La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

*Direttore UOC Chirurgia Generale a indirizzo Endocrinologico AORN Cardarelli - Napoli XXIV CONGRESSO NAZIONALE ACOI - Montecatini Terme 25-28 Maggio 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "*Direttore UOC Chirurgia Generale a indirizzo Endocrinologico AORN Cardarelli - Napoli XXIV CONGRESSO NAZIONALE ACOI - Montecatini Terme 25-28 Maggio 2005."— Transcript della presentazione:

1 *Direttore UOC Chirurgia Generale a indirizzo Endocrinologico AORN Cardarelli - Napoli XXIV CONGRESSO NAZIONALE ACOI - Montecatini Terme Maggio 2005 INNOVARE CONSERVANDO Focus Tecnico sulla tiroidectomia per cancro Come lo fai? : Le Paratiroidi Maurizio De Palma *

2 Tasche branchiali III paratir.inf. IV paratir.sup. Migrazione delle paratiroidi e del timo Posizione tipica delle paratiroidi

3 Numero e sede: da 3 a 7 con sede variabile

4 La vascolarizzazione Netter

5 In Letteratura lipocalcemia transitoria viene riportata con unincidenza che varia dallo 0,5 al 62% e lipocalcemia persistente varia da un improbabile 0% al 32%. La notevole diversita dei dati trova origine nei criteri che sono stati seguiti per rilevarli… …La maggior parte degli studi piu recenti riporta unipocalcemia persistente intorno al 2%, se riferita a casistiche che includono tutti i tipi di intervento sulla tiroide, mentre quelle limitate alla tiroidectomia totale riportano unincidenza del 4-5%.... AA VV:La patologia chirurgica della tiroide e delle paratiroidi CLUB delle UEC Ed., Giugno 2000

6 In uno studio multicentrico su casi raccolti in Italia in 5 anni : Lincidenza dellipocalcemia definitiva si riscontra nell1,7% dei casi di pazienti operati. La percentuale sale al 2,2% si ci si riferisce alle tiroidectomie totali. Dopo intervento per cancro tiroideo e significativamente piu alta (3,3%) Rosato L. Avenia N. et al.: Complications of Thyroid Surgery: analysis of a multicentric study on patients operated on in Italy over 5 years. Wordl J Surg 28, ,2004

7 La linfectomia del comparto anteriore (Livello VI) puo comportare devascolarizzazione delle paratiroidi con incremento del rischio di ipocalcemia definitiva. Ca diff. basso rischio ---- TT Ca diff. alto rischio ---- TT con linfect. Comparto centrale Ca diff. N TT con linfect. C.C. o D.M.C. Ca midollare ---- TT con linfect. Comparto centrale … Ca anaplastico ---- TT con …….. Ardito, 2004 Ed. Scientifiche Abbruzzesi

8 Quante paratiroidi bisogna sicuramente preservare per mantenere un normale livello calcemico sierico? Quesito ancora irrisolto in quanto la gran parte degli Autori sostiene che basti una sola ghiandola funzionante a ripristinare una normale attività paratiroidea, altri, invece, ritengono che sia necessaria lintegrità di almeno tre ghiandole. E sufficiente una scrupolosa preservazione delle paratiroidi per un loro successivo sufficiente funzionamento? Lincrezione ormonale avviene attraverso la rete venosa e, qualora questa sia dipendente dalla tiroide, rimarrà compromessa molto seriamente dopo tiroidectomia. Lintegrita della vascolarizzazione arteriosa non sarà assolutamente sufficiente a garantire il funzionamento della ghiandola. Rosato L. Avenia N. et al.: Complications of Thyroid Surgery: analysis of a multicentric study on patients operated on in Italy over 5 years. Wordl J Surg 28, ,2004

9 Unaccorta condotta e quindi necessaria per ridurre al minimo il rischio di ipocalcemia Se le PT sono protette anatomicamente nella capsula peritioridea è agevole separarle dalla tiroide conservandone lintegrità. Se invece sono adese alla capsula propria della tiroide occorre separarle cautamente, con legatura pericapsulare dei rami dellar. tiroidea inf. e cercando di salvaguardare la vascolarizzazione venosa. ( secondo alcuni AA. e ininfluente la legatura dellar. tiroidea inf. mentre appare indispensabile preservare la vascolarizzazione venosa, peraltro, non sempre realizzabile). Legare il ramo posterolaterale dellar. tiroidea sup dopo essersi accertati che non irrora la PT superiore. Reimpiantare la PT che rimanesse accidentalmente devascolarizzata Praticare unincisione della capsula della PT a scopo decompressivo in caso di congestione venosa o infarcimento emorragico ghiandolare.

