La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Che cosè il UNA SCUOLA ACCOGLIENTE Perché cura lambiente fisico, affettivo e relazionale in cui ogni bambino si inserisce UNA SCUOLA ATTENTA Perché

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Che cosè il UNA SCUOLA ACCOGLIENTE Perché cura lambiente fisico, affettivo e relazionale in cui ogni bambino si inserisce UNA SCUOLA ATTENTA Perché"— Transcript della presentazione:

1

2 Che cosè il

3

4 UNA SCUOLA ACCOGLIENTE Perché cura lambiente fisico, affettivo e relazionale in cui ogni bambino si inserisce UNA SCUOLA ATTENTA Perché si prende cura dei bisogni educativi di ogni singolo bambino UNA SCUOLA APERTA Perché costruisce unintegrazione formativa con la famiglia nel riconoscimento e nel rispetto delle reciproche responsabilità della rispettiva autonomia. UNA SCUOLA AUTONOMA Perché si assume le responsabilità del proprio progetto educativo valorizzando le libertà, le capacità di decisione e di assunzione di responsabilità. UNA SCUOLA PROPOSITIVA Perché progetta percorsi di apprendimento aperti alle nuove sfide educative. UNA SCUOLA RESPONSABILE Perché mira allintegrazione di alunni disabili mediante la progettazione collegiale di attività personalizzate UNA SCUOLA SOLIDALE Perché comprende e rispetta le diversità religiose e culturali nella prospettiva della valorizzazione di ogni diversità

5 La scuola dellInfanzia non è obbligatoria ma si propone come spazio di impegno educativo per la comunità e come risorsa professionale specifica, per assicurare, a coloro che la frequentano, la massima promozione possibile di tutte le capacità personali, che si configura come diritto soggettivo di ogni bambino. Per il bambino la scuola dellInfanzia in cooperazione con la famiglia costituisce una delle prime esperienze per la costruzione del proprio progetto di vita. Alla luce di questa consapevolezza la scuola si impegna a promuovere: La maturazione dellIDENTITA personale sotto tre profili: corporeo, intellettuale e psico - dinamico; LORIENTAMENTO : favorire lo sviluppo delle potenzialità e loriginalità personali di ognuno; La CONVIVENZA civile: linserimento nella comunità attraverso comprensione e accettazione delle regole. In seguito a queste indicazioni la nostra scuola ha modificato le proprie modalità di progettazione collegando le quattro dimensioni con i precedenti campi di esperienza. Gli obiettivi specifici di apprendimento intesi come insieme di conoscenze e abilità previsti per i singoli anni (3/4- 4/5- 5/6) sono contenuti in un documento PIANO DI STUDI (curricolo essenziale) che i genitori, su loro richiesta, possono visionare presso la scuola di frequenza.

6 AMBIENTE Esplorare gli oggetti del mondo materiale e lesperienza sociale, rendere conto delle loro caratteristiche, cercare il senso, prendere posizione. IL SE E LALTRO In questo campo confluiscono tutte le esperienze e le attività finalizzate a comprendere la necessità di darsi e di riferirsi a norme di comportamento e di relazione indispensabili per una convivenza umanamente valida LE COSE IL TEMPO LA NATURA E il campo di esperienza relativo allesplorazione,scoperta e prima sistematizzazione delle conoscenze sul mondo della realtà naturale e artificiale…. I DISCORSI E LE PAROLE E lo specifico campo di esercizio delle capacità comunicative riferite al linguaggio orale e al primo contatto con la lingua scritta… MESSAGGI FORME MEDIA Questo campo di esperienza considera tutte le attività inerenti alla comunicazione ed espressione manipolativa -visiva,sonoro –musicale, drammatico –teatrale,audio visuale e mass-mediale e il loro continuo intreccio. IL CORPO E IL MOVIMENTO Questo campo di esperienza contribuisce alla crescita e alla maturazione complessiva del bambino promuovendo la presa di coscienza del valore del corpo inteso come una delle espressioni della personalità e come condizione funzionale, relazionale,cognitiva,comunicativa e pratica LO SPAZIO LORDINE E LA MISURA Questo campo desperienza si rivolge in modo specifico alle capacità di raggruppamento,ordinamento,quantificazione e misurazione di fatti e fenomeni della realtà e alle abilità necessarie per interpretarla e per intervenire consapevolmente su di essa… AMBITO MATEMATICO Schemi e regole procedurali della conoscenza che non esistono in natura e consentono al soggetto di organizzare la rappresentazione del reale AMBITO LINGUAGGI Sostituire oggetti della realtà con segni che consentono scambi simbolici in rappresentanza degli oggetti assenti

7 Presentiamo le scuole

8 N. 1 Salone N. 1 refettorio N. 1 Aula uso laboratorio N. 1 Locale infermeria N. 2 Ripostigli N. 1 Cucina N. 1 Locale palestra con spogliatoi e bagni N. 1 Locale cantina N. 7 Aule di cui 1 multifunzionale N. 6 servizi igienici per bambini N. 1 bagno di servizio munito di vasca N. 2 servizi igienici per adulti N. 2 Giardini esterni attrezzati di strutture gioco La Scuola è composta da : Frazione di Caserta Via Casnedi n.1 Valmadrera Tel –

