La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 3.2 IL SISTEMA AGROALIMENTARE. 2 1. BISOGNO/PROBLEMA L’ALIMENTAZIONE Alimentarsi è stato ed è tuttora il primo dei bisogni dell’uomo da soddisfare,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 3.2 IL SISTEMA AGROALIMENTARE. 2 1. BISOGNO/PROBLEMA L’ALIMENTAZIONE Alimentarsi è stato ed è tuttora il primo dei bisogni dell’uomo da soddisfare,"— Transcript della presentazione:

1 1 3.2 IL SISTEMA AGROALIMENTARE

2 2 1. BISOGNO/PROBLEMA L’ALIMENTAZIONE Alimentarsi è stato ed è tuttora il primo dei bisogni dell’uomo da soddisfare, per poter mantenere in vita il proprio corpo. Infatti, gli alimenti forniscono all’uomo l’energia necessaria per crescere, per muoversi, lavorare e pensare. Consiste nel far assumere al nostro organismo, attraverso i cibi e le bevande, tutte le varie sostanze, proteine, vitamine, grassi, sali minerali, acqua, necessarie al suo sostentamento. Un’alimentazione scorretta, insufficiente o eccessiva, può creare gravi problemi al nostro organismo, con l’insorgere di malattie di vario genere..

3 IL SISTEMA AGROALIMENTARE 1. BISOGNO/PROBLEMA I princìpi nutritivi Alimenti e princìpi alimentari Per alimento si intende qualsiasi sostanza di origine animale, vegetale o minerale che sia in grado di nutrire l’uomo e gli animali. I princìpi nutritivi o nutrienti sono composti o elementi chimici, che prendono il nome di glucìdi, protìdi, lipìdi, sali minerali, e vitamine che l’organismo è in grado di assorbire, attraverso gli alimenti, insieme a una certa quantità di acqua. Per alimento si intende qualsiasi sostanza di origine animale, vegetale o minerale che sia in grado di nutrire l’uomo e gli animali. I princìpi nutritivi o nutrienti sono composti o elementi chimici, che prendono il nome di glucìdi, protìdi, lipìdi, sali minerali, e vitamine che l’organismo è in grado di assorbire, attraverso gli alimenti, insieme a una certa quantità di acqua. Il complesso delle reazioni e delle trasformazioni chimiche che subiscono i principi alimentari, prende il nome di metabolismo. Il metabolismo basale è la quantità di energia minima necessaria a un individuo per il mantenimento delle funzioni fisiologiche.

4 4 3.2 IL SISTEMA AGROALIMENTARE 1. BISOGNO/PROBLEMA I princìpi nutritivi 1. Glucìdi o zuccheri (glucides or sugars). Sono formati da carbonio, idrogeno e ossigeno. Sono presenti nei cereali, nei legumi, nella frutta, nel latte; Forniscono circa il 50-60% fabbisogno energetico giornaliero e assolvono prevalentemente alla funzione energetica: 1 g di zucchero fornisce 4 kcal 2. Lipìdi o grassi (lipids or fats). Sono composti organici fonte di energia di riserva, immagazzinati e utilizzati quando l’organismo, ne ha bisogno. L’apporto lipidico, deve essere pari al 20-25%. Assolvono alla funzione energetica: 1 g di lipidi fornisce circa 9 Kcal. 3. Protìdi o proteine (proteins). Sono composte da: carbonio, idrogeno, ossigeno, azoto, che formano gli amminoacidi. Svolgono la funzione plastica e costruttiva delle cellule. Un grammo di proteine fornisce 4 Kcal.