10 Noi abitualmente procediamo cosi…. Nel separare i muscoli pretiroidei dalla capsula tiroidea seguiamo il piano di scollamento fino a mettere bene in evidenza il margine postero-laterale della tiroide e il fascio vascolo-nervoso del collo. Legata poi la vena tiroidea media (se presente) si scolla, al terzo superiore del lobo tiroideo, la fascia connettivale peritiroidea, rispettando la capsula tiroidea propria, con una manovra del dissettore che morde tale guaina e la sposta dallavanti indietro e lateralmente. Tale manovra consente spesso di liberare la paratiroide superiore e i suoi vasi. Si procede poi alla sezione del peduncolo vascolare superiore, a ridosso del polo superiore del lobo tiroideo, dopo aver spostato lateralmente, con il dissettore, il peduncolo vascolare e lapice stesso del lobo allo scopo di salvare il ramo motore del nervo laringeo superiore e di evidenziare il ramo postero laterale dellart. tiroidea superiore.

11 Si completa, poi, lisolamento della PT superiore dalla tiroide, dopo aver individuato e seguito il nervo laringeo inferiore fino alla sua penetrazione in laringe e sezionato i rami distali dellarteria tiroidea inferiore. Talvolta e utile preparare prima la paratiroide inferiore, quando questa è ben evidente a ridosso del lobo tiroideo. Tale manovra non mette a rischio il nervo Laringeo inf. ma facilita la sua individuazione. Altre volte lindividuazione della PT inferiore e meno agevole e in tal caso essa va attentamente ricercata e preparata. In questi casi puo essere utile procedere dal basso verso lalto, dopo aver sezionato le vene inferiori sotto listmo, guadagnando la faccia anteriore della trachea, liberare il polo inferiore della tiroide - avendo sotto vista il nervo ricorrente - e ricercare la PT inf in basso e lateralmente.

12 In corso di linfectomia del comparto centrale risulta ancora piu importante salvaguardare le PT superiori che sono individuabili con maggiore facilita. Se si devascolarizza una PT procediamo ad immediato reimpianto. La ghiandola viene frammentata e i frammenti vengono posti in una tasca preparata nel muscolo sternocleidomastoideo omolaterale. Si chiude, poi, la tasca con un punto di filo non riassorbibile. Al termine dellintervento si ricontrollano le PT e se si evidenzia una congestione venosa o uninfarcimento emorragico incidiamo la capsula a scopo decompressivo. Se lo stato della ghiandola non sembra soddisfacente procediamo al reimpianto. Nel dubbio di aver asportato una PT ( Linfonodo? Adipe? Paratiroide?) si può ricorrere ad agoaspirato o ad es. istologico estemporaneo di un frammento.

13 Paratiroide superiore dx Nervo laringeo inferiore dx Arteria tiroidea inferiore sezionata distalmente

14

15 Acquired non-neoplastic conditions

16

17 Valutazione dei fattori prognostici Casistica personale 180 casi Sistema AMES ( A ge, distant M atastates and the E xtent and S ize of the primary tumor) GRUPPO BASSO RISCHIO M 0 Uomini <40 Donne <50 PTC o FTC con invasione capsulare minima T3 Tumore di dimensioni < 5 cm GRUPPO ALTO RISCHIO M + Uomini >40 Donne >50 con invasione capsulare maggiore T4a T4b Tumore di dimensioni > 5 cm Schlumberger M. and Pacini F.: Thiroid Tumors, 2003;112(6)

18

19 CASISTICA PERSONALE 1427 Interventi (96,2% Tiroidectomie Totali) IPOCALCEMIA transitoria sintomatica 118 casi (8,26%) IPOCALCEMIA definitiva 11 casi (0,77%) 213 Interventi per Cancro tiroideo IPOCALCEMIA transitoria sintomatica 26 casi (12,20%) IPOCALCEMIA definitiva 2 casi (0,93%)

20


Scaricare ppt "*Direttore UOC Chirurgia Generale a indirizzo Endocrinologico AORN Cardarelli - Napoli XXIV CONGRESSO NAZIONALE ACOI - Montecatini Terme 25-28 Maggio 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google