La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

APPROCCIO CLINICO AL GINOCCHIO PEDIATRICO. SINTOMI E SEGNI QUADRO CLINICO-NOSOLOGICO TRATTAMENTO DIAGNOSI PERCORSO CLINICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "APPROCCIO CLINICO AL GINOCCHIO PEDIATRICO. SINTOMI E SEGNI QUADRO CLINICO-NOSOLOGICO TRATTAMENTO DIAGNOSI PERCORSO CLINICO."— Transcript della presentazione:

1 APPROCCIO CLINICO AL GINOCCHIO PEDIATRICO

2 SINTOMI E SEGNI QUADRO CLINICO-NOSOLOGICO TRATTAMENTO DIAGNOSI PERCORSO CLINICO

3 1° PASSO FISIOLOGICOPATOLOGICO≠ Fisiologico sviluppo del ginocchio pediatrico Quadri patologici tipici dell’età pediatrica CONOSCENZA

4 Fisiologica evoluzione dell’angolo femoro-tibialeFisiologica evoluzione dell’angolo femoro-tibiale Normale conformazione del ginocchio nel bambino Salenius et al in J Bone Joint Surg Am 1975

5 Normale conformazione del ginocchio nel bambino FISIOLOGICO? PATOL OGICO?

6 Normale conformazione del ginocchio nel bambino Epifisi femorale distale la + fertile del corpo umanola + fertile del corpo umano 0,95 cm/anno0,95 cm/anno 3 gruppi sec. Caffey3 gruppi sec. Caffey Epifisi tibiale prossimale centri di ossificazione secondari (tuberosità) a 8-12aa ♀, 9-14aa ♂;centri di ossificazione secondari (tuberosità) a 8-12aa ♀, 9-14aa ♂; coalescenza ~15aacoalescenza ~15aa Rotula e femoro-rotulea 6-7 centri di ossificazione rotulea6-7 centri di ossificazione rotulea angolo del solco normale < 145°angolo del solco normale < 145° Nella valutazione delle fisi sempre utili Rx bilaterali comparative Normal Growth and Development in the Skeletally Immature Knee from Insall-Scott 2001 Churchill-Livingstone

7 Approccio clinico CLINICA SOSPETTO DIAGNOSTICO IMAGING CONFERMA DIAGNOSTICA STRUMENTI CLINICAIMAGING ANAMNESIANAMNESI ESAME OBIETTIVOESAME OBIETTIVO RXRX ECOECO TCTC RMN…RMN…

8 Anamnesi DurataDurata LocalizzazioneLocalizzazione CaratteristicheCaratteristiche DoloreDolore BilateralitàBilateralità Sintomi d’instabilitàSintomi d’instabilità Relazione con l’attività fisicaRelazione con l’attività fisica Anamnesi famigliareAnamnesi famigliare ANAMNESI

9 FONDAMENTALE RUOLO DEI GENITORI Anamnesi

10 Anamnesi Scarsa collaborazione del giovane pazienteScarsa collaborazione del giovane paziente Scarsa capacità descrittivaScarsa capacità descrittiva Scarsa capacità di localizzazione (<6-7aa)Scarsa capacità di localizzazione (<6-7aa) UNICO SEGNO ZOPPIA DEFORMITÀ

11 Approccio clinico GINOCCHIO PEDIATRICO PATOLOGICO CONGENITA TRAUMATICA NON TRAUMATICA (deformità) (anamnesi di trauma) (assenza di trauma)

12 Patologia congenita e dello sviluppo Lussazione e sublussazione congenitaLussazione e sublussazione congenita Lussazione congenita di rotulaLussazione congenita di rotula Nail-patella syndromeNail-patella syndrome Assenza congenita del LCAAssenza congenita del LCA Rotula bipartitaRotula bipartita Menisco discoideMenisco discoide Blount’s diseaseBlount’s disease Displasia fibrocartilaginea focaleDisplasia fibrocartilaginea focale Evidenti alla nascita Manifestazione tardiva

13 Assenza congenita del LCA RaraRara Associata a femore ipoplasico congenito, aplasia meniscale, menisco discoide, s. trombocitopenica e ipolasia radialeAssociata a femore ipoplasico congenito, aplasia meniscale, menisco discoide, s. trombocitopenica e ipolasia radiale 50% asintomatici50% asintomatici Evidenza Rx di ipolasia spine tibialiEvidenza Rx di ipolasia spine tibiali Rotula bipartita Bilaterale nel 40-50% dei casiBilaterale nel 40-50% dei casi AsintomaticaAsintomatica DD Frattura (scintigrafia) Ipermotilità frammento laterale (Rx skyline view normale e sotto stress) Rottura sincondrosi da microtraumi ripetuti Barrett et al in Orthopedics 1988 Bourne et al in J Pediatr Orthop 1990

