La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Verifica della qualità nel trattamento chirurgico dei tumori mammari e nella tecnica del linfonodo sentinella in Emilia-Romagna Bologna, 26 marzo 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Verifica della qualità nel trattamento chirurgico dei tumori mammari e nella tecnica del linfonodo sentinella in Emilia-Romagna Bologna, 26 marzo 2007."— Transcript della presentazione:

1 Verifica della qualità nel trattamento chirurgico dei tumori mammari e nella tecnica del linfonodo sentinella in Emilia-Romagna Bologna, 26 marzo 2007 M. Taffurelli; F. Falcini

2 REALTACHIRURGIE SQTM 2001 SQTM 2002 SQTM 2003 SQTM 2004 SQTM 2005 PIACENZA Chirurgia I Osp. Civile Chirurgia II Osp. Civile Chirurgia Osp. Fiorenzuola Chirurgia Osp. Castel S. Giovanni NONONONOSI PARMA Clinica Chirurgica Toracica Clinica Chirurgica Generale e terapia chirurgica Clinica Chirurgica Universitaria Chirurgia Ospedale Fidenza NoNoSìNoNoNoSìNoNONONO FERRARA Clinica Chirurgica Osp. S.Anna Chirurgia Generale Osp. S.Anna Patologia Chirurgica Osp. S.AnNNA Ginecologia Osp. Del Delta SISISISISI REGGIO EMILIA Chirurgia Generale Osp.S. Maria Nuova Chirurgia Generale Osp. Scandiano Chirurgia Generale Osp. Guastalla Chirurgia Generale Osp. Montecchio Chirurgia Generale Osp. Correggio Chirurgia Generale Osp. Castelnuovo Monti SISISISISI RESOCONTO REALTA CHE HANNO INVIATO I DATI SQTM

3 REALTACHIRURGIE SQTM 2001 SQTM 2002 SQTM 2003 SQTM 2004 SQTM 2005 MODENA Chirurgia III Az. Policl. Clinica Chirurgica I Az. Policl. Clinica Chirurgica I Az. Policl. Chirurgia Osp. Civile S.Agostino Chirurgia Osp. Civile S.Agostino Day-Surgery Osp. Carpi Day-Surgery Osp. Carpi Reparto chirurgia Osp. Carpi Reparto chirurgia Osp. Carpi Chirurgia Osp. Mirandola Chirurgia Osp. Mirandola Chirurgia Osp. Vignola Chirurgia Osp. Vignola Chirurgia Generale Osp. Pavullo Chirurgia Generale Osp. Pavullo Chirurgia Osp. Sassuolo Chirurgia Osp. Sassuolo Day-surgery Finale Emilia Day-surgery Finale EmiliaSìNoSìNoNoSìSìNoNo-SìSìSìNoNoNoSìNoNo-SìSìSìNoNoSìNoNoSìSìSSìSìNoNoNoNoNoSìSìSìSìSìNoNoNoNoNoSìNo BOLOGNA Chirurgia Osp. Vergato Chirurgia Osp. Vergato Clinica Chirurgica I Osp. Clinica Chirurgica I Osp. S.Orsola- Malpighi S.Orsola- Malpighi UUOO Chirurgia Ospedale UUOO Chirurgia Ospedale Don Dossetti -Bazzano Don Dossetti -Bazzano Osp. Bentivoglio Osp. Bentivoglio Osp. Budrio Osp. Budrio Osp. S. Giovanni in Persiceto Osp. S. Giovanni in Persiceto Chirurgia Generale Osp. Maggiore Chirurgia Generale Osp. MaggioreSìSìSìNoNoNoSìSìSìSìNoNoNoSìSìSìSìNoNoNoNoSìSìSìSìSìSìNoNoNoSìSìSìSìSì IMOLA Chirurgia Senologica Osp. Nuovo SiSìSìSìSì RESOCONTO REALTA CHE HANNO INVIATO I DATI SQTM

4 REALTACHIRURGIE SQTM 2001 SQTM 2002 SQTM 2003 SQTM 2004 SQTM 2005 RAVENNA Chirurgia Osp. S. Maria delle Croci Ravenna Chirurgia Ospedale Umberto I Lugo Chirurgia Osp. Per gli Infermi Faenza SISISISISI FORLI Chirurgia I Chirurgia II Chirurgia toracica NOSISISISI CESENA Chirurgia I Osp. M. Bufalini Chirurgia II Osp. M. Bufalini SINoSìSISISI RIMINI Divisione Chirurgia Generale Osp. S. Arcangelo di Romagna Chirurgia Osp. Rimini Chirurgia Osp. Riccione SISìSìSISìSìSISìSìNO SI parzia li RESOCONTO REALTA CHE HANNO INVIATO I DATI SQTM

5 RER - ANDAMENTO TEMPORALE N. DONNE, TIPOLOGIA LESIONI, B/M

6 RER - ANDAMENTO TEMPORALE Alcuni indicatori

7 RER - ANDAMENTO TEMPORALE Alcuni indicatori

8 Morfologia delle lesioni benigne

9 % dissezione ascellare

10 CDIS SENZA DISSEZIONE ASCELLARE II O III LIVELLO SQTM 2005 BOLOGNA S BOLOGNA N BOLOGNA CITTA CESENA100 FERRARA94.4 FORLI100 IMOLA100 MODENA100 PARMA- PIACENZA87.5 RAVENNA100 REGGIO EMILIA 100 RIMINI100 RER97.5

11 Raccomandazioni su alcuni aspetti riguardanti la tecnica del Linfonodo Sentinella nel carcinoma della mammella Bologna, 26 marzo 2007