5 5 3.2 IL SISTEMA AGROALIMENTARE 1. BISOGNO/PROBLEMA I princìpi nutritivi 4. Vitamine (vitamins) Svolgono la funzione bioregolatrice, delle attività metaboliche e le funzioni cellulari. Si distinguono in liposolubili,che si sciolgono nei grassi, (vitamine A, D, E, K) e idrosolubili, che si sciolgono in acqua, (B1, B2, PP, C). Si trovano soprattutto nella frutta. 4. Vitamine (vitamins) Svolgono la funzione bioregolatrice, delle attività metaboliche e le funzioni cellulari. Si distinguono in liposolubili,che si sciolgono nei grassi, (vitamine A, D, E, K) e idrosolubili, che si sciolgono in acqua, (B1, B2, PP, C). Si trovano soprattutto nella frutta. 5. Sali minerali (mineral salts). Svolgono un ruolo di regolazione e formazione di tessuti. Si trovano negli alimenti e nell’acqua, sotto forma di composti chimici chiamati sali. Sono necessari per la funzione bioregolatrice e non apportano calorie. 5. Sali minerali (mineral salts). Svolgono un ruolo di regolazione e formazione di tessuti. Si trovano negli alimenti e nell’acqua, sotto forma di composti chimici chiamati sali. Sono necessari per la funzione bioregolatrice e non apportano calorie. 6. Acqua (water) L’acqua svolge diverse funzioni biologiche: partecipa alla digestione; agevola il metabolismo; consente il passaggio di sostanze dalle cellule agli spazi intracellulari e ai vasi sanguigni; regola la temperatura corporea mediante la sudorazione. 6. Acqua (water) L’acqua svolge diverse funzioni biologiche: partecipa alla digestione; agevola il metabolismo; consente il passaggio di sostanze dalle cellule agli spazi intracellulari e ai vasi sanguigni; regola la temperatura corporea mediante la sudorazione.

6 6 3.2 IL SISTEMA AGROALIMENTARE 1. BISOGNO/PROBLEMA Fabbisogno energetico e dieta L’energia prodotta dalla trasformazione degli alimenti attraverso la digestione si esprime in calorie. La quantità giornaliera di calorie da assumere è definita, dal metabolismo basale, e dai seguenti fattori: a. sesso, il fabbisogno energetico è generalmente maggiore per i maschi; b. età: il fabbisogno energetico è maggiore in fase di crescita e diminuisce verso l’età matura; c. clima, nelle regioni fredde, il fabbisogno energetico è maggiore rispetto a quelle con clima caldo; d. stato di salute: il fabbisogno energetico risulta inferiore quando, non si possono svolgere le normali attività quotidiane; e. attività lavorativa svolta: il fabbisogno energetico varia decisamente in base al tipo di lavoro svolto, se sedentario o molto faticoso fisicamente.

7 7 3.1 IL SISTEMA AGROALIMENTARE 3. PROCESSO 4. PRODOTTO I sette gruppi di alimenti Tutti gli alimenti sono raggruppati in gruppi per omogeneità dei loro princìpi e della loro funzione nutritiva. GRUPPO 1 - Carne, pesce, uova Vi appartengono la carne, i pesci, i molluschi, i crostacei, i cefalòpodi, e le uova. Contengono in buona quantità proteine nobili, ferro, alcune vitamine del gruppo B, lipidi, e svolgono la funzione plastica o costruttiva. La carne costituita dalla massa muscolare di animali da macello. Gli animali che forniscono carne sono i bovini, i suini, gli equini e i caprini, gli animali da cortile (polli, tacchini) e la selvaggina. Le carni dei suini possono essere conservate per periodi lunghi. Si distinguono in salati e insaccati; comprendono prosciutti, salami, salsicce, mortadelle, ecc.

8 8 3.2 IL SISTEMA AGROALIMENTARE 3. PROCESSO 4. PRODOTTO I sette gruppi di alimenti GRUPPO 2 - Latte e derivati Vi appartiene il latte vaccino e tutti i suoi derivati quali formaggi, yogurt e latticini. Contengono proteine, Calcio, Fosforo, alcune Vitamine del gruppo B, lipidi,e svolgono tutte le funzioni alimentari. Il LATTE è costituito da un’emulsione di grassi e acqua e si ottiene dalla mungitura di femmine di bovini, ovini, caprini e bufale. Dopo la mungitura viene filtrato e tenuto in serbatoi in attesa di essere trasportato alla centrale del latte, dove viene sottoposto a controlli di laboratorio, e successivamente ai processi di pastorizzazione e sterilizzazione Il FORMAGGIO è il prodotto della lavorazione del latte, fatto coagulare mediante cagliatura. In genere viene usato latte vaccino, ma diversi formaggi sono prodotti con latte di capra, pecora e bufala. La composizione in principi nutritivi dei vari formaggi dipende principalmente dal latte impiegato e dalla fase di maturazione.

