La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Allievo 1. Prima che tu inizi a svolgere gli esercizi è bene che legga con molta attenzione le poche pagine di teoria, schematizzate in modo da rendere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Allievo 1. Prima che tu inizi a svolgere gli esercizi è bene che legga con molta attenzione le poche pagine di teoria, schematizzate in modo da rendere."— Transcript della presentazione:

1 Allievo 1

2 Prima che tu inizi a svolgere gli esercizi è bene che legga con molta attenzione le poche pagine di teoria, schematizzate in modo da rendere meno pesante la lettura. Ricorda che questo non sostituisce il libro di testo di cui devi fare sempre un buon uso. Prendi appunti cerca di costruire mappe concettuali e se non hai chiaro qualche concetto chiedi aiuto allinsegnante. Buon Lavoro

3 Molto spesso la risoluzione di problemi tratti dalla fisica, chimica, economia, elettronica ecc.inducono a risolvere equazioni non lineari. Le più semplici sono quelle di secondo grado o equazioni quadratiche. Ricordiamo che il grado di una equazione ridotta in forma normale è il massimo esponente della variabile. a,b,c vengono chiamati coefficienti dellequazione. Il coefficiente a deve essere diverso da zero altrimenti lequazione diventa unequazione di primo grado. Il coefficiente c è detto termine noto

4 EQUAZIONE PURA (b=0) SPURIA (c=0) MONOMIA(b=c=0) Unequazione di 2° si dice pura quando il coefficiente b=0 Allora lequazione si presenta nella forma ax 2 + c=0 per risolverla si procede così: ax 2 = - c x 2 = - c a x 1 = -c/a; x 2 =- -c/a ma sappiamo che sotto radice ci può essere solo un numero positivo allora a e c devono avere segni diversi. Se c=0 lequazione diventa ax 2 + bx=0 Sfruttando la proprietà distributiva del prodotto rispetto alla somma si scrive: x(ax+b)=0 e utilizzando la legge di annullamento del prodotto si ha: x=0 e ax+b=0 allora le soluzioni sono x=0; x=-b/a (eq. Primo grado) Se b=c=0 allora lequazione si riduce alla semplice forma : ax 2 =0 le cui soluzioni che sono sempre due (anche se coincidenti) sono : x 1 =x 2 =0

5 Per risolvere una equazione di 2° si applica la formula risolutiva: Il simbolo sotto radice prende il nome di DELTA o DISCRIMINANTE e il suo valore è dato dallespressione

6 Dato che il discriminante è un numero sotto posto il segno di radice dobbiamo distinguere tre casi cioè quando è maggiore di zero, minore di zero o uguale a zero

7 In pratica per risolvere unequazione completa di secondo grado applicando la formula risolutiva conviene procedere seguendo i seguenti passi: 1° passo: Se lequazione non è nella forma ax 2 +bx+c= 0 occorre riportarla a tale forma utilizzando la proprietà delle uguaglianze e delle operazioni 2° passo: Per evitare inutili complicazioni di calcolo bisogna fare in modo che il coefficiente di x 2 sia positivo: se non lo è basta moltiplicare ambo i membri per -1 3° passo: Si controllano i coefficienti a,b,c per vedere se sono multipli di uno stesso numero. Se lo sono si provvede ad eseguire le opportune semplificazioni 4° passo: Si calcola il discriminante (DELTA) dellequazione e se ne controlla il segno: se esso è positivo lequazione ha due soluzioni reali e distinte, se è uguale a zero le soluzioni sono reali e coincidenti, se è negativo lequazione ammette soluzioni complesse.

