La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il dolore nel paziente oncologico Dott. R. Faggiuolo Dott. P. Allione S.O.C. Oncologia ASL CN2 – Alba Bra.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il dolore nel paziente oncologico Dott. R. Faggiuolo Dott. P. Allione S.O.C. Oncologia ASL CN2 – Alba Bra."— Transcript della presentazione:

1 Il dolore nel paziente oncologico Dott. R. Faggiuolo Dott. P. Allione S.O.C. Oncologia ASL CN2 – Alba Bra

2 Il cancro come malattia cronica storia naturale

3 Prevalenza di sintomi in pazienti oncologici e non Percentage of Patients ExperiencingDifferent Symptoms in the Last Year of Life Skillbeck et al -Palliat Med 1998; 12:

4 Cause di dolore nel paziente oncologico Nella maggior parte dei casi il dolore è direttamente provocato dal cancro, ma possono intervenire anche altri fattori a seconda della fase della malattia nella sua storia naturale Direttamente provocato dal cancro Terapia antineoplastica Non correlato al cancro

5 Epidemiologia del dolore oncologico Il dolore oncologico ha unalta prevalenza nel 30-40% dei pazienti nella fase iniziale di malattia nel 60-80% dei pazienti in fase terminale della malattia. (Bernebei et al, 1998; Caraceni et al,1999; Cleeland et al, 1994; Heim et al, 1993; Portenoy, 1994; Portenoy et al, 1992; Serlin et al, 1995)

6 Storia naturale Fase iniziale – malattia localizzata/operabile Terapia neoadiuvante o adiuvante Guarigione Fase avanzata o metastatica Chemioterapia palliativa Obiettivo palliazione e prolungamento della sopravvivenza

7 Dolore e storia naturale Fase loco regionale di malattia Terapia chirurgica Dolore acuto post chirurgico Dolore cronico post chirurgico

8

9 Dolore e storia naturale – malattia localizzata Terapia adiuvante Sì Chemioterapia Terapie biologiche No Radioterapia

10 Effetti collaterali delle terapie antineoplastiche e dolore Ormonoterapia e Chemioterapia Mucosite Neuropatia periferica (taxani, alcaloidi della vinca, L-oxaliplatino) Artralgie (inibitori dellaromatasi) Hand foot syndrome (5-fluorouracile) Radioterapia Mucosite Dematite Fibrosi post attinica

11 Dolore e storia naturale – malattia metastatica Cause di dolore Progressione di malattia Effetti collaterali dei trattamenti antineoplastici

12 Somatico oMetastasi ossee oCefalea (ipertensione endocranica) Viscerale oOcclusione intestinale (carcinosi peritoneale) oDistensione epatica Neuropatico oCompressione midollare oCompressione radicolare oCompressione plesso brachiale (T. di Pancoast) Cause di dolore oncologico – malattia metastatica

13 TIPOLOGIA DEL DOLORE ONCOLOGICO

14 NOCICETTIVO MISTONEUROPATICO

15 Coesistenza di più sedi di dolore nel paziente oncologico Il 25% dei pazienti Non ha dolore Il 75% dei pazienti ha dolore Il 19% dei pazienti ha una sola sede di dolore Il 61% dei pazienti ha da 2 a 4 sedi di dolore Il 20% dei pazienti ha una più di 4 sedi di dolore

16 Intensità del dolore nel malato oncologico lievemoderatosevero American Cancer Society

17 Prevalenza del dolore nel paziente oncologico Ovaio, cervice, pancreas Colon, retto, mammella Vie biliari, cavo orale Prostata, vescica Utero, laringe Linfomi Leucemie

18 Dolore e storia naturale – malattia metastatica Opzioni terapeutiche Chemioterapia Ormonoterapia Terapie biologiche Radioterapia Chirurgia palliativa Terapie loco-regionali Terapia antalgica

19

20 Lo scopo della chemioterapia nel paziente con malattia metastatica, non è solo quello di prolungare la sopravvivenza. Lobiettivo principale del trattamento medico è soprattutto quello di migliorare la qualità di vita del paziente, attraverso una palliazione dei sintomi di malattia, specialmente il dolore Malattia metastatica Chemioterapia come intervento palliativo

21

22 PALLIAZIONE TOSSICITA

23 ~20% dei pazienti con tumore metastatico sviluppa metastasi ossee clinicamente evidenti nel corso della malattia 80% di tutti i casi derivano da primitività mammaria, prostatica e polmonare Teca Coste Colonna Pelvi Ossa lunghe Mammella 28% 59% 60% 38% 32% Polmone 16% 65% 43% 25% 27% Prostata 14% 50% 60% 57% 38% Teca Coste Colonna Pelvi Ossa lunghe Mammella 28% 59% 60% 38% 32% Polmone 16% 65% 43% 25% 27% Prostata 14% 50% 60% 57% 38% Metastasi ossee - epidemiologia

24 Metastasi ossee - fisiopatologia

25 Metastasi ossee - osteolitiche

26 Metastasi ossee - osteoaddensanti

27 Dolore nel paziente con metastasi ossee NOCICETTIVO MISTONEUROPATICO Erosione della corticale Attivazione dei nocicettori del periostio Fratture patologiche Compressione midollare Compressione delle radici nervose

28 Prevenire gli eventi scheletrici Ridurre al minimo linvalidità Dare sollievo dal dolore Migliorare la funzionalità Migliorare la qualità di vita Obiettivi secondari Limitare gli eventi avversi Migliorare laccettabilità del paziente Considerare il suo stile di vita Ridurre i costi di gestione della terapia LA MALATTIA METASTATICA OSSEA Obiettivi del Trattamento Obiettivi primari

29 Trattamento multidisciplinare delle metastasi ossee Radioterapia Chemioterapia Ormonoterapia Bifosfonati Terapia antalgica Chirurgia ortopedica Radiologia interventistica Terapia radiometabolica

30 Trattamento multidisciplinare delle metastasi ossee Radioterapia Chemioterapia Ormonoterapia Bifosfonati Terapia antalgica Chirurgia ortopedica Radiologia interventistica Terapia radiometabolica Radioterapista Oncologo Anestesista Ortopedico Radiologo Medico nucleare

31 Trattamento multidisciplinare delle metastasi ossee

32

33 Conclusioni Il dolore nel paziente oncologico È uno dei sintomi più frequenti e rilevanti Può intervenire in qualunque momento della storia naturale della malattia È generalmente correlato direttamente al tumore ma può anche dipendere da altri fattori, compresa la terapia antineoplastica Può essere contrastato attraverso un approccio multidisciplinare e la cooperazione tra diverse specialità


Scaricare ppt "Il dolore nel paziente oncologico Dott. R. Faggiuolo Dott. P. Allione S.O.C. Oncologia ASL CN2 – Alba Bra."

Presentazioni simili


Annunci Google