La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Pendolo semplice. Galileo Galilei intuì la caratteristica essenziale dei moti pendolari nel 1583, probabilmente osservando l'oscillazione di un lampadario.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Pendolo semplice. Galileo Galilei intuì la caratteristica essenziale dei moti pendolari nel 1583, probabilmente osservando l'oscillazione di un lampadario."— Transcript della presentazione:

1 Il Pendolo semplice

2 Galileo Galilei intuì la caratteristica essenziale dei moti pendolari nel 1583, probabilmente osservando l'oscillazione di un lampadario nel duomo di Pisa: la durata di quelle lente oscillazioni, che misurò con il battito del polso, rimaneva immutata, nonostante la loro ampiezza diminuisse sempre di più. Gli esperimenti al riguardo lo condussero a formulare il principio dell'isocronismo delle piccole oscillazioni del pendolo: se il pendolo viene spostato (al massimo) di qualche grado dalla verticale, l'oscillazione è indipendente dall'ampiezza.

3 Si definisce pendolo semplice (o pendolo matematico), un sottile filo inestensibile e di massa trascurabile, vincolato allestremità superiore ad un supporto fisso e recante a quella inferiore una massa puntiforme. Se il corpo che realizza la "massa puntiforme" ha dimensioni estese, il baricentro del sistema coincide col baricentro del corpo. Spostando il corpo dalla posizione di equilibrio e poi abbandonandolo, il suo baricentro oscillerà lungo una traiettoria che è un arco di circonferenza di raggio l, detta lunghezza del pendolo. Se langolo descritto dal filo nello spostamento iniziale è molto piccolo, non superiore ai 3 gradi, le oscillazioni sono armoniche. Il loro periodo T dipende soltanto dalla lunghezza l, e dalla accelerazione di gravità g, secondo la relazione:

4 Modello di un pendolo semplice

5 La forza che genera il moto e' : ponendo: Si evince così che il moto di un pendolo e' un moto armonico con periodo

6 La nostra esperienza La nostra esperienza si prefigge lo scopo di convalidare la legge del pendolo descritta nelle diapositive precedenti. Lapparato realizzato è visibile nella foto a lato. Come si può notare sono stati usati materiali presenti nel laboratorio per realizzare il pendolo, in modo che oscillasse su un piano fisso, e uno smart timer per la misura del periodo. Sono state effettuate 120 rilevazioni del periodo. Lanalisi delle misure è riportata nel foglio excel periodo.xls, dove è riportata anche la misura del periodo in funzione della lunghezza. Come si nota è stata anche rilevata la Gaussiana relativa a questa prima esperienza, confermando così la natura casuale degli errori e la validità della misura effettuata. Diamo ora una breve descrizione della curva di Gauss.periodo.xlsGaussiana

7 La curva Gaussiana corrisponde a una funzione matematica di tipo esponenziale, nota come funzione di Gauss, la cui forma è Dove σ è la deviazione standard

8 Curva di Gauss La curva di Gauss ottenuta nella nostra esperienza.

9 La Gaussiana rilevata nella nostra esperienza

10 La misura di g Dai dati ottenuti abbiamo quindi calcolato laccelerazione di gravità g, ottenendo un valore di g = 9,8133 m/s 2. Valore più che accettabile, con un errore di g=0,029 m/s 2 circa.

11 Periodo in funzione della lunghezza Lultima esperienza ha riguardato la verifica della variazione del periodo del pendolo con la lunghezza. I risultati ottenuti sono visibili nel foglio pendolo.xls, dove è riportato il grafico e la retta di regressione lineare per validare lesperienza. Anche stavolta i risultati ottenuti sono più che soddisfacenti. Di seguito alcuni cenni sul metodo dei mini quadrati.pendolo.xls

12 Supponiamo di avere rilevato una serie di misure che mettano in corrispondenza una variabile dipendente (y) con una variabile indipendente (x) e supponiamo inoltre che le tra le due variabili esista una relazione di dipendenza lineare: y = m x + q Poniamo: Si può dimostrare allora che i valori di m e q che rendono minima la somma dei quadrati degli scarti sono dati rispettivamente da:

13 Le incertezze dei parametri:

14 Progetto di fisica laboratoriale a cura del professore Marcello Falciglia


Scaricare ppt "Il Pendolo semplice. Galileo Galilei intuì la caratteristica essenziale dei moti pendolari nel 1583, probabilmente osservando l'oscillazione di un lampadario."

Presentazioni simili


Annunci Google