La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

P. Falasca, R. Marini1 Mangiare bene per stare bene Il progetto di E.a.S. del distretto 4 di Vetralla si articola su un anno scolastico ed è rivolto ai.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "P. Falasca, R. Marini1 Mangiare bene per stare bene Il progetto di E.a.S. del distretto 4 di Vetralla si articola su un anno scolastico ed è rivolto ai."— Transcript della presentazione:

1 P. Falasca, R. Marini1 Mangiare bene per stare bene Il progetto di E.a.S. del distretto 4 di Vetralla si articola su un anno scolastico ed è rivolto ai bambini che frequentano la scuola primaria (materna ed elementare) di Ronciglione

2 P. Falasca, R. Marini2 Mangiare bene per stare bene ORE DI PROGETTAZIONE Per la progettazione gli operatori della a.s.l. hanno ipotizzato 150 ore 70 delle quali già utilizzate.

3 P. Falasca, R. Marini3 Mangiare bene per stare bene La somma delle ore dellintervento (rivolto indirettamente ai bambini) è di 130 ore.

4 P. Falasca, R. Marini4 Mangiare bene per stare bene Comportamenti a rischio quali: -scarsa abitudine a riconoscere ed apprezzare le qualità organolettiche degli alimenti. -accettazione di pochi alimenti mostrando scarso interesse allassaggio di nuovi cibi

5 P. Falasca, R. Marini5 Mangiare bene per stare bene Comportamenti a rischio quali: -la predilezione di alimenti pastosi e croccanti provocano nei bambini abitudini alimentari scorrette quali quelle di seguire un menù ripetitivo e monotono, consumando pochi vegetali.

6 P. Falasca, R. Marini6 Mangiare bene per stare bene -Questi comportamenti determinano squilibri alimentari da carenza di fibra e micronutrienti e favoriscono tra laltro lobesità.

7 P. Falasca, R. Marini7 Mangiare bene per stare bene OBIETTIVO DI SALUTE Generale: acquisizione da parte dei bambini di uno stile alimentare corretto, attraverso la formazione degli educatori specifico: consumo a mensa di una porzione di verdura

8 P. Falasca, R. Marini8 Mangiare bene per stare bene struttura ASL Viterbo titolare del progetto: Distretto 4, Vetralla struttura che ASL Viterbo collabora al progetto: Dipartimento Integrazione Socio Sanitario Tutela Maternità Infanzia Responsabile del Progetto: R. Marini

9 P. Falasca, R. Marini9 Mangiare bene per stare bene soggetti esterni alla ASL Viterbo che collaborano al progetto: Comune Ronciglione: operatori di mensa Scuola Materna ed Elementare: insegnanti

10 P. Falasca, R. Marini10 Mangiare bene per stare bene Popolazione target: 495 alunni scuola Materna ed Elementare di Ronciglione di età compresa tra i 3 e i 10 anni

11 P. Falasca, R. Marini11 Mangiare bene per stare bene Metodologia: si compone di tre fasi principali 1-Fase preliminare o di diagnosi di comunità: a-conoscere le abitudini alimentari della popolazione bersaglio attraverso la somministrazione di una scheda di rilevazione*

12 P. Falasca, R. Marini12 Mangiare bene per stare bene Metodologia: si compone di tre fasi principali 1-Fase preliminare o di diagnosi di comunità: b-elaborazione dei dati rilevati (dalle schede somministrate risulta che su 1813 portate di verdura distribuite in tre settimane ne sono state rifiutate 1352 circa il 75%, mentre per lo stesso numero di portate di frutta ne sono state rifiutate solo 315 circa 17%)

13 P. Falasca, R. Marini13 Mangiare bene per stare bene Metodologia: si compone di tre fasi principali 1-Fase preliminare o di diagnosi di comunità: c-conoscere lo stato ponderale della popolazione target attraverso la determinazione dellindice di massa corporea* ricavato dallelaborazione dei dati dei bilanci di salute nei bambini di tre anni (20% dei bambini e il 36% delle bambine risultano al di sopra del 85° percentile)

14 P. Falasca, R. Marini14 Mangiare bene per stare bene Metodologia: si compone di tre fasi principali 2-Fase operativa: a-formazione degli insegnanti e degli operatori di mensa attraverso incontri e dibattiti, momenti informativi, lavori di gruppo aventi come oggetto i principi fondamentali dellalimentazione.

15 P. Falasca, R. Marini15 Mangiare bene per stare bene Metodologia: 2-Fase operativa: a/ 1- Gli insegnanti formati, utilizzando nella didattica una metodologia di gioco e partecipazione attiva, tradurranno in stimoli e momenti formativi le conoscenze acquisite utili al raggiungimento dellobiettivo (consumo a mensa di una porzione completa di verdura).

16 P. Falasca, R. Marini16 Mangiare bene per stare bene Metodologia: si compone di tre fasi principali 2-Fase operativa: b-fornire tabelle dietetiche bilanciate e condivise con i pediatri*

17 P. Falasca, R. Marini17 Mangiare bene per stare bene Metodologia: si compone di tre fasi principali 3-Fase di valutazione dellintervento: a-valutazione dellapprendimento degli alunni rispetto ai principi fondamentali di una corretta alimentazione (concordata nelle modalità e nei tempi con gli insegnanti)

18 P. Falasca, R. Marini18 Mangiare bene per stare bene Metodologia: si compone di tre fasi principali 3-Fase di valutazione dellintervento: b-ridistribuzione delle schede di rilevazione delle abitudini alimentari a mensa per verificare le eventuali modifiche del comportamento da parte dei bambini

19 P. Falasca, R. Marini19 Mangiare bene per stare bene Il progetto (prima fase) è stato inserito quale obiettivo nel budget 2004, le altre due fasi ( previste nel progetto) sono da inserire nelbudget area appropriatezza nel È stato un piacere stare insieme.


Scaricare ppt "P. Falasca, R. Marini1 Mangiare bene per stare bene Il progetto di E.a.S. del distretto 4 di Vetralla si articola su un anno scolastico ed è rivolto ai."

Presentazioni simili


Annunci Google