La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alcoli, aldeidi e chetoni. La struttura Un alcol può essere considerato come un idrocarburo (alifatico o aromatico) a cui è stato sostituito un gruppo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alcoli, aldeidi e chetoni. La struttura Un alcol può essere considerato come un idrocarburo (alifatico o aromatico) a cui è stato sostituito un gruppo."— Transcript della presentazione:

1 Alcoli, aldeidi e chetoni

2 La struttura Un alcol può essere considerato come un idrocarburo (alifatico o aromatico) a cui è stato sostituito un gruppo OH (ossidrile) Il nome deriva dalla catena idrocarburica con suffisso finale -olo Viceversa si può pensare che derivi da una molecola d’acqua in cui un atomo d’idrogeno è sostituito da una catena idrocarburica Le molecole più piccole sono perfettamente solubili in acqua poiché formano legami idrogeno

3 Generalità Negli alcoli il gruppo OH (ossidrile) deve essere legato ad un atomo di carbonio ibridato sp 3 Nei fenoli il gruppo OH è legato ad un atomo di carbonio ibridato sp 2 facente parte di un anello aromatico Hanno caratteristiche chimiche piuttosto differenti dagli alcoli alifatici La catena idrocarburica di un alcol può essere satura o insatura, ramificata o lineare CH 3 OH

4 Nomenclatura Le regole IUPAC per l’assegnazione del nome agli alcoli sono Scegliere la catena più lunga di atomi di carbonio che portano la funzione alcolica (OH) Numerare la catena in modo da assegnare il numero più basso alla funzione ossidrilica Cambiare la o finale dell’alcano nel suffisso olo Il gruppo OH è una funzione seniore rispetto alle insaturazioni e agli alogeni I fenoli sono denominati come dei derivati dell’idrossibenzene metano metanolo idrossibenzene fenolo

5 Esempi Tra parentesi il nome d’uso propanolo (alcol propilico) 2-propanolo (alcol isopropilico) 2-metil-2-propanolo (alcol ter-butilico) cicloesanolo2-penten-2-olo butan-1,2,3-triolo

6 Esempi I fenoli prendono il nome dal composto base: idrossibenzene 3-bromoidrossibenzene (m-bromofenolo) 2,4,6-trinitroidrossibenzene (acido picrico) 2-metilidrossibenzene (o-cresolo) 1,2,3-triidrossibenzene (pirogallolo)

7 Preparazione Gli alcoli si possono preparare partendo da molte sostanze organiche Alcheni per addizione Alogeno derivati per sostituzione nucleofila Aldeidi e chetoni per riduzione I fenoli sono composti molto importanti, molti si ottengono a partire dal fenolo Questo si prepara industrialmente dal cumene Altri fenoli si ottengono dai sali di diazonio cumene

8 Addizione Gli alcoli secondari e terziari si possono preparare partendo dagli alcheni in presenza di catalizzatore acido che attiva l’addizione di acqua

9 Aspetti importanti Le reazioni di addizione sono reversibili L’inverso di una reazione di “addizione” è denominato “eliminazione” Per esempio da un alcol per eliminazione si ottiene un alchene Anche le eliminazioni sono catalizzate da un acido Si ottengono solo alcoli secondari e terziari perché i carbocationi che si formano sono solo secondari o terziari

10 Riduzione Gli alcoli primari e secondari si possono ottenere per riduzione di aldeidi e chetoni Si utilizza H 2 gassoso in presenza di catalizzatori (Pt, Pd, Ni) Si può utilizzare anche l’idruro di boro e sodio (NaBH 4 ) aldeide chetone alcol 1° alcol 2°

11 Fine Alcheni e alchini

12 I carbocationi Un carbocatione è una specie chimica organica in cui una carica positiva si trova su un atomo di carbonio La struttura del carbocatione è questa: Atomo di carbonio ibridato sp 2 Orbitale p vuoto


Scaricare ppt "Alcoli, aldeidi e chetoni. La struttura Un alcol può essere considerato come un idrocarburo (alifatico o aromatico) a cui è stato sostituito un gruppo."

Presentazioni simili


Annunci Google