8 Esercizi guidati 5x 2 -6x+1=0 è già nella forma normale e nessuna semplificazione è possibile fra i coefficienti che sono a=5; b=-6; c=1 Calcoliamo il discriminante : b 2 - 4ac= (-6) 2 -4(5)(1)= 36-20= >0 due soluzioni reali e distinte date da x1,2= -b+ D x1= = 6+4 = 1 x2= = 6-4 = 2 = 1 2a x 2 +24x-18=0 a=-8; b=24; c=-18 Essendo a=-8 negativo moltiplichiamo ambo i membri per -1: 8x 2 -24x+18=0 quindi dividiamo ambo i membri per 2: 4x 2 -12x+9=0 a=4; b=-12; c=9 Calcoliamo il discriminante : b 2 - 4ac= (-12) 2 -4(4)(9)= = 0 Delta è zero le due soluzioni sono reali e coincidenti date da x1=x2= - b = - 12=- 3 2a 8 2

9 ESERCIZI

10 Test 1 Una equazione di secondo grado si dice completa quando……….. a,b,c sono uguali a zero b e c sono diversi da zero C=0 a=0 10

11 Test 2 Quali soluzioni ammette una equazione di secondo grado che sia monomia? 0 -b/a 1, -1 nessuna 11

12 Test 3 Se Delta è maggiore di zero le soluzioni sono: Reali e coincidenti Reali e negative Nulle Reali e distinte 12

13 Test 4 Una equazione di secondo grado è pura quando: c=0 a=0 b=0 b=c=0 13

14 Test 5 X 2 -4x=0 è: Pura Spuria Monomia 6 Completa

15 Test 6 Le soluzioni dellequazione : 3x 2 -x-10=0 è 3, 4 2, Sol. immaginarie -5/3, 2

16 Test 7 3x-9x 2 =0 ammette come soluzioni X=1 X=3 X=0; x=1/3 X=0 X=3; x=0 16

17 Test 8 Quale dei seguenti numeri è radice dellequazione: 9x-x 2 =

18 Test 9 Se Delta è uguale a zero le soluzioni sono: Una sola Due, ma coincidenti Una reale e una nulla Due coincidenti e nulle 18

19 Test 10 La soluzione dellequazione (x+2) 2 - 4(x+1)=3x x=1; x=3 X=0 ; x=3 X= 1 ; x= 0 X= 3; x=-3 19

20 I coefficienti b,c devono essere diversi da zero allora lequazione si dice completa

21 Se b=c=0 allora lequazione si riduce alla semplice forma : ax 2 =0 le cui soluzioni che sono sempre due (anche se coincidenti) sono : x 1 =x 2 =0

22

23 Unequazione di 2° si dice pura quando il coefficiente b=0 Allora lequazione si presenta nella forma ax 2 + c=0 per risolverla si procede così: ax 2 = - c x 2 = - c a x 1 = -c/a; x 2 =- -c/a ma sappiamo che sotto radice ci può essere solo un numero positivo allora a e c devono avere segni diversi.

24 Unequazione di 2° si dice pura quando il coefficiente b=0 Allora lequazione si presenta nella forma ax 2 + c=0 per risolverla si procede così: ax 2 = - c x 2 = - c a x 1 = -c/a; x 2 =- -c/a ma sappiamo che sotto radice ci può essere solo un numero positivo allora a e c devono avere segni diversi.

25 Se c=0 lequazione diventa ax 2 + bx=0 Sfruttando la proprietà distributiva del prodotto rispetto alla somma si scrive: x(ax+b)=0 e utilizzando la legge di annullamento del prodotto si ha: x=0 e ax+b=0 allora le soluzioni sono x=0; x=-b/a (eq. Primo grado)

26

27 Se c=0 lequazione diventa ax 2 + bx=0 Sfruttando la proprietà distributiva del prodotto rispetto alla somma si scrive: x(ax+b)=0 e utilizzando la legge di annullamento del prodotto si ha: x=0 e ax+b=0 allora le soluzioni sono x=0; x=-b/a (eq. Primo grado)

28

29 Per verificare che un numero è radice di una equazione devi sostituire al posto della variabile (x) il numero dato e verificare che ci sia unuguaglianza osserva…….

30

31 31


Scaricare ppt "Allievo 1. Prima che tu inizi a svolgere gli esercizi è bene che legga con molta attenzione le poche pagine di teoria, schematizzate in modo da rendere."

Presentazioni simili


Annunci Google