9 Frazione di Parè Via Bovara 101 Valmadrera Tel – La scuola è composta da : N. 3 Aule N. 3 servizi igienici per bambini N. 1 servizio igienico per disabili N. 3 servizi igienici per adulti N. 1 Salone N. 1 Aula uso laboratorio N. 1 Locale uso ufficio N. 2 Ripostigli N. 1 refettorio N. 1 Cucina N. 1 Locale cantina N. 1 Giardino esterno attrezzato di strutture gioco

10 Limonta Piazza Ferretti Oliveto Lario Tel. 031 – La Scuola è composta da: N. 1 Aula N. 2 servizi igienici per bambini N. 1 servizio igienico per disabili N. 1 servizi igienici per adulti N. 1 ascensore per disabili N. 1 Salone N. 4 Ripostigli di cui 1 esterno N. 1 refettorio N. 1 Cucina N. 1 Locale cantina N.1 Locale caldaia N.1 Giardino esterno attrezzato di strutture gioco

11 Come trascorro la mia giornata a scuola … Dalle Indicazioni: Il tempo scolastico assume unesplicita valenza pedagogica in ragione delle esigenze di apprendimento dei bambini

12 Dalle ore 8,00 alle ore 9,00 entrata Accoglienza ……. …. gioco libero

13 Dalle ore 9, 00 alle 10,00 Attività in sezione … calendario … presenze… prima unità di lavoro gruppo eterogeneo

14 Ore 10,00 … mangiamo la frutta …e intervallo

15 DALLE ORE ALLE ORE LABORATORI DI INTERSEZIONE PER GRUPPI DI ETA 35 4 Seconda unità di lavoro

16 DALLE ORE ALLE ORE PRANZO MMM..! CHE BUONO !!

17 Dalle 13,00 alle 14,00 ricreazione IN SEZIONE IN GIARDINO Uscita intermedia a richiesta dalle 13,00 alle 13,30 IN SALONE

18 Dalle 14,00 alle 15,30 Attività in sezione Programmazione annuale gruppo eterogeneo terza unità di lavoro

19 Dalle 15,30 circa Uscita dei bambini che usufruiscono del servizio scuola bus del Comune

20 Dalle 15,45 alle 16,00 Uscita per tutti

21 Progetti Particolari Musico-teatrale Multimediale Inglese Lettura intercultura continuitàdisabilità Inserimento Religione o Attività alternativa

22 Progetto Inserimento

23 ..lingresso alla Scuola dellInfanzia indica che il bambino è pronto a compiere i primi passi verso il mondo. E una nuova esperienza e un momento di grande fatica in cui il bambino distaccandosi dalla famiglia, deve ritrovare e riformulare in modo sempre più maturo i propri punti di riferimento e costruire unidentità futura. Lo stabilirsi di una buona relazione con gli adulti presenti nella scuola, permette al bambino di sentirsi sicuro, accolto e di ampliare la grande avventura della scoperta di sé, degli altri e della realtà.

24 I, II e III Giorno entrata dalle 8:00 alle 9:00 uscita dalla 13:00 alle 14,00 frequenza riservata solo ai nuovi iscritti

25 IV al V giorno dalle 8,00 alle 14,00 frequenza per tutti i bambini iscritti Questa modalità organizzativa consente di conoscere meglio i nuovi iscritti, di rispondere adeguatamente ai loro bisogni e alle loro aspettative per: trovare un ambiente stimolante e rassicurante conoscere le Insegnanti, i compagni e il personale della scuola prendere confidenza con i ritmi scolastici conoscere gli spazi e i materiali a disposizione sperimentare attività particolarmente motivanti

26 dalla II settimana dalle 8:00 alle 16:00 Sono stanco, voglio andare a casa!!! per consentire il corretto inserimento dei bambini nuovi iscritti viene chiesta la frequenza solo antimeridiana per un periodo non inferiore a quindici giorni

27 Grembiule Cambio Completo Porta Bavaglia e Bavaglia Pennarelli… Salvietta Zaino Cosa mi occorre ……

28 Cosa non mi occorre... Biberon Pannolino Passeggino Ciuccio Fare il riposino Che bello … Sono Grande!!!

29 Rivolto ai bambini di tre anni

30 Rivolto ai bambini di quattro anni

31 Rivolto ai bambini di cinque anni

32

33 Rivolto a tutti i bambini stranieri

34 REGOLAMENTO

35 Assenze Alimentazione Mensa e Uscita Entrata e Uscita VARIE Incontri E Assemblee

36 … vi aspettiamo a Settembre!!!


Scaricare ppt "Che cosè il UNA SCUOLA ACCOGLIENTE Perché cura lambiente fisico, affettivo e relazionale in cui ogni bambino si inserisce UNA SCUOLA ATTENTA Perché"

Presentazioni simili


Annunci Google