente i propri vissuti -Sa portare a termine il lavoro con cura Linsegnante osserva : -la comprensione della consegna e il suo rispetto -La capacità del singolo di esprimere i propri vissuti graficamente -La ricchezza espressiva del prodotto -L uso della tecnica Linsegnante osserva : -la comprensione della consegna e il suo rispetto -La capacità del singolo di esprimere i propri vissuti graficamente -La ricchezza espressiva del prodotto -L uso della tecnica Attività C: Racconta disegnando

35 VERIFICA-VALUTAZIONE Il percorso formativo di ogni bambino sarà osservato sia durante le attività, sia alla fine per valutare i seguenti indicatori: interesse e motivazione mostrata nellattività; adattabilità a vivere esperienze nuove; comprensione della consegna; capacità di relazionarsi con gli altri in attività strutturate; capacità di collaborazione attivata nel gioco a coppie e/o di squadra sportività e il fair play mostrato abilità motorie e schemi posturali messi in gioco; capacità di rielaborazione dellesperienza capacità di esprimere vissuti ed emozioni rispetto dellaltro e dei suoi vissuti capacità di rielaborazione grafica dellesperienza Uso della tecnica pittorica

36 VERIFICA-VALUTAZIONE Verrà predisposta una griglia di osservazione con uno spazio aperto per le rilevazioni e annotazioni in itinere delle prestazioni degli alunni e al termine dellattività verrà redatta una rilevazione valutativa finale sugli stessi indicatori ma espressa con una scala di valutazione (da 1 a 5) Linsegnante predisporrà un continuo monitoraggio dellefficacia sia delle attività proposte sia delle strategie didattico – relazionali adottate. In base ai feedback offerti dai bambini, saranno introdotte le modifiche e/o le integrazioni opportune.

37 Data………………………………………..Alunno:………………………………………………. DescrittoriOsservazioni/rilevazioni interesse e motivazione mostrata nellattività adattabilità a vivere esperienze nuove; Comprensione della consegna; capacità di relazionarsi con gli altri in attività strutturate capacità di collaborazione attivata nel gioco a coppie e/o di squadra sportività e il fair play mostrato abilità motorie e schemi posturali messi in gioco; capacità di rielaborazione dellesperienza Capacità di esprimere vissuti ed emozioni rispetto dellaltro e dei suoi vissuti Capacità di rielaborazione grafica dellesperienza Uso della tecnica pittorica

38 Descrittori12345 Data……………………… Alunno:……………………………………………… interesse e motivazione mostrata nellattività adattabilità a vivere esperienze nuove; Comprensione della consegna; capacità di relazionarsi con gli altri in attività strutturate capacità di collaborazione attivata nel gioco a coppie e/o di squadra sportività e il fair play mostrato abilità motorie e schemi posturali messi in gioco; capacità di rielaborazione dellesperienza Capacità di esprimere vissuti ed emozioni rispetto dellaltro e dei suoi vissuti Capacità di rielaborazione grafica dellesperienza Uso della tecnica pittorica

39 Griglia di osservazione per il bambino certificato per la documentazione del suo percorso formativo Relazione con i compagni Sta in disparte Si relaziona solo se sollecitato dai compagni Si relaziona solo nei momenti di bisogno Si relaziona solo con il compagno preferito Si relaziona prevalentemente con un piccolo gruppo di pari Si relaziona solo con i compagni della stesso sesso Si relaziona con tutti i compagni indifferentemente Altro … Relazione con gli insegnanti Si relazione solo nei momenti di bisogno Si relaziona spontaneamente Si relazione per avere conferme e rassicurazioni Si relaziona per essere gratificato Altro …

40 Relazione con lambiente Va in un angolo per isolarsi Utilizza tutti gli spazi proposti Utilizza spazi in maniera adeguata Si muove negli spazi con disinvoltura Griglia di osservazione per il bambino certificato per la documentazione del suo percorso formativo Griglia di osservazione per il bambino certificato per la documentazione del suo percorso formativo

41 Socialità Comprende le regole Accetta e rispetta le regole Rispetta il proprio turno Rispetta i tempi di attesa Si comporta sportivamente Comunicazione Usa solo il linguaggio non verbale Uso appropriatamente il linguaggio verbale (rilevazione del grado di strutturazione del linguaggio verbale espresso) Accetta il contatto fisico Comprende delle consegne Sa esprimere bisogni o richieste specifiche Chiede chiarimenti se necessari Griglia di osservazione per il bambino certificato per la documentazione del suo percorso formativo Griglia di osservazione per il bambino certificato per la documentazione del suo percorso formativo

42 Coordinazione generale Sa utilizzare schemi motori semplici Sa coordinare i propri movimenti assumendo una postura consona Sa organizzare il proprio movimento nello spazio Correre Lateralizzazione Coordinazione oculo- manuale Lanciare la palla coordinandola alla direzione Lanciare la palla coordinando la forza in rapporto alla distanza Afferrare la palla Lanciare la palla a canestro Griglia di osservazione per il bambino certificato per la documentazione del suo percorso formativo Griglia di osservazione per il bambino certificato per la documentazione del suo percorso formativo

43 DOCUMENTAZIONE Alla conclusione delle due giornate di attività i bambini, insieme allinsegnante, realizzeranno un cartellone dove apporranno le proprie produzioni grafiche. Il cartellone verrà appeso alle pareti della classe. Secondo le Indicazioni nazionali per il Curricolo 2013La pratica della documentazione va intesa come processo che produce tracce, memoria e riflessione, negli adulti e nei bambini rendendo visibili le modalità e i percorsi dei formazione e permettendo di apprezzare i progressi dellapprendimento individuale e di gruppo.


Scaricare ppt "PERCORSO DAPPRENDIMENTO di Christian Baldelli. GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE E DI RELAZIONE – Disciplina Educazione Fisica Disciplina: Educazione Fisica hi."

Presentazioni simili


Annunci Google