La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Esistono numerose definizioni di Learning Object (LO) e nel corso degli anni questa espressione è stata utilizzata nei contesti più diversi. In tempi più

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Esistono numerose definizioni di Learning Object (LO) e nel corso degli anni questa espressione è stata utilizzata nei contesti più diversi. In tempi più"— Transcript della presentazione:

1 Esistono numerose definizioni di Learning Object (LO) e nel corso degli anni questa espressione è stata utilizzata nei contesti più diversi. In tempi più recenti, la diffusione delle nuove tecnologie a supporto della didattica ha fatto sì che i LO venissero definiti come risorse digitali autoconsistenti, ben classificabili e riusabili in diversi contesti formativi. Tra le caratteristiche che contraddistinguono un LO digitale menzioniamo: Condivisibilità - Riutilizzabilità - Modularità - Portabilità – Facile reperibilità. Sulla base di questa definizione e di quanto appreso nel modulo, cercate in rete 5 risorse digitali che secondo voi possono essere utilizzate come validi LO per la vostra materia di insegnamento. Motivate le vostre scelte e condividete le vostre riflessioni qui nel forum. Didattica assistita da tecnologie – Compito prima settimana : E_13 Emanuela Riva

2 Come già ho avuto modo di sostenere oggi lapprendimento avviene attraverso argomenti che richiedono luso della conoscenza in contesti diversi. Polya:è più importante una buona organizzazione della conoscenza che non lammontare della stessa conoscenza. Una testa ben fatta o una testa piena? Nella società della conoscenza multimediale, la priorità educativa riguarda la costruzione delle abilità degli studenti e il criterio di valutazione degli apprendimenti. Limportanza della metacognizione per lapprendimento consapevole, ergo…L.O. La cultura dellapprendimento Learning Object!

3 LO: condivisibilità - Riutilizzabilità - Modularità - Portabilità – Facile reperibilità.

4 I LO hanno valore nel contesto della classe e nellambiente di apprendimento virtuale che lo ospita. Non si tratta del trasferimento online di documentazione relativa ad una esperienza, ma la creazione di una attività di apprendimento sottesa da una strategia didattica. In rete si trovano molti esempi: - IPRASE Trentino Giochi e simulatori didattici dellIstituto Provinciale per la Ricerca, lAggiornamento e la Sperimentazione EducativiIPRASE Trentino Istituto e Museo di Storia della Scienza Istituto e Museo di Storia della Scienza - MEDITARAIMEDITARAI Sito della rai dedicato alla didattica con unità audiovisive e risorse digitali organizzate per livelli scolastici - ENERGIA AMBIENTALE di ENISCUOLA dedicato alla didattica della fondazione ENI -Lifelong Learning ProgrammeENERGIA AMBIENTALE LO: condivisibilità - Riutilizzabilità - Modularità - Portabilità – Facile reperibilità.

5 Seguiranno esempi, basati sulla nozione fondamentale di modularità, ovvero di scomposizione dei percorsi e, soprattutto, dei contenuti di apprendimento in unità riusabili e ricomponibili è quella che ha portato allaffermazione del concetto di Learning Objects (LO) o oggetti di apprendimento, un modello,una strategia didattica nella quale la composizione modulare dovrebbe consentire il facile riutilizzo dei componenti elementari in contesti diversi, sia dal punto di vista educativo che tecnologico. LO: contenuti e metadati

6 Cerco i punti più importanti, le parole le informazioni. Cambio il posto alle parole per sistemare meglio le frecce. Unisco le parole con le frecce per metterle in relazione. Cosa significa metto le parole in ordine? Le metto al posto giusto. Le classifico. Metto in alto quella più importante. Metto le parole in ordine Che cosa fai quando costruisci una mappa? MAPPE

7 CHE USO NE FAI? La mappa mi serve per studiare, per ragionare, per capire. Mi serve a ricordare quello che ho studiato: nella mente mi rimane impresso lo schema. La mappa mi serve a comprendere meglio un concetto e a formare un discorso. Mi serve per avere uno schema visivo ordinate e logico. Mi serve per studiare meglio e più in fretta. Mi serve per ripassare ciò che non mi ricordo e a collegare più argomenti. Mi fa capire tante cose leggendo dei riassunti. MAPPE

8 MAPPE software gratuiti: cmap facili da usare anche da parte di bambini di 6 anni, approntato dai ricercatori dellIHMC (Institute for Human and Machine Cognition), a partire dalle idee di Joseph Novak della Cornell University. MAPPE

