La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trattamenti Locoregionali nella progressione Dr ANNA DI BLASIO U.O. DI ONCOLOGIA ASL AVEZZANO-SULMONA-LAQUILA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trattamenti Locoregionali nella progressione Dr ANNA DI BLASIO U.O. DI ONCOLOGIA ASL AVEZZANO-SULMONA-LAQUILA."— Transcript della presentazione:

1 Trattamenti Locoregionali nella progressione Dr ANNA DI BLASIO U.O. DI ONCOLOGIA ASL AVEZZANO-SULMONA-LAQUILA

2 COLON-RETTO METASTATICO RADIOLOGO INTERVENTISTA CHIRURGO ONCOLOGO ONCOLOGO

3 Quali sono le opzioni terapeutiche nella progressione? Terapia Medica: il trattamento gold standard nella malattia metastatica In caso di progressione di malattia in corso di trattamento medico: Chirurgia Trattamenti locoregionali: chemioembolizzazione (CE) e Termoablazione con Radiofrequenza ( ARF) quasi esclusivamente utilizzate nella progressione epatica di malattia

4 Cosa si utilizza nella Chemioembolizzazione Agenti chemioterapici: - IRINOTECAN, CISPLATINO, DOXORUBICINA, MITOMICINA C Lipiodol 5-15 ml Embolizzanti: spongostan, gelfoam, collagene, alcohol polyvinyl particles

5 CONTROINDICAZIONI Alterata funzionalità epatica Alterata funzionalità renale Trombosi del tronco portale Problemi coagulativi

6 DC Beads DC Beads sono microsfere biocompatibili, non riassorbibili, idrofiliche e capaci di rilasciare in maniera controllata il chemioterapico

7 DRUG-ELUTING BEADS (DEB) DEB-TACE Hepasphere (Biosphere Medical) DC Bead (Biocompatibles, Surrey, UK) microparticelle che assorbono lagente chemioterapico ed hanno la proprietà di navigare nei piccoli vasi afferenti alla neoplasia; una volta che le particelle hanno bloccato la vascolarizzazione intratumorale rilasciano il chemioterapico

8 Perché utilizzare TACE? Permettere una maggior concentrazione di chemioterapico nel tumore Ridurre gli effetti sistemici dei chemioterapici Leffetto embolico aumenta luptake del chemioterapico e produce necrosi tumorale

9 Pre CE Post CE

10 Quattro dei sei pazienti trattati hanno avuto risposta parziale, due di essi sono andati allintevento chirurgico radicale TRANSALTERIAL CHEMOEMBOLIZATION WITH DEGRADABLE STARCH MICROSPHERES, IRINOTECAN, MITOMYCIN C IN PATIENTS WITH LIVER METASTASES J Gastrointest Surg- February, 2006 volume 10/ Number 2

11 In questo studio I pazienti hanno ricevuto chemoembolizzazione con FU-FA e in associazione con lipiodol e chemioterapia sistemica dopo 2 settimane con FU I.C. in 24 H, FA in Bolo, schedula settimanale per 24 settimane complessive. La mediana di FU di 27 mesi, la risposta obiettiva del 47.7 %, intervallo di DFS di 12 mesi, mediana di sopravvivenza di 16 mesi COMBINING SYSTEMIC CHEMOTHERAPY WITH CHEMOEMBOLIZATION IN THE TREATMENT OF UNRESECTABLE EPATIC METASTASES FROM COLORECTAL CANCER Int J Colorectal Dis- January, 2006 volume 21/ Number 1

12 Un totale di 245 trattamenti sono stati effettuati su 121 pazienti in 141 cicli La chemioembolizzazione ha dato un controllo locale della malattia nel 43% dei casi trattati. La mediana di sopravvivenza complessiva è stata di 27 mesi e di 11 mesi a fallimento di seconda linea di chemioterapia sistemica CHEMOEMBOLIZATION OF COLORECTAL LIVER METASTASES WITH CISPLATIN, DOXORUBICIN, MITOMYCIN C, ETHIODOL, AND POLYVINYL ALCOHOL CANCER- January 15, 2011 volume 117/ Number 2

13 Termoablazione con RF La tecnica della termoablazione con radiofrequenza consiste nell'introduzione di un ago nel fegato, indirizzandolo verso il tumore. Sulla punta dell'ago è posto un elettrodo collegato ad un generatore di radiofrequenza. L'elettrodo brucia la neoplasia, non ledendo i tessuti circostanti.

14 Quando utilizzare ARF Opzione terapeutica in pz progressione di malattia durante terapia medica che non può essere candidato a resezione chirurgica ARF è generalmente limitata a pz con una singola alterazione o comunque meno di 5 lesioni, singolarmente con diametro < =3 cm

15

16 PZ con metastasi <= a 3 cm tendono ad avere un più lungo overall survival rispetto a pz con metastasi di maggiori dimensioni

17 CASO CLINICO

18 F 67 anni 2006 Diagnosi di neoplasia colon chirurgia e chemioterapia adiuvante Controlli periodici 2009 metastasi epatiche Anamnesi: 1977 Colecistectomia, 1986 Episodio di melena di ndd Isteroannessiectomia per patologia benigna e resezione di un polipo gastrico.

19 CASO CLINICO Terapia locoregionale Esami ematochimici TAC ADDOME Metastasi epatiche CEA Ca 19.9 positivi chemioterapia

20 NOVEMBRE 2009 INIZIA TERAPIA CON schedula FOLFIRI –BEVACIZUMAB Dopo 6 cicli, TAC di rivalutazione, sospensione del Bevacizumab CEAT con Irinotecan 100 mg CASO CLINICO TERAPIA

21 CASO CLINICO Continua …. Prima CEAT Seconda CEAT Terza CEAT Controllo dopo CEAT RADIOLOGIA INTERVENTISTICA

22 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Trattamenti Locoregionali nella progressione Dr ANNA DI BLASIO U.O. DI ONCOLOGIA ASL AVEZZANO-SULMONA-LAQUILA."

Presentazioni simili


Annunci Google