14 Tipo Ipolo inferiore 5% Tipo IImargine laterale 20% Tipo III margine supero-laterale 75% Rotula bipartita

15 Patologia traumatica Lussazione acuta di rotulaLussazione acuta di rotula Frattura rotulea (sleeve fracture)Frattura rotulea (sleeve fracture) Frattura-avulsione tuberosità tibialeFrattura-avulsione tuberosità tibiale Distacco epifisario femorale distaleDistacco epifisario femorale distale Distacco epifisario tibiale prossimaleDistacco epifisario tibiale prossimale Frattura metafisaria tibia prossimaleFrattura metafisaria tibia prossimale Rotture meniscaliRotture meniscali Fratture spine tibiali e rotture LCAFratture spine tibiali e rotture LCA Rotture LCP, LCM e LCLRotture LCP, LCM e LCL

16 Frattura avulsione tuberosità tibiale Freq. tra 13-16aa Osgood-Schlatter pre-esistente nel 12-60% dei casi Meccanismo da sforzo in estensione (salto durante attività sportiva) Classificazione di Ogden Tipo III = Salter-Harris tipo IV Trattamento conservativo nelle composte Complicanze: genu recurvatum, tuberosità prominente, sindrome compartimentale anteriore Ogden et al in J Bone Joint Surg Am 1980

17 Frattura avulsione tuberosità tibiale

18 Distacco epifisario femore distale Freq tra 11-15aa ♂>♀ Trauma sportivo a bassa energia Atteggiamento in flessione e impotenza funzionale Solitamente Salter-Harris tipo II Complicanze: Deformità angolari Dismetrie Trattamento: ottenere riduzione anatomica e sintesi stabile Grana WA in J Am Acad Orthp Surg 1995

19 Distacco epifisario tibia prossimale Freq. ♂ 8-15aa Lesioni LCM, ACL o spine tibiali fino al 62% 5/31 con lesioni vascolari Tipi I e II: riduzione chiusa e app. gessato Tipi III e IV: riduzione a cielo aperto e sintesi interna Complicanze: 10% disturbi crescita 10% lesione vascolare 20% artrosi (tipi III e IV) Burkhart et al in J Bone Joint Surg Am 1979

20 Distacco spine tibiali e rottura LCA 8-15aa Freq. distacco spine tibiali > lesione LCA Classificazione di Meyers e McKeever Trauma in iperestensione rotazione Trattamento: Riduzione anatomica Complicanze: Instabilità (<2%) Stanitski CL in J Am Acad Orthop Surg 1995 Meyers M, McKeever F in J Bone Joint Surg Am 1970

21 Patologia non traumatica Da sovraccarico Infiammatoria e sistemica Neoplastica “Meccanica e idiopatica” Osgood-Schlatter Sinding-Larsen- Johansson Plica sinoviale Hoffa’s disease Fratture da stress Condromalacia fabellae JRA Artriti settiche Osteomieliti M. di Lyme Artropatia psoriasica Rachitismo Osteosarcoma Osteoma osteoide Esostosi Fibroma non ossificante OCD “displasia femoro-rotulea”

22 Osgood-schlatter Adolescenti ♂ 13-14aa (10-15aa); ♀ 10-11aa Dolore “sordo” correlato con l’attività sportiva e gli sforzi in sede tuberositaria Bilaterale nel 20-35% dei casi Rx: utile la comparativa Trattamento: Riposo funziomale Stretching apparato estensore Patologia con frequente remissione spontanea, ma… Krause et al in J Pediatr Orthop 1990

23 Osgood-schlatter

24 Osgood-schlatter: caso clinico M. I. 12aa Osgood- Schlatter bilaterale da 2aa Trauma sportivo a bassa energia: (terzo tempo a basket)

25 Osgood-schlatter: caso clinico Avulsione tendine da tuberosità tibiale. Intervento: reinserzion e con ancore e rinforzo con suture tipo Krackov locking- loop

26 Esostosi Neoformazione più frequente con fibroma non ossificante Solitamente asintomatico Diagnosi occasionale Asportazione chirurgica se compressione neuro-vascolare o borsite sovrastante Gebhardt et al in Clin Orthop 1990

27 Osteoma osteoide Dolore notturno Remissione con assunzione di ASA Trattamento chirurgico Micheli et al in Am J Sports Med 1978

28 Osteosarcoma N.B. fondamentale la Diagnosi Differenziale Gottsauner-Wolf et al in J Bone Joint Surg Am 1991

29 Displasia femoro-rotulea SPETTRO CONTINUO DI QUADRI CLINICI LPCS Instabilità femoro-rotulee Fulkerson et al in J Bone Joint Surg Am 1990 McConnel J in Aust J Physiother 1986

30 Displasia femoro-rotulea SINTOMATOLOGIA Gonalgia anteriore Tilt test Sliding test Dolore dopo prolungata posizione seduta Dolore salendo e scendendo le scale Dolore in posizione di Squat Non episodi di lussazione Episodi di “schiocco” femoro- rotuleo Cedimenti da insufficienza apparato estensore Episodi di franca instabilità

31 Displasia femoro-rotulea

32 Trattamento: Conservativo (McConnell) Chirurgico

33 Conclusione CLINICA FISIOLOGICO PATOLOGICO IMAGING DIAGNOSI ≠


Scaricare ppt "APPROCCIO CLINICO AL GINOCCHIO PEDIATRICO. SINTOMI E SEGNI QUADRO CLINICO-NOSOLOGICO TRATTAMENTO DIAGNOSI PERCORSO CLINICO."

Presentazioni simili


Annunci Google