La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prolasso genitale: inquadramento diagnostico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Medicina e Chirurgia Cattedra di Ginecologia e Ostetricia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prolasso genitale: inquadramento diagnostico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Medicina e Chirurgia Cattedra di Ginecologia e Ostetricia."— Transcript della presentazione:

1 Prolasso genitale: inquadramento diagnostico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Medicina e Chirurgia Cattedra di Ginecologia e Ostetricia Direttore: Prof. E. Piccione Dr.ssa Chiara La Penna

2 Prolasso genitale Dislocazione del viscere uterino, della vescica e del retto verso il basso fino alla esteriorizzazione al di fuori della rima vulvare, associata o meno alla discesa della parete vaginale anteriore e posteriore

3 PROLASSO GENITALE 130 o Organi pelvici in condizione normale: angolo di 130° 1. Complesso ligamenti cardinali-uterosacrali 2. Piatto degli elevatori 2. Piatto degli elevatori

4 Patogenesi del prolasso genitale Perdita della funzione di supporto della fascia endopelvica (stiramento da insulto meccanico, incapacità riparativa del connettivo) Deficit neuromuscolare del pavimento pelvico o neuropatia del pudendo (traumatismo, lesione neurologica da sforzi o spinte eccessive) Menopausa (modificazioni endocrine e vascolari del supporto pelvico) Anomalie intrinseche del collagene

5 Diretti Pube Spine ischiatiche Sacro Coccige Ancoraggi del pavimento pelvico PAVIMENTO PELVICO Indiretti Arco tendineo dellelevatore dellano Arco tendineo della fascia endopelvica

6 Pavimento pelvico 1. Diaframma pelvico 2. Fascia endopelvica 3. Diaframma urogenitale o membrana perineale 4. Strato muscolare superficiale

7 Muscolo elevatore dellano con la contrazione, eleva e comprime lo iato urogenitale -Pubococcigeo (e puborettale) -Ileococcigeo Muscolo Ischiococcigeo Diaframma pelvico

8

9 Muscolo elevatore dellano

10 Ricopre il diaframma pelvico e gli organi pelvici con azione di supporto dellutero e del segmento vaginale superiore attraverso lunione allarco tendineo (parametrio e paracolpo) Si inspessisce a formare: legamenti cardinali ed utero-sacrali fascia pubo-cervicale fascia retto-vaginale Fascia endopelvica

11

12 Livello 1: legamenti utero-sacrali e cardinali Livello 2: legamenti vescico-pelvici Livello 3: anteriormente: leg. pubo-uretrali, leg. uretro-pelvici lateralmente: m. elevatore dellano, posteriormente: corpo perineale DeLancey JOL 92 I 3 LIVELLI DI SOSPENSIONE DELLA VAGINA

13 I LIVELLO II LIVELLO III LIVELLO I 3 livelli di sospensione della vagina

14 Legamenti pubo-uretrali Stabilizzano la positione delluretra soprattutto sotto sforzo n Tessuto connettivo56% n Muscolatura liscia30% n Vasi sanguigni11% n Mucolatura striata2% n Nervi1% - Decorrono per tutta la lunghezza dell uretra - Nelle donne in post-menopausa riduzione del tessuto connettivo e dei vasi sanguigni Verelst M et al 2002

15 Membrana perineale o diaframma urogenitale Tessuto connettivo a diretto contatto con i muscoli compressore dell uretra e dello sfintere uretro-vaginale, che fissa luretra distale allosso pubico

16 Strato superficiale o perineo Muscoli genitali esterni -Muscolo trasverso superficiale del perineo -Bulbocavernoso -Ischiocavernoso ISCHIOCAVERNOSO BULBOCAVERNOSO TRASVERSO SUP

17 Due differenti difetti del supporto vaginale anteriore nella regione della base vescicale: a)Difetto laterale per perdita o attenuazione nellattacco paravaginale della fascia pubocervicale e del leg.vescicopelvico allarco tendineo della fascia pelvica b)Difetto centrale per distacco della fascia pubocervicale dalla cervice e dai leg.cardinali lungo la linea mediana CISTOCELE

18

19

20

21 ISTEROCELE e prolasso della volta vaginale Causato dallindebolimento del complesso legamentoso cardinale-uterosacrale

22 ISTEROCELE

23 e prolasso della volta vaginale

24 ISTEROCELE

25 Prolasso della volta vaginale

26 E unernia retto-vaginale dovuta ad un difetto della fascia retto-vaginale RETTOCELE

27

28 DIAGNOSI PATOLOGIA DEL PAVIMENTO PELVICO ICS Standardisation of terminology of LUT Function 2002 SINTOMI (LUTS) SEGNI OSSERVAZIONI URODINAMICHE

29 I SINTOMI I sintomi sono indicatori soggettivi di una patologia o di un cambiamento percepito nella propria vita dalla paziente ICS Standardisation of terminology of LUT Function 2002

30 I SEGNI I segni sono indicatori oggettivi osservati dal medico attraverso semplici strumenti, per verificare i sintomi riferiti dalla paziente e per quantificarli, per valutarne la frequenza, la severità e limpatto sulla sua vita ICS Standardisation of terminology of LUT Function 2002

31 LE OSSERVAZIONI URODINAMICHE Le osservazioni urodinamiche sono rilevazioni fatte durante lo studio urodinamico, possono essere correlate a varie cause; da sole non forniscono una diagnosi definitiva di malattia e possono essere collegate o meno a sintomi e segni ICS Standardisation of terminology of LUT Function 2002

32 LA CONDIZIONE La condizione di malattia è definita dalla presenza di osservazioni urodinamiche associate a sintomi o segni caratteristici ICS Standardisation of terminology of LUT Function 2002


Scaricare ppt "Prolasso genitale: inquadramento diagnostico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Medicina e Chirurgia Cattedra di Ginecologia e Ostetricia."

Presentazioni simili


Annunci Google