12 Chirurgo dedicato: il numero di SLNB/anno non dovrebbe essere inferiore a 50 casi La SLNB richiede una diagnosi pre-operatoria positiva o fortemente sospetta Massima accuratezza per neoplasie 3 cm La multifocalità e/o multicentricità non è più una controindicazione Pregressa biopsia escissionale non è una controindicazione alla SLNB

13 Il carcinoma duttale in situ non richiede un intervento sul cavo ascellare. Pur tuttavia vi è indicazione alla SLNB in quei casi con diagnosi preoperatoria di carcinoma duttale in situ che richiedono una mastectomia per limpossibilità di eseguire successivamente la metodica qualora si rilevasse, allesame istologico definitivo, una componente invasiva. La SLNB trova indicazione, in accordo con la paziente, anche nei casi di carcinoma duttale in situ esteso (>3cm) e/o ad alto grado (diagnosi preoperatoria alla microbiopsia) per il consistente rischio di reperire in tali forme, aree di microinvasione

14 In caso di macro e/o micrometastasi (da 0.2 a 2 mm) nel linfonodo sentinella è indicata la dissezione ascellare La tecnica, se eseguita correttamente, deve portare allasportazione di un solo linfonodo, in una percentuale limitata di casi, potrà riguardare 2 o al massimo 3 linfonodi ( la media complessiva a livello di AUSL dovrà rientrare tra 1.5 ed 1.7 e la mediana tra 1 e 2)

15 % linfonodo sentinella

16 Linfonodo sentinella: casi infiltranti e numero dei linfonodi asportati

17 Tecnica del linfonodo sentinella: carcinoma in situ, numero dei linfonodi asportati

18 Linfonodo sentinella:carcinomi in situ per grading istologico

19 Numerosità di lesioni multifocali/multicentriche nella tecnica del linfonodo sentinella e/o dissezione ascellare SentinellaDissez. Ascellare Carcinomi in situ 10/892/5 Ca. infiltranti (1mic/1a) 8/612/9

20

21 BOZZE Regione Emilia-Romagna Rilevazione di interventi chirurgici principali per carcinoma mammario per Unità Operativa (quadrantectomia, mastectomia subtotale, mastectomia monol. e bil.) Unità Operative % U.O. con meno di 30 casi84%82%79.8% % U.O. con meno di 50 casi89.7%88.7%86.2% % U.O. con meno di 100 casi96.7%97.1%96.2%

22 BOZZE Regione Emilia-Romagna Numero di Unità Operative per il numero di interventi chirurgici principali (quadrantectomia, mastectomia subtotale, mastectomia monol. e bil.) [pubblico - privato] N. int. chirurgici 2003Subtot2004Subtot2005Subtot > > > > > Totale

23 BOZZE Regione Emilia-Romagna Numero di Unità Operative per il numero di interventi chirurgici demolitivi ( mastectomia monolaterale e bilaterale) [pubblico - privato] N. int. chirurgici 2003Subtot2004Subtot2005Subtot > > > > > Totale

24 BOZZE Regione Emilia-Romagna Numero di Unità Operative per il numero di interventi chirurgici conservativi ( quadrantectomie e mastectomie subtotali) [pubblico - privato] N. int. chirurgici 2003Subtot2004Subtot2005Subtot > > > > > Totale

25 BOZZE Regione Emilia-Romagna Numero di Unità Operative con più di 100 interventi chirurgici principali (quadrantectomia, mastectomia subtotale, mastectomia monol. e bil.) Linee Operative FONCAM [pubblico - privato] Piacenza0/7 (2)0/6 (1)0/7 (1) Parma AOSP Parma 1/5 (3) 1/7 1/6 (4) 0/8 0/4 (2) 0/6 Reggio Emilia AOSP Reggio Emilia 0/9 (2) 1/3 0/9 (3) 1/3 0/7 1/7 Modena AOSP Modena 0/13 (3) 1/3 0/10 (1) 1/6 0/13 (1) 1/5 Bologna AOSP Bologna 1/19 (7) 1/14 1/27 (14) 1/16 1/21 (9) 1/15 Imola0/1 Ferrara AOSP Ferrara 0/13 (2) 2/5 0/11 (1) 2/6 0/11 (1) 2/4 Ravenna2/8 (3)1/10 (3)2/5 (1) Forlì1/7 (2)1/4 (2)1/3 (2) Cesena0/6 (3)0/4 (2)0/6 (2) Rimini1/8 (2)1/10 (2)1/5 (2)

26 Regione Emilia-Romagna Numero di Unità Operative con più di 100 e di ~ 250 interventi chirurgici principali nel 2005 (quadrantectomia, mastectomia subtotale, mastectomia monol. e bil.) Linee Operative FONCAM [pubblico - privato] >100 interventi ch.>250 interventi ch Piacenza 0/7 (1)0/7 Parma AOSP Parma 0/4 (2) 0/6 0/10 Reggio Emilia AOSP Reggio Emilia 0/8 1/3 1/11 Modena AOSP Modena 0/13 (1) 1/5 1/18 Bologna AOSP Bologna 1/21 (9) 1/15 2/36 Imola0/1 Ferrara AOSP Ferrara 0/11 (1) 2/4 0/15 Ravenna2/5 (2)0/5 Forlì1/3 (2)1/3 Cesena0/6 (2)0/6 Rimini1/5 (2)0/5


Scaricare ppt "Verifica della qualità nel trattamento chirurgico dei tumori mammari e nella tecnica del linfonodo sentinella in Emilia-Romagna Bologna, 26 marzo 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google