La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Docente Prof. Fabio Zanchini II Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Distrofia Simpatico Riflessa Scuola di Specializzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Docente Prof. Fabio Zanchini II Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Distrofia Simpatico Riflessa Scuola di Specializzazione."— Transcript della presentazione:

1 Docente Prof. Fabio Zanchini II Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Distrofia Simpatico Riflessa Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia III Anno

2 Disturbo del sistema nervoso simpatico evocato per via riflessa, che insorge in seguito ad uno stimolo eccitatorio stimolando il sistema nervoso simpatico e comportando alterazioni trofiche. Distrofia Simpatico Riflessa

3 DISTROFIA: se non trattata comporta la comparsa di alterazioni distrofiche come risultato della persistente stimolazione del simpatico. SIMPATICA: via percorsa per lo sviluppo ed il mantenimento della sindrome. RIFLESSA: che insorge in seguito ad uno stimolo eccitatorio. Distrofia Simpatico Riflessa

4 Sinonimi: Causalgia Neurodistrofia Distrofia post-traumatica Osteoporosi post-traumatica Atrofia di Sudeck Simpatalgia Distrofia neurovascolare riflessa Edema traumatico cronico Neurodistrofia Sindrome da affaticamento simpatico Atrofia acuta dell'osso

5 EZIOLOGIA 1)Traumi (Fratture, distorsioni, contusioni, apparecchi gessati, lesioni chirurgiche, etc..). 2)Malattie A)Viscerali (infarto del miocardio) B)Patologie neurologiche( accidenti vascolari, tumori, poliomieliti, siringomielia, radicoliti, herpes zoster, ecc.). C)Infezioni cutanee e dei tessuti molli. D)Patologie vascolari (arteriosclerosi, panarterite nodosa, tromboflebiti ). E)Disordini muscolo-scheletrici (difetti posturali, sindrome miofasciale ). 3)Idiopatica Distrofia Simpatico Riflessa

6 PATOGENESI Non è ancora nota. Va considerata come un prolungamento della normale risposta simpatica ad una lesione, rappresentata da un arco riflesso simpatico. Distrofia Simpatico Riflessa

7 Componente centrale Componente periferica Distrofia Simpatico Riflessa

8

9

10 TEORIE PATOGENETICHE T. della dissociazione delle fibre (Noordenbos). T. della barriera (Wall e Melzack). T. del neuroma. T. del circolo vizioso. T. della turbolenza. Distrofia Simpatico Riflessa

11

12 TEORIA DELLA DISSOCIAZIONE DELLE FIBRE Sofferenza prevalente delle fibre riccamente mielinizzate (ad alta velocità di conduzione) rispetto a quelle poco mielinizzate o amielinizzate (bassa velocità di conduzione). Ciò comporta un aumento degli impulsi dolorosi condotti lentamente e, quindi, un’abnorme risposta centrale a questo sbarramento afferente. Distrofia Simpatico Riflessa

13 TEORIA DELLA BARRIERA Squilibrio tra le afferenze al SNC delle grandi fibre Aβ (inibitorie) e le piccole fibre Aδ e C (facilitatrici) con prevalenza di queste ultime. In questo modo aumenta l’attività delle piccole fibre e quindi la trasmissione degli impulsi dolorosi afferenti. Distrofia Simpatico Riflessa

14 TEORIA DEL NEUROMA Quando una fibra nervosa viene sezionata, la porzione distale degenera, mentre la parte prossimale comincia a rigenerare fino ristabilire la loro distribuzione originaria. Quando questi germogli rigenerativi non trovano i tubi neurali intatti, essi vengono circondati da tessuto infiammatorio, formando dei NEUROMI. Distrofia Simpatico Riflessa

15 TEORIA DEL CIRCOLO VIZIOSO Distrofia Simpatico Riflessa

16 TEORIA DELLA TURBOLENZA Il danno nervoso periferico scatena una reazione neuronale retrograda con danno alle cellule gangliari sensitive di origine ed ulteriore danno alle cellule del corno dorsale in sinapsi con esse. Ciò crea nel midollo spinale dei foci iperattivi abnormi tendenti ad automantenersi. Questi disturbi possono interessare la corteccia sensitiva determinando come effetto finale la distrofia simpatica riflessa. Distrofia Simpatico Riflessa

17 CARATTERISTICHE CLINICHE Comparsa in seguito ad un evento scatenante (Traumi, interventi chirurgici, patologie neurologiche,patologie cardio-vascolari, infezioni) Esordio improvviso quando è post-traumatico, mentre è subdolo quando compare in seguito ad una patologia. Discrepanza tra la severità della lesione scatenante e l’entità della sindrome risultante. Distrofia Simpatico Riflessa

18 QUADRO CLINICO Dolore. Iperestesia. Disturbi vaso-motori e sudoripari. Modificazioni del tono muscolare. Disturbi trofici della cute, degli annessi cutanei, dei muscoli, delle ossa e delle articolazioni. Distrofia Simpatico Riflessa

19 DISTINGUIAMO 3 FASI DELLA MALATTIA : 1. Fase Acuta o Iperemica 2. Fase distrofica o Ischemica 3. Fase Atrofica Distrofia Simpatico Riflessa

20 1. FASE ISCHEMICA Dolore urente di media intensità Iperpatia Allodinia Iperestesia Edema Spasmo muscolare Cute calda rossa e secca FASE REVERSIBILE Distrofia Simpatico Riflessa

21 2. FASE DISTROFICA Estensione dell’edema Aumento della rigidità articolare Atrofie muscolari Irradiazione prossimale e/o distale del dolore urente  Iperpatia ed allodinia Cute umida, cianotica e fredda Capelli aridi ed unghie fragili FASE REVERSIBILE Distrofia Simpatico Riflessa

22 3. FASE ATROFICA Riduzione del dolore Cute liscia, tesa, fredda e pallida Alopecia Atrofia del sottocute Debolezza muscolare Notevole limitazione delle articolazioni interessate FASE PARZIALMENTE REVERSIBILE Distrofia Simpatico Riflessa

23 FASE FASE FASE ISCHEMICA DISTROFICA ATROFICA REVERSIBILE IRREVERSIBILE Distrofia Simpatico Riflessa

24 DIAGNOSI Anamnesi :storia recente o remota di traumi, infezioni o malattie. Clinica :dolore urente, disturbi vasomotori e distrofici. Esami di laboratorio. Strumentale. Distrofia Simpatico Riflessa

25 DIAGNOSTICA CLINICA MISURAZIONE DELLA TEMPERATURA Valuta il flusso sanguigno locale, che è sotto il controllo del S.N.S. Nella I fase è maggiore, mentre nella II e III tende a ridursi. TEST DELLA FUNZIONE SUDORIPARA Distrofia Simpatico Riflessa

26 DIAGNOSTICA STRUMENTALE RADIOLOGIA TERMOGRAFIA SCINTIGRAFIA TRIFASICA MINERALOMETRIA ELETTROMIOGRAFIA Distrofia Simpatico Riflessa

27 QUADRO RADIOLOGICO Disomogenea osteoporosi delle epifisi e delle ossa brevi Riassorbimento subperiostale Striature della corticale Distrofia Simpatico Riflessa

28 TERMOGRAFIA Rileva la distribuzione termica di una superficie corporea e quindi lo stato circolatorio di quella regione. Distrofia Simpatico Riflessa


Scaricare ppt "Docente Prof. Fabio Zanchini II Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Distrofia Simpatico Riflessa Scuola di Specializzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google