9 9 3.2 IL SISTEMA AGROALIMENTARE 3. PROCESSO 4. PRODOTTO I sette gruppi di alimenti GRUPPO 3 - Cereali e derivati Fanno parte di questo gruppo sono il riso, il frumento, il mais, l’avena, l’orzo, la segale e i loro derivati quali il pane, la pasta, la farina, ecc. Questi alimenti contengono soprattutto glucidi e svolgono soprattutto una funzione energetica. Produzione del pane Gli ingredienti base per fare il pane sono: farina di frumento, acqua, lievito di birra e sale. La produzione prevede le seguenti fasi: 1. Impasto 2. Lievitazione/fermentazione 3. Foggiatura 4. Cottura. Può essere conservato per congelamento.

10 IL SISTEMA AGROALIMENTARE GRUPPO 4 - Legumi secchi Fanno parte di questo gruppo fagioli, piselli, lenticchie, ceci, fave, soia, arachidi. Contengono proteine di medio valore biologico, alcune vitamine del gruppo B, carboidrati e fibra.. Svolgono sia la funzione costruttiva sia quella energetica. 3. PROCESSO 4. PRODOTTO I sette gruppi di alimenti FAGIOLI e PISELLI sono colture ortive mentre le LENTICCHIE, i CECI e la SOIA sono colture estensive.

11 IL SISTEMA AGROALIMENTARE 3. PROCESSO 4. PRODOTTO I sette gruppi di alimenti GRUPPO 5 - Grassi da condimento Appartengono a questo gruppo sostanze di natura vegetale (olio di oliva o di semi vari, margarina) o animale (burro, lardo, strutto) costituite, nella quasi totalità, da lipìdi. Contengono anche acidi grassi essenziali, vitamine liposolubili e assolvono alla funzione energetica OLIO di oliva L’estrazione dell’olio avviene in quattro fasi principali: frangitura, gramolatura, spremitura (separazione liquido/solido) e separazione acqua/olio. Si distingue in: a) olio extra vergine di oliva; b) olio vergine di oliva; c) olio di oliva; d) olio di sansa di oliva

12 IL SISTEMA AGROALIMENTARE 3. PROCESSO 4. PRODOTTO I sette gruppi di alimenti GRUPPO 6 - Ortaggi e frutta fonti di vitamina A Di questo gruppo fanno parte gli ortaggi e la frutta giallo-verde: carote, zucca gialla, peperoni, spinaci, bietole, cicoria, lattuga, albicocche, pesche,cachi, melone. Sono alimenti ricchi anche di altre vitamine, minerali, fibra,acqua, zucchero e svolgono la funzione protettrice e bioregolatrice. GRUPPO 7 - Ortaggi e frutta fonti di vitamina C A questo ultimo gruppo appartengono gli ortaggi e la frutta acidula quali i pomodori, i broccoli, i cavolfiori, le patate, le arance, i limoni, i mandarini, i pompelmi, gli ananas, le fragole, i lamponi e i kiwi. Sono anch’essi ricchi di vitamina A ed altre vitamine, minerali, fibra, acqua, zucchero e svolgono la funzione protettrice e bioregolatrice. I processi industriali di lavorazione, trasformazione e conservazione di frutta e verdura, sono eseguiti spesso con i medesimi impianti tecnici. Principali preparazioni a base di frutta: frutta sciroppata, marmellate, confettura,gelatina e succo.

13 IL SISTEMA AGROALIMENTARE GREEN VISION: Le piramidi alimentari Il modello della Doppia piramide mostra come i cibi per cui si consiglia un consumo più frequente, perché più sani per la salute, sono anche quelli che determinano gli impatti ambientali minori. 5. IMPATTO


Scaricare ppt "1 3.2 IL SISTEMA AGROALIMENTARE. 2 1. BISOGNO/PROBLEMA L’ALIMENTAZIONE Alimentarsi è stato ed è tuttora il primo dei bisogni dell’uomo da soddisfare,"

Presentazioni simili


Annunci Google