La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Malattia Estesa: approcci sperimentali. La personalizzazione della terapia con Imatinib basata sulle concentrazioni plasmatiche e sui parametri farmacocinetici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Malattia Estesa: approcci sperimentali. La personalizzazione della terapia con Imatinib basata sulle concentrazioni plasmatiche e sui parametri farmacocinetici."— Transcript della presentazione:

1

2

3 Malattia Estesa: approcci sperimentali. La personalizzazione della terapia con Imatinib basata sulle concentrazioni plasmatiche e sui parametri farmacocinetici è ancora sotto valutazione. La personalizzazione della terapia con Imatinib basata sulle concentrazioni plasmatiche e sui parametri farmacocinetici è ancora sotto valutazione. La terapia del residuo di malattia dopo terapia medica è ancora oggetto di sperimentazione. La terapia del residuo di malattia dopo terapia medica è ancora oggetto di sperimentazione.

4

5

6 Chirurgia del residuo:fondamenti La finalità è di superare la resistenza ai farmaci con la chirurgia. La finalità è di superare la resistenza ai farmaci con la chirurgia. La morbilità deve essere ridotta al minimo. La morbilità deve essere ridotta al minimo. Le resezioni complesse e multiviscerali sono da valutare con molto equilibrio Le resezioni complesse e multiviscerali sono da valutare con molto equilibrio

7

8

9 Malattia Estesa: valutazione della risposta. La riduzione del volume di malattia è il tipo di risposta più comune,ma possono esserci delle risposte non volumetriche con modificazione della densità. La riduzione del volume di malattia è il tipo di risposta più comune,ma possono esserci delle risposte non volumetriche con modificazione della densità. Le risposte dovrebbero essere valutate da Radiologi con esperienza e utilizzando i criteri di Choi. Le risposte dovrebbero essere valutate da Radiologi con esperienza e utilizzando i criteri di Choi. La PET è utile per predire la risposta alla terapia con Imatinib. Non per il follow up. La PET è utile per predire la risposta alla terapia con Imatinib. Non per il follow up.

10 I Criteri di valutazione della risposta radiologica

11

12

13 N Engl J Med 2001; 344: , Apr 5, 2001

14 Risposta sulla densità con volume stabile.

15 Progressione intralesionale (nodulo nel nodulo)

16 GIST: Follow up Non vi è un follow up definito Non vi è un follow up definito Si distingue tra GIST a alto e a basso rischio (ricadute precoci e tardive). Si distingue tra GIST a alto e a basso rischio (ricadute precoci e tardive). Alto rischio: TAC ogni 3-4 mesi per 3 anni poi ogni 6 mesi fino al 5° anno poi annuale Alto rischio: TAC ogni 3-4 mesi per 3 anni poi ogni 6 mesi fino al 5° anno poi annuale Basso rischio: TAC ogni 6 mesi per 5 anni poi annuale. Basso rischio: TAC ogni 6 mesi per 5 anni poi annuale. Rischio molto basso: no follow up. Rischio molto basso: no follow up.


Scaricare ppt "Malattia Estesa: approcci sperimentali. La personalizzazione della terapia con Imatinib basata sulle concentrazioni plasmatiche e sui parametri farmacocinetici."

Presentazioni simili


Annunci Google