La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIETOTERAPIA. Dietoterapia: quando? Studio e applicazione dei regimi alimentari in rapporto alle malattie dellorganismo Quando? necessità di modificare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIETOTERAPIA. Dietoterapia: quando? Studio e applicazione dei regimi alimentari in rapporto alle malattie dellorganismo Quando? necessità di modificare."— Transcript della presentazione:

1 DIETOTERAPIA

2 Dietoterapia: quando? Studio e applicazione dei regimi alimentari in rapporto alle malattie dellorganismo Quando? necessità di modificare lapporto energetico disfunzioni metaboliche problemi digestivi malnutrizioni Le diete modificate possono essere temporanee o durature

3 Obesità Patologia caratterizzata da un eccesso di massa adiposa Metodi per valutare il peso corporeo: IMC (> 25 = sovrappeso, > 30 = obesità) plicometria circonferenza della vita: donna > 88 cm uomo > 102 cm obesità = donna > 88 cm uomo > 102 cm impedenzometria

4 Obesità È una malattia multifattoriale, ma la causa principale è un minore dispendio energetico e/o un aumento delle entrate energetiche rispetto al fabbisogno Malattie associate allobesità: Ipertensione arteriosa Cardiopatie Problemi respiratori Problemi articolari Diabete

5 Tipi di obesità In base alletà: Iperplastica (giovani) aumenta il numero di adipociti è più difficile da correggere Ipertrofica (adulti) aumenta la dimensione degli adipociti si può correggere modificando lo stile di vita

6 Indicazioni dietetiche nellobesità Dieta ipocalorica (in generale: non meno di 1200 kcal/giorno) Occorre: aumentare il consumo di fibra ridurre drasticamente il consumo di grassi e zucchero bere acqua a volontà dividere la razione alimentare in almeno 3 pasti non bere alcolici

7 Diabete mellito Malattia del metabolismo glucidico Carenza o scarsa produzione di insulina glicemia > 126 mg/100 ml sangue È regolato da due ormoni prodotti dal pancreas: insulina e glucagone

8 Diabete mellito Liperglicemia col tempo provoca danni: occhi reni sistema nervoso periferico sistema cardiocircolatorio Quali i fattori di rischio? predisposizione genetica obesità stile di vita sedentario

9 Tipi di diabete Tipo 1 (DID) bambini Sintomi: eccessiva produzione di urina, o poliuria sete persistente e intensa, o polidipsia perdita di peso fame costante Tipo 2 (DNID) adulti Sintomi meno marcati

10 Indicazioni dietetiche nel diabete È fondamentale evitare le oscillazioni glicemiche Occorre: aumentare gli alimenti ricchi di fibra privilegiare i glucidi complessi evitare dolci, alcolici limitare i grassi Dieta equilibrata Esercizio fisico appropriato Farmaci adeguati (insulina o ipoglicemizzanti orali)

11 Malattie cardiovascolari (CV) Malattie CV cuore + vasi sanguigni Fattori di rischio predisponenti: Non modificabili: età sesso maschile familiarità Occorre correggere i fattori di rischio modificando lo stile di vita Modificabili: fumo sedentarietà errori alimentari i percolesterolemia, ipertensione, obesità stress

12 Aterosclerosi Malattia degenerativa che porta a un progressivo ispessimento (per la formazione di ateromi ) e perdita di elasticità dei vasi sanguigni Si manifesta spesso quando sono in atto altre malattie CV Indicazioni dietetiche grassi (< 30% kcal/dì) ac. grassi insaturi ac. grassi saturi (< 10% kcal/dì) ac. grassi ω-3 colesterolo (< 300 mg/dì) fibra

13 Ipertensione Aumento della pressione arteriosa (pressione che il sangue esercita allinterno delle arterie) al di sopra dei valori normali Nell'adulto i valori normali sono: mm Hg di minima (o diastolica) mm Hg di massima (o sistolica)

14 Indicazioni dietetiche nellipertensione Ridurre il peso corporeo in caso di sovrappeso Diminuire lapporto di sodio dieta iposodica Eliminare i fattori di rischio Dieta iposodica Poco sale comune Limitare il consumo di insaccati, formaggi, vegetali in salamoia, salse, ecc. Usare erbe aromatiche Non fumare Evitare lo stress Limitare consumo di bevande alcoliche e nervine

15 Alimentazione e tumori Tumore = anomala moltiplicazione delle cellule di un tessuto Metastasi = diffusione delle cellule tumorali ad altri tessuti cancro Negli alimenti sono presenti: sostanze cancerogene sostanze antitumorali

16 Sostanze cancerogene Aflatossine: prodotte dalle muffe Aspergillus flavus tumori del fegato Nitrosammine: unione dei nitrati o nitriti con le ammine tumori dello stomaco IPA = Idrocarburi Policiclici Aromatici (benzene): si formano nella carne e nel pesce alla brace, prodotti affumicati, ecc. altamente cancerogeni

17 Sostanze anticancerogene e antiossidanti Antiossidanti vitaminici: vit. C, vit. E Antiossidanti non vitaminici: Se, Zn Fitocomposti: catturano i radicali liberi riducono il rischio di malattie circolatorie e altre malattie degenerative ad es. polifenoli, carotenoidi, antocianine, quercitine, glucosinolati, ecc.

18 Come prevenire i tumori? Mantenere il peso ideale Limitare il consumo di: grassi animali sale prodotti conservati e affumicati bevande alcoliche Variare la dieta Consumare frutta e ortaggi freschi a volontà: almeno 5 porzioni al giorno

19 Disturbi del comportamento alimentare (DCA) Malattie di origine psichica Distorsione della propria immagine fisica Soggetti più a rischio: femmine tra i anni Comportano depressione e gravi disturbi allorganismo: apparato digerente, denti, sistema cardiocircolatorio, ecc. Le forme più note di DCA sono lanoressia nervosa e la bulimia

20 Anoressia e bulimia Anoressia = rifiuto del cibo per paura di ingrassare anche quando si è magri Bulimia = abbuffate e meccanismi compensatori (vomito autoindotto, uso improprio di lassativi, ecc.) Il peso corporeo può rimanere anche invariato

21 Malnutrizioni Per eccesso: obesità, ipercolesterolemia, alcune forme tumorali, ecc. Per difetto: vitaminiche, saliniche, malnutrizione proteico-calorica, ecc. sono presenti in molti paesi del Terzo Mondo possono presentarsi in soggetti ospedalizzati, alcolizzati, anoressici, ecc.


Scaricare ppt "DIETOTERAPIA. Dietoterapia: quando? Studio e applicazione dei regimi alimentari in rapporto alle malattie dellorganismo Quando? necessità di modificare."

Presentazioni simili


Annunci Google