La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott. Filiberto Di Prospero UOS Endocrinologia Ginecologica ASUR Marche, Zona 8 Civitanova M. Letà adolescenziale: problematiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott. Filiberto Di Prospero UOS Endocrinologia Ginecologica ASUR Marche, Zona 8 Civitanova M. Letà adolescenziale: problematiche."— Transcript della presentazione:

1 Dott. Filiberto Di Prospero UOS Endocrinologia Ginecologica ASUR Marche, Zona 8 Civitanova M. Letà adolescenziale: problematiche peculiari. Recanati, 16 Aprile 2010

2 Originariamente descritta da Stein e Leventhal nel 1935, è anche conosciuta come Sindrome di Stein-Leventhal

3 …ma in realtà già nel 1721 litaliano Antonio Vallisneri descriveva un quadro anatomo- patologico di ovaio policistico

4 Policistosi Ovarica o Sindrome dellOvaio Policistico (PCOS) Irregolarità mestruali (oligo-amenorrea) Irsutismo, acne Infertilità Obesità (addominale) Acanthosis Nigricans (Sindrome HAIR-AN)

5 In realtà lespressività clinica della PCOS è molto variabile e la sua identificazione in età adolescenziale richiede particolare attenzione.

6 Almeno il 20% delle donne sperimenta episodi di irregolarità mestruali nel corso della vita Ma la maggior parte delle irregolarità mestruali incide nei primi 3 anni di vita ginecologica (cicli anovulatori, immaturità dellasse Ipotalamo-Ipofisi-Ovaio, stress, disturbi alimentari, disordini endocrini) Adolescenza femminile ed irregolarità mestruali:

7 Nonostante la grande quantità di dati clinici, laboratoristici e sperimentali accumulati, letiopatogenesi della PCOS rimane ancora oggi oggetto di speculazione.

8 Rilevanza del problema: Una delle più frequenti endocrinopatie femminili con prevalenza del 5-10% in età riproduttiva, è anche una delle maggiori cause di infertilità; Associazione con insulino-resistenza ed obesità, patologia cardiovascolare, sindrome metabolica, patologia endometriale e mammaria; Associazione con acne, irsutismo; Possibile importante impatto psicologico negativo.

9 Anche i CRITERI DIAGNOSTICI sono abbastanza controversi: 1990 conferenza del NIH sulla PCOS (anovulazione cronica, segni clinici e/o biochimici di iperandrogenismo - entrambi presenti) 2003 conferenza di Rotterdam congiunta ESHRE/ASRM (oligomenorrea e/o anovulazione, segni clinici e/o biochimici di iperandrogenismo, aspetto ecografico e/o laparoscopico – almeno 2 presenti)

10 Criteri diagnostici ecografici (criteri di Adams 1985): - Almeno 12 o più follicoli cistici con diametro tra 2 e 9 mm disposti a livello subcapsulare - Stroma denso e predominante - Volume ovarico superiore ai 10 ml

11 CRITERI DIAGNOSTICI - Report della Androgen Excess e PCOS Society taskforce (Fert. And Ster. Oct. 2008) Iperandrogenismo (clinico e/o biochimico) Disfunsione ovarica (oligo-anovulazione e/o aspetto motfologico policistico delle ovaie) Esclusione di altre cause di iperandrogenismo

12 CRITERI DIAGNOSTICI – alcune considerazioni Nessun riferimento alle gonadotropine FSH, LH Nessun riferimento allobesità Liperandrogenismo clinico e/o biochimico è il principale elemento diagnostico Lesame morfologico delle ovaie anche se utile non è fondamentale

13 Raccomandazioni diagnostiche Lapproccio diagnostico deve essere basato principalmente sulla storia clinica e lesame fisico Dovrebbero essere evitati tutti i test che non hanno un reale impatto sul management clinico Updates in Womens Health Care. ACOG 2009

14 Ma allora...quali esami fare nel sospetto di PCOS? Testosterone sierico totale DHEA-S 17 OHP PRL, TSH LH/FSH, testosterone libero, cortisolo libero urinario, androstenedione, SHBG, HCGbeta, glicemia a digiuno, colesterolo TOT HDL LDL, ecografia pelvica (opzionali)

15 Diagnostica differenziale con: altre cause di iperandrogenismo altre patologie che possono alterare lovulazione

16

17 Quando è importante uno screening metabolico nella PCOS?

18 Pur non rientrando nei criteri diagnostici lobesità adolescenziale si correla fortemente con loccorrenza di anovulazione, irregolarità mestruali, iperandrogenismo

19 Obesità adolescenziale: Problema socio-sanitario importante ed in costante aumento Fortunatamente prevenibile e controllabile attraverso il cambiamento dello stile di vita, la dieta e lattività fisica

20 Consensus conference sugli screening metabolici nella PCOS - Fertility Sterility. (2004) 81:19 La ricerca di insulino-resistenza non è necessaria per la diagnosi; Ragazze obese (BMI >30) affette da PCOS vanno screenate per Sindrome Metabolica e sottoposte a test da carico orale di glucosio; Storia familiare positiva per diabete

21 Conclusioni: La PCOS è una delle più frequenti endocrinopatie nelletà adolescenziale, con espressività clinica molto ampia e diversa; L impatto sulla vita riproduttiva, sullestetica e sul metabolismo delle pazienti sono rilevanti predisponendole anche ad un rischio oncologico e cardiovascolare aumentati; La sua identificazione in età adolescenziale è quindi importante ma non priva di difficoltà e possibili errori; I criteri diagnostici sono ancora oggi controversi ma lesame fisico e la storia clinica (anamnesi) ha un ruolo fondamentale.


Scaricare ppt "Dott. Filiberto Di Prospero UOS Endocrinologia Ginecologica ASUR Marche, Zona 8 Civitanova M. Letà adolescenziale: problematiche."

Presentazioni simili


Annunci Google