9 MAPPE software gratuiti: free minds mappe mentali MAPPE

10 MAPPE software gratuiti: Knowledge Master MAPPE

11 MAPPE software : superquaderno Anastasis (detraibile fino al 70% per alunni cert.DSA MAPPE

12 Una mappa concettuale è uno strumento per rappresentare le conoscenze perché stimola la strutturazione del pensiero, l'individuazione delle relazioni, i processi critici favorendo il porsi le domande e se ne può fare sia un uso individuale che un uso cooperativo all'interno del gruppo classe. …E' quindi evidente che sono diversi i soggetti possono trarre vantaggi da un simile rappresentazione, innanzitutto le persone con dislessia e DSA, le quali, potendo far affidamento su un canale di apprendimento diverso da quello della letto-scrittura, hanno una produzione più efficace e facilitata, poi ogni allievo che abbia difficoltà nella comprensione del testo scritto che può ricorrere allo strumento mappa concettuale per operare una riduzione del testo alla sua essenzialità e concentrarsi sul contenuto e non spendere eccessive energie sui "contenitori". MAPPE I L.O. hanno valore nel contesto della classe e nellambiente di apprendimento virtuale che lo ospita. Non si tratta del trasferimento online di documentazione relativa ad una esperienza, ma la creazione di una attività di apprendimento sottesa da una strategia didattica LO: contenuti e metadati

13 Metamotore di ricerca MAPPELO: condivisibilità - Riutilizzabilità - Modularità - Portabilità – Facile reperibilità.

14 MERLOT (Multimedia Educational Resource for Learning and Ondine Teaching). Si tratta di un sistema centralizzato disponibile allindirizzo che contiene solo metadati di risorse residenti in altri siti Web. Merlot cataloga soprattutto interi corsi, ma anche singoli oggetti di granularità inferiore. Tra i punti di forza cè un servizio di commento delle risorse, basato però su recensioni accademiche a cura di docenti di livello universitario. L.O. :I repository

15

16 L.O. - L.M.S. :ambiente integrato di apprendimento …per ragazzi Citerò alcune piattaforme fruibili dai nostri alunni,iniziando dalla più recente propedeutica alle prossime olimpiadi di informatica,con sede in Italia. gare informatica : il sito della nota trasmissione televisiva per ragazzi : mille e più risposte a mille e più domande.. : un affascinante zoo senza sbarre. : news a misura di bambino. : la voce ufficiale della fondazione Collodi. : parole crociate, quiz, rebus... anche a misura di bambino. : la sezione della BDP dedicata al gioco. : in inglese... ma il linguaggio del disegno non ha bisogno di traduzioni. : portale per bambini ricco di proposte e informazioni : portale per bambini ricco di proposte e informazioni. Il d rai

17 LMS

18

19

20

21 Riflessioni finali

22 Riflessioni finali "Wake up! It's Internet Time!" La formazione a distanza di terza generazione ha abbandonato la fase sperimentale e sta diventando sistema, con tutte le problematiche relative. I vantaggi generati dall'e-learning, come il taglio dei costi, il risparmio di tempo, la flessibilità, la possibilità di certificazione delle competenze apprese, tutti questi fattori unitamente alla diffusione delle competenze di base nell'uso dello strumento informatico e telematico nella popolazione scolastica stanno producendo un fenomeno di espansione costante e destinato ad aumentare sempre più nei prossimi anni. Learning Object, Oggetti Autonomi di Apprendimento, Web Forum, piattaforme, ambienti di apprendimento virtuali, formazione ondine, esiste un modo realmente diverso di trasmettere conoscenza che, soprattutto garantisca una reale ricaduta didattica sullalunno?

23 E nonostante la scuola sia sempre più popolata dai nativi digitali, dalla generazione dei multitasker,listruzione non riesce ancora a rendere ordinario lapporto delle Nuove Tecnologie nella didattica Le sperimentazioni tutte, entrano sempre nella scuola ma restano tali: non si radicano, si diffondono poco, e quasi mai fanno sistema con altre esperienze e risorse. Nonostante una serie di risorse che costituiscono una buona guida sia per conoscere le potenzialità dellambiente virtuale, sia per autoaggiornarsi Si è ancora restii per cominciare ad utilizzarlo,TUTTI. Riflessioni finali I L.O. hanno valore nel contesto della classe e nellambiente di apprendimento virtuale che lo ospita. Non si tratta del trasferimento online di documentazione relativa ad una esperienza, ma la creazione di una attività di apprendimento sottesa da una strategia didattica

24 L.O. - L.M.S. :ambiente integrato di apprendimento …per ragazzi Grazie dellattenzione E.Riva


Scaricare ppt "Esistono numerose definizioni di Learning Object (LO) e nel corso degli anni questa espressione è stata utilizzata nei contesti più diversi. In tempi più"

Presentazioni simili


Annunci Google