La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Metodologia e applicazioni Frascati, Villa Aldobrandini 12 6 2007 Prof. Sandro Pignatti Responsabile scientifico Le banche dati vegetazionali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Metodologia e applicazioni Frascati, Villa Aldobrandini 12 6 2007 Prof. Sandro Pignatti Responsabile scientifico Le banche dati vegetazionali."— Transcript della presentazione:

1 metodologia e applicazioni Frascati, Villa Aldobrandini Prof. Sandro Pignatti Responsabile scientifico Le banche dati vegetazionali

2 1.LA CARTA COME DOCUMENTO STATICO Rappresentazione spaziale di oggetti concreti Rappresentazione spaziale di oggetti concreti Rilevamento con tecniche asettiche Rilevamento con tecniche asettiche Comparabilità con documenti analoghi Comparabilità con documenti analoghi Ricchezza di informazioni (dettagli) Ricchezza di informazioni (dettagli) Leggibilità Leggibilità Base conoscitiva per decisioni ed azioni Base conoscitiva per decisioni ed azioni

3 Anzio, Torre Astura, Selva di Fogliano, Mti. Lepini

4 Anzio – Lepini: Carta Geologica

5 La carta fitosociologica La prima carta fitosociologica in Italia è stata rilevata nel 1953 da V. Giacomini, S. Pignatti, A. Pirola e E. Wikus e pubblicata nel 1955 Carta fitosociologica di Regensburg (Germania)

6 2. LA CARTA COME ANALISI DEL TERRITORIO Scelta preliminare: cosa rappresentare ? Scelta preliminare: cosa rappresentare ? re: Vegetazione Metodo ? Metodo ? re: Analisi fitosociologica Elaborazione e Rappresentazione: Elaborazione e Rappresentazione: re: GIS, Carta, files ……..

7 a cosa può servire …. consistenza patrimoniale consistenza patrimoniale progettazione progettazione monitoraggio dei cambiamenti monitoraggio dei cambiamenti punto zero punto zero

8 Scansione a tre livelli Tre livelli di percezione a.FLORA - b.VEGETAZIONE - c.PAESAGGIO

9 a. Flora Quercus robur – Asphodelus microcarpus – Papaver rhoeas

10 b. Vegetazione Comunità a Ammophila (Ammophiletum) AmmophilaAgropyrumVulpiaCalystegia Cyperus kal. Medicago m.

11 c. Unità paesistiche - Habitat Paesaggio marchigiano – Giacomo Leopardi

12 c. Complessi di vegetazione Paesaggio dei Fontanili - pianura lombarda Salicetum albae Phragmitetum Potametum Lemnetum Cloroficee natanti

13 3. LA CARTA COME DOCUMENTO DINAMICO Bioindicazione Le piante sono indicatori delle condizioni di clima, suolo, modificazioni indotte dalluomo Le associazioni forniscono dati complessivi: ecogramma sec. Ellenberg analisi dei componenti banche dati (parametri ecologici – biodiversità)

14 Ecogramma (fingerprint) ECOGRAMMA generato mediante elaborazione con ELLENBERG 2000 L – Luce T – Temperatura K – Continentalità H – Umidità pH – Acidità d. suolo N - Nutrienti

15 Analisi dei componenti Distribuzione per classi dei valori di bioindicazione nellecogramma precedente: LUCE – TEMPERATURA – UMIDITA – REAZIONE DEL SUOLO

16 Banche dati territoriali Inventario floristico su superfici standard: es. Huperzia selago Enzo Bona

17 Piante come testimonianza culturale 1. Piante con significato simbolico Quercia, Alloro

18 Piante come testimonianza culturale Parietaria – Vicia sativa 2. Coevoluzione pianta - uomo

19 Nuovo approccio alla Biodiversità Sulle Dolomiti, il massimo si ha sui ghiaioni (GHIA), pascoli alpini (SS, FIRM), vegetaz. nivale (NIV) e vegetaz. rupestre (RUP)

20 Paesaggi come testimonianza culturale La vegetazione sempre- verde (termofila) delle scarpate si mantiene La foresta mesofila sui suoli fertili dellalto- piano è sostituita dalle colture

21 Una nuova forma di localismo Tradizionalmente il legame con il territorio è fondato su ricordi storici o emozionali Tradizionalmente il legame con il territorio è fondato su ricordi storici o emozionali La globalizzazione li distrugge: perdita di identità La globalizzazione li distrugge: perdita di identità Ritrovare il legame attraverso la conoscenza della realtà fisica e biologica Ritrovare il legame attraverso la conoscenza della realtà fisica e biologica Riscoperta delle radici Riscoperta delle radici Un processo già avviato in Svizzera, Tirolo, Valdaosta Un processo già avviato in Svizzera, Tirolo, Valdaosta Perché non nella Sabina o nella Tuscia ? Perché non nella Sabina o nella Tuscia ?

22 UNA SFIDA PER GLI AMMINISTRATORI a cosa può servire …… salvaguardia della biodiversità identificazione di specie a rischio OGM recupero ambientale a cosa può servire …… salvaguardia della biodiversità identificazione di specie a rischio OGM recupero ambientale


Scaricare ppt "Metodologia e applicazioni Frascati, Villa Aldobrandini 12 6 2007 Prof. Sandro Pignatti Responsabile scientifico Le banche dati vegetazionali."

Presentazioni simili


Annunci Google