La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano nazionale di formazione dei docenti alle TIC Conferenza di servizio Dirigenti scolastici delle sedi dei corsi B - C1 13 marzo 2003 13 marzo 2003Torino,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano nazionale di formazione dei docenti alle TIC Conferenza di servizio Dirigenti scolastici delle sedi dei corsi B - C1 13 marzo 2003 13 marzo 2003Torino,"— Transcript della presentazione:

1 Piano nazionale di formazione dei docenti alle TIC Conferenza di servizio Dirigenti scolastici delle sedi dei corsi B - C1 13 marzo marzo 2003Torino, ITIS Avogadro

2 Dati al 24 febbraio , 9 % C 99,9%871870B 101, 0 % A%POSTIISCRITTI

3 Dati corsi B totale 1515 Corsisti medi per corso 5858B Corsi finanziabili (dallUSR) Corsi attivati (dallUSR)

4 Dati corsi C totale 1515 Corsisti medi per corso 2626C1 Corsi finanziabili (dallUSR) Corsi attivati (dallUSR)

5 Dati corsi C2 75 su su 147 totale 1515 Corsisti medi per corso 54C1 Si spera di poter finanziare (dallUSR) Corsi attivati (dallUSR)

6 Nota sulle iscrizioni B Potrebbero ancora esserci casi in cui liscrizione al corso B non è conforme alle normative vigenti La task-force, nel comporre le classi, procederà al puntuale controllo della legittima iscrizione da parte dei candidati In caso di esubero di iscritti in uno stesso istituto sarà il Dirigente scolastico a dover procedere allindividuazione di chi parteciperà per quellIstituto al corso B

7 Nota sulle iscrizioni C1 Potrebbero anche esserci casi in cui liscrizione al corso C1 non è conforme alle normative vigenti, pur avendo lUSR raddoppiato i posti disponibili a livello regionale La task-force, nel comporre le classi, procederà al puntuale controllo della legittima iscrizione da parte dei candidati, ovvero che vi sia un solo candidato per ogni Istituto scolastico In caso di esubero di iscritti in uno stesso istituto sarà il Dirigente scolastico a dover procedere allindividuazione di chi parteciperà per quellIstituto al corso C1

8 Nota sulle iscrizioni C2 I corsi C2 saranno gestiti direttamente dal Politecnico di Torino I candidati saranno selezionati a cura del PoliTo secondo i criteri indicati dalla CM55 e con rispetto dellequilibrata distribuzione a livello provinciale Saranno attivati quattro corsi (se possibile anche un quinto) ognuno con 15 corsisti, distribuiti sul territorio regionale

9 Formazione classi B C I corsisti saranno iscritti al corso attivato nella sede viciniore alla loro sede di servizio. Ciò perché: occorre rispettare le normative vigenti in tema di oneri di missione la formazione B e C intende stabilizzare sul territorio gruppi di counseling riconoscibili

10 Formazione classi B C Le operazioni svolte su MonForTic sono da considerarsi PREISCRIZIONI utili ad ottenere la password per laccesso alla piattaforma INDIRE Le indicazioni relative a sede e calendario saranno fornite dallUSR con apposita comunicazione ai corsisti tramite Circolare regionale

11 Tutor corsi B Le Università di Torino e del Piemonte orientale provvederanno alla selezione delle domande che gli aspiranti tutor corsi B presenteranno alla Direzione Generale, in base allapposita CR che sta per essere emanata Le procedure di selezione intendono garantire omogeneità dei percorsi formativi in tutte le sedi massimo livello qualitativo delle competenze dei tutor daula completa trasparenza dei criteri di inclusione/esclusione

12 Tutor corsi C1 Il Politecnico di Torino provvederà alla selezione delle domande che gli aspiranti tutor corsi C1 presenteranno alla Direzione Generale, in base allapposita CR che sta per essere emanata Le procedure di selezione intendono garantire omogeneità dei percorsi formativi in tutte le sedi massimo livello qualitativo delle competenze dei tutor daula completa trasparenza dei criteri di inclusione/esclusione

13 Gestione fondi alle sedi B Verranno decentrati nelle sedi dei corsi i fondi a copertura delle spese relative a: tutoring costi daula eventuali missioni

14 Gestione fondi alle sedi B Il trasferimento dei fondi avverrà in due tranche una prima tranche (intorno ai euro) per le spese daula e di tutoring il saldo a fronte della rendicontazione contabile

15 Ruolo della scuola sede La scuola sede dei corsi B e C1 è individuata come struttura per la gestione amministrativo-contabile Gli oneri derivanti rientrano nel budget prima indicato

16 I Dirigenti sedi dei corsi nellimpiego del budget disponibile si faccia riferimento a D.I. 326/95 e C.M. 63 del In particolare: ATA ore impegno come attività aggiuntive collaboratore scolastico £ /ora ass. amm.vo o tecnico £ /ora DSGA £ /ora (o £ si sta definendo) RESPONSABILE LABORATORIO ITP orario aggiuntivo non insegnamento £ /ora ass. lab. attività aggiuntiva £ /ora insegnante £ /ora DOCENZA IN AULA (Tutor daula) £ /ora

17 Nota sui compensi orari Nonostante non ci sia una produzione di materiali didattici autonomi, i l compenso orario al tutor daula è quello relativo alle docenze e non al coordinamento di lavori di gruppo perché gli è riconosciuto lonere di consultazione dei materiali e preparazione degli incontri.

18 Nota sulla formazione B Si ribadisce limportanza di questo percorso formativo che: costruisce le figure di counseling previste dalla CM 55 prepara in modo specifico i tutor dei moduli di contenuto metodologico- didattico dei corsi A

19 MATERIALI Una nota del MIUR in data 21 febbraio (prot. 771) indica in modo analitico i materiali che sono / saranno disponibili per i corsi A - B - C, con le date in cui il MIUR prevede la disponibilità. È disponibile sul sito dellUfficio Scolastico Regionale, nellarea TICnellarea TIC

20 Corsi B e C Per contatti via vedere sul Vademecum:


Scaricare ppt "Piano nazionale di formazione dei docenti alle TIC Conferenza di servizio Dirigenti scolastici delle sedi dei corsi B - C1 13 marzo 2003 13 marzo 2003Torino,"

Presentazioni simili


Annunci Google