La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI ECONOMIA, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE Corso di laurea interfacoltà in.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI ECONOMIA, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE Corso di laurea interfacoltà in."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI ECONOMIA, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE Corso di laurea interfacoltà in Editoria e Comunicazione Multimediale Relatore: Prof. Stefano Colloca Correlatore: Prof. Edoardo Fittipaldi

2 Temi principali della trattazione: capacità comunicative di base comunicazione della diagnosi oncologica ricerca sul campo: lo studio Diana5 rapporto medico paziente e compliance

3 Il rapporto medico-paziente è fondamentale nel processo clinico di anamnesi, diagnosi e terapia. Il ruolo del paziente è oggi profondamente cambiato rispetto al passato: il paziente ha ora un ruolo attivo, viene coinvolto nelle decisioni terapeutiche che il medico non prende più in autonomia. La comunicazione è lo strumento che permette la costruzione dellalleanza terapeutica e della compliance.

4 Alleanza terapeutica: è lo specifico rapporto collaborativo che si stabilisce tra il paziente e il suo medico, basato sulla comune volontà di risolvere il problema del malato. Compliance: è ladesione e la partecipazione del paziente al suo trattamento, la volontà del paziente di cooperare per combattere la malattia (B. Blackwell).

5 Fattori che influenzano lacompliancedel paziente : il tipo di malattia il paziente stesso il medico lambiente di vita del paziente

6 L ASCOLTO U SO DEL LINGUAGGIO SPECIALISTICO IL DOVERE DELLA VERITÀ C APACITÀ COMUNICATIVE DI BASE C OMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE

7 Elementi fondamentali del colloquio medico prepararsi allascolto fare domande La struttura base del dialogo fra medico e malato secondo Buckman consiste in:

8 Elementi fondamentali del colloquio medico rispondere dimostrare di comprendere ascoltare attivamente e favorire il racconto

9 La comunicazione verso il paziente oncologico: Il cancro è una delle principali cause di morte in quasi tutti i Paesi del mondo. Nascita della psiconcologia Numerose ricerche hanno dimostrato limportanza del ruolo svolto da fattori psico-sociali nella prevenzione e trattamento del cancro.

10 Approccio al malato oncologico fattori relativi al paziente fattori sociali fattori relativi al medico paura di generare dolore paura di sentirsi accusati paura di ciò che non è stato insegnato paura delle conseguenze e di dire non so

11 Le reazioni emotive del malato oncologico o rifiuto o collera o colpa o paura o shock e incredulità o speranza, disperazione e depressione

12 Come comunicare la diagnosi oncologica? Il percorso in sei stadi di Robert Buckman

13 Come comunicare la diagnosi oncologica? Primo Stadio: avviare il colloquio Approccio alla conversazione con domande formali come si sente oggi? Valutare il tempo a disposizione, chi sarà presente al colloquio e il contesto

14 Come comunicare la diagnosi oncologica? Secondo Stadio: esplorare che cosa sa il paziente Lobiettivo è quello di stabilire quale sia la consapevolezza del paziente dellimpatto della malattia sul suo futuro come ha interpretato i primi sintomi? Ha pensato che potesse essere grave? Si è preoccupato?

15 Come comunicare la diagnosi oncologica? Terzo Stadio: capire quanto il paziente desideri sapere È il fulcro attorno al quale ruota la riuscita del colloquio e la futura relazione medico-paziente A che grado di informazione desidera arrivare? Lobiettivo è qui quello di mostrare disponibilità a fornire informazioni, ma solo se il malato lo desidera.

16 Come comunicare la diagnosi oncologica? Quarto Stadio: condividere le informazioni con il paziente Verificare spesso la comprensione del malato Mi sto spiegando? È tutto chiaro? Evitare un linguaggio poco comprensibile per il paziente, che tenderebbe a farlo sentire escluso

17 Come comunicare la diagnosi oncologica? Quinto Stadio: rispondere ai sentimenti del paziente Il medico deve mostrare empatia per rafforzare alleanza terapeutica e compliance La diagnosi oncologica suscita nel paziente emozioni negative

18 Come comunicare la diagnosi oncologica? Sesto Stadio: pianificare e accompagnare In questa fase il medico deve offrire al malato una guida e una prospettiva clinica, dimostrandogli di essere suo alleato Concludere il colloquio con una sintesi di quanto detto e con la stesura di un accordo per il futuro il paziente sarà felice di avere un programma

19 La mia esperienza di comunicazione verso i pazienti oncologici: lo Studio Diana5 Diana5 è un progetto di ricerca dellINT di Milano, in collaborazione con altri centri in tutta Italia (tra cui Napoli, Palermo, Perugia, Potenza, Piacenza, Torino, Mantova, Biella ecc..) che studia le relazioni esistenti tra alimentazione e cancro al seno. Lo scopo dello studio è quello di provare come un certo tipo di alimentazione prevenga la recidiva del cancro al seno.

20 La mia esperienza di comunicazione verso i pazienti oncologici: lo Studio Diana5 reclutamento delle donne tra i 35 e i 70 anni, operate per tumore al seno negli ultimi cinque anni e che non abbiano avuto recidive, disponibili a modificare le proprie abitudini alimentari e il proprio stile di vita I concetti trattati in questa tesi mi sono stati estremamente utili nel rapportarmi con le pazienti da me coinvolte nello studio e nelle svolgimento delle attività di:

21 organizzazione incontri, corsi di cucina, attività fisica e conferenze creazione della compliance delle pazienti, affinchè lo studio abbia successo (sia i termini di ricerca sia in termini di benefici per le partecipanti) La mia esperienza di comunicazione verso i pazienti oncologici: lo Studio Diana5 organizzazione esami specifici e visite preliminari

22 Gli studi effettuati per la stesura di questa tesi mi hanno favorito a svolgere lattività di comunicazione in questo progetto con le pazienti oncologiche, con cui senza unadeguata preparazione è veramente difficile rapportarsi. La mia esperienza di comunicazione verso i pazienti oncologici: lo Studio Diana5

23 Conclusioni È perciò auspicabile che la comunicazione medico-paziente venga considerata in futuro materia di studio e di apprendimento per gli studenti di medicina. Il rapporto medico-paziente è prima di tutto un rapporto umano, perciò una buona comunicazione è una fondamentale componente del piano di cura.

24 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI ECONOMIA, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE Corso di laurea interfacoltà in."

Presentazioni simili


Annunci Google