La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trattamenti locoregionali nella progressione Dr Carlo Morosi Dr Rodolfo Lanocita S.C. Radiologia 2 Istituto Nazionale Tumori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trattamenti locoregionali nella progressione Dr Carlo Morosi Dr Rodolfo Lanocita S.C. Radiologia 2 Istituto Nazionale Tumori."— Transcript della presentazione:

1 Trattamenti locoregionali nella progressione Dr Carlo Morosi Dr Rodolfo Lanocita S.C. Radiologia 2 Istituto Nazionale Tumori

2 GIST METASTATICO RADIOLOGO INTERVENTISTA CHIRURGO ONCOLOGO ONCOLOGO

3 Quali sono le opzioni terapeutiche nella progressione? Terapia Medica: inibitori tirosinkinasici multitarget rappresentano il trattamento gold standard nella malattia metastatica In caso di progresssione di malattia in corso di trattamento medica: Chirurgia Trattamenti locoregionali: chemioembolizzazione (CE) e Termoablazione con Radiofrequenza ( ARF) quasi esclusivamente utilizzate nella progressione epatica di malattia

4 Cosa si utilizza nella Chemioembolizzazione Agenti chemioterapici: - ANTRACICLINE Doxorubicina, Epirubicina - PLATINUM - Vinblastina Lipiodol 5-15 ml Embolizzanti: spongostan, gelfoam, collagene, alcohol polyvinyl particles

5 DC Beads DC Beads sono microsfere biocompatibili, non riassorbibili, idrofiliche e capaci di rilasciare in maniera controllata il chemioterapico

6 CONTROINDICAZIONI Alterata funzionalità epatica Alterata funzionalità renale Trombosi del tronco portale Problemi coagulativi

7 71% dei pz con documentata progressione delle mts epatiche prima della CE ha dimostrato risposta radiologica o stabilizzazione di malattia dopo CE In 212 procedure si sono verificate 25 complicanze moderate o severe (12%); 1 pz è stato sottoposto a colecistectomia

8 I pz sottoposti a una singola CE hanno avuto un PFS-liver più breve rispetto a pz sottoposti a 2 sessioni (5.3 mesi vs. 9.7 mesi ) Il tempo di PFS-liver è risultato essere più breve con laumentare del numero delle metastasi epatiche (rispettivamente 11 e 6 mesi per pz con 2–5 e >5 lesioni

9 In questo studio il tempo di OS mediano era significativamente più lungo nei pz che erano stati trattati con imatinib sia prima che dopo la CE rispetto ai pz che non avevano ricevuto imatinib (42.8 mesi vs.15.7 mesi).

10 Sono stati valutati 14 pz sottoposti ad embolizzazione e CE in GIST resistenti ad Imatinib e con progressione delle metastasi epatiche Complicanze maggiori si sono verificate in 2pz (14%)

11 Pre CE Post CE Sulla base dei criteri CT Choi una risposta parziale o stabilità di malattia è stata riscontrata in 7 (54%) and 6 (46%) pz

12 In questo piccolo studio la PFS-liver mediana è stata di 28.1 settimane tenendo conto che gran parte dei pz aveva unestesa malattia epatica Comunque, poiché molti pz sottoposti a trattamenti locoregionali continuano a ricevere terapia medica non è possibile valutare lo specifico contributo dellembolizzazione e Chemioembolizzazione alla soppravvivenza di questa popolazione di pz.

13 in pz selezionati e con sola malattia epatica in progressione la CE associata a terapia medica può rappresentare una strategia terapeutica La CE non è indicata nei pz con metastasi extraepatiche in progressione.

14 Termoablazione con RF La tecnica della termoablazione con radiofrequenza consiste nell'introduzione di un ago nel fegato, indirizzandolo verso il tumore. Sulla punta dell'ago è posto un elettrodo collegato ad un generatore di radiofrequenza. L'elettrodo brucia la neoplasia, non ledendo i tessuti circostanti.

15 Quando utilizzare ARF Opzione terapeutica in pz con GIST avanzato e progressione di malattia durante terapia medica che non può essere candidato a resezione chirurgica ARF è generalmente limitata a pz con una singola alterazione o comunque meno di 5 lesioni, singolarmente con diametro < =3 cm

16

17 ARF con stop-flow: tecnica con Gelfoam 2000

18 9 pz con GIST metastatico sono stati trattati con terapia ablativa percutanea con radiofrequenza: Questi pz avevano ricevuto Imatinib per una mediana di 25 mesi prima della ARF. Tutte le lesioni sono state trattate con successo senza complicazioni. In 4 pz la malattia è rimasta stabile con terapia con Imatinib dopo ARF con una mediana di follow-up di 5.8 months. La procedura di ARF è sicura (complicazioni <6%)

19 PZ con metastasi <= a 3 cm tendono ad avere un più lungo overall survival rispetto a pz con metastasi di maggiori dimensioni

20 DRUG-ELUTING BEADS (DEB) DEB-TACE Hepasphere (Biosphere Medical) DC Bead (Biocompatibles, Surrey, UK) microparticelle che assorbono lagente chemioterapico ed hanno la proprietà di navigare nei piccoli vasi afferenti alla neoplasia; una volta che le particelle hanno bloccato la vascolarizzazione intratumorale rilasciano il chemioterapico

21 Perché utilizzare TACE? Permettere una maggior concentrazione di chemioterapico nel tumore Ridurre gli effetti sistemici dei chemioterapici Leffetto embolico aumenta luptake del chemioterapico e produce necrosi tumorale


Scaricare ppt "Trattamenti locoregionali nella progressione Dr Carlo Morosi Dr Rodolfo Lanocita S.C. Radiologia 2 Istituto Nazionale Tumori."

Presentazioni simili


